Isole Lofoten & Capo Nord

Viaggio itinerante fly and drive. Visita di Capo Nord e delle Isole Lofoten, quasi 2500 chilometri in 7 giorni

  • di Gianpietro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 16
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Norvegia 2015 “Lofoten & Capo Nord”

Premessa

Capita che ci si trovi a decidere per le vacanze tra amici e ognuno dica la sua del tipo di vacanza che vuole fare.

Capita anche però e così è capitato che io decida di partire da solo e poi trovare un gruppo di amici nella stessa vacanza.

Così succede nei viaggi di “Avventure nel mondo “ dove ognuno sceglie una meta di quelle disponibili, s’iscrive e poi parte e incontra e conosce persone nuove. Bello vero!

Così è stato per quest’estate calda 2015.

Decido quindi di iscrivermi per il viaggio “Lofoten & Capo Nord” di nove giorni, Agosto 2015.

Cercherò di raccontarvi in queste pagine le mie impressioni di viaggio, le attese, quello che è stato e un po’ di dati e di luoghi visitati senza fare però una cronaca della vacanza.

Insomma sta che ci si trova un po’ all’aeroporto di Milano e un po’ a quello di Roma.

Ecco i nomi di quelli che sono stati i miei compagni di viaggio.

Giacomo, Silvano, Alessandro, Michele, Simone, Luigi, Alessandro, Iaia, Michela, Elena, Federica, Valeria, Ombretta, Susanna, Linda e naturalmente io, il Gianpi.

Negli zaini e nelle valigie c’è un po’ di tutto considerando che il tempo a quelle latitudini potrebbe riservare sorprese, e c’è chi si porta via mezzo guardaroba su un borsone da cinema in previsione di climi dal tropicale a quello più rigido del polo nord!

Il programma di viaggio prevede in sette giorni (2 di viaggio, volo a/r) di arrivare a Capo Nord, dal paese di Tromso e poi di scendere fino a visitare gran parte delle isole Lofoten e rientrare a Tromso per tornare in Italia mezzo aereo. Dormire nelle casette più o meno dotate di bagno o cucina dei vari campeggi, debitamente prenotati in anticipo. Il tutto con le macchine prese a noleggio per un totale che sarà di 2350 km, sotto la super visione di Giacomo, il nostro coordinatore.

Durante il viaggio si percorrono le strade della Norvegia rispettando sempre tassativamente i limiti di velocità.

Come dicevo la prima meta è Capo Nord.

La prima tappa di avvicinamento dal campeggio di Tromso verso Alta, 300 km più a nord ci fa prendere un po’ mano con il paesaggio e la strada che varia spesso tra il seguire i continui e sinuosi fiordi ma anche il passaggio tra una valle e l’altra superando qualche altura per poi ritornare a livello del mare. Siamo costretti anche a prendere due traghetti per alcune piccole tratte da dove il paesaggio si osserva meglio ed è affascinante fotografare il tratto di mare, la collina e il più delle volte la montagna sullo sfondo con ancora le chiazze di neve ben visibili. Il tempo è bello, il sole scada gli animi, c’è allegria nel gruppo che comincia a conoscersi e amalgamarsi.

Per il mangiare durante il viaggio e nelle sere nei camping ci si organizza al meglio, in parte con le scorte portate dall’Italia, visto i costi elevati della Norvegia, e in parte con la spesa che quasi ogni giorno si faceva nei supermercati che si trovavano sulla strada. Naturalmente il panino con il salmone nei primi giorni era il “piatto forte” ma poi anche insalata, formaggi freschi e frutta abbondavano ed era bello cercare una secca o un angolo di fiordo per fermarsi a mangiare seduti sui sassi a contemplare il paesaggio, osservare i gabbiani, scattare foto, fumare una sigaretta.

I bungalow del campeggio di Alta erano carini dotati di cucina e bagno, ma non sempre troveremo tutte queste comodità!

Essendo un viaggio itinerante, ogni mattina bisognava ripartire con i propri bagagli e la cambusa, il tutto da ricaricare nelle macchine e spesso alla spicciolata, perché la strada de percorrere ogni giorno era lunga, ma le soste per fare la spesa, fare pipì, fare foto ad ogni angolo di paradiso che ci aspettava dietro ogni curva, imponevano di partire entro le 8, ma non sempre ci si riusciva!

La seconda tappa quindi prevedeva l’arrivo a Capo Nord, 240 km di macchina per arrivarci e di seguito un trekking di sei ore e 18 km per raggiungere l’estremità ancora più a nord della più conosciuta località dove sole la forza delle proprie gambe avrebbe portato a destinazione

  • 24743 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social