Capodanno on the road: Budapest, Lubiana e Trieste

Da Bologna alla capitale ungherese, passando per il Friuli e la Slovenia

  • di marcop85
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo partiti il 26 dicembre, tornati il 2 gennaio e in totale abbiamo percorso circa 1.800 km, spendendo approssimativamente 1200 euro.

Per le vacanze invernali abbiamo deciso di fare un nuovo viaggio on the road da Bologna a Budapest, passando per Trieste e Lubiana. Siamo partiti il 26 dicembre, tornati il 2 gennaio e in totale abbiamo percorso circa 1800 km, spendendo approssimativamente 1000-1200 euro.

Il 26 dicembre, dopo pranzo perché dovevamo smaltire la ‘stanchezza’ e le abbuffate dei giorni precedenti, partiamo alla volta di Trieste dove arriviamo in circa 2h 45m. Visitiamo esternamente il Castello di Miramare e il lungomare, per poi dirigerci in città. Trieste è un piccolo gioiello, con viali piazze e palazzi che mescolano la tradizione italiana e quella austriaca. Si potrebbe facilmente definire una Vienna in miniatura, se non fosse che possiede anche peculiarità architettoniche tutte italiane. A cena ci siamo recati presso l’Osteria De Scarpon, specialità pesce. Siamo rimasti abbastanza soddisfatti dell’antipasto e dei due primi più sorbetto e acqua che abbiamo gustato per 40 euro di spesa. Il ristorante è abbastanza comodo al centro cittadino, in cui abbiamo fatto una passeggiata serale.

Il nostro hotel era fuori città, si chiama Alla Valle di Banne ed è un tre stelle confortevole con personale gentile e disponibile. Gli arredi sono un po’ datati ma molto funzionali. Abbiamo speso per una notte 71 euro.

La mattina del 27 dicembre siamo partiti alla volta di Budapest. Abbiamo acquistato in un bar esattamente al confine con la Slovenia la vignetta (euro 15 per una settimana) e abbiamo attraversato il paese sfiorando Lubiana e Maribor. L’autostrada è simile alle nostre, larga e attrezzata con aree di sosta e di servizio. Poco prima del confine con l’Ungheria, in un’area di servizio nei pressi di Murska Sobota abbiamo acquistato la vignetta ungherese, 11 euro per 10 giorni). Il viaggio, in totale, dura circa 5 ore, un po’ rallentato appena entrati in Ungheria dall’autostrada che per un tratto di circa 10 km diventa ad una corsia per senso di marcia. Il paesaggio intorno è un po’ tirolese, ma senza montagne di spessore. In territorio ungherese invece regna la pianura, grandi distese verdi oscurate dalla nebbia fitta.

E infatti avremmo voluto fermarci a mangiare qualcosa presso Siofok sul lago Balaton, ma la nebbia folta e il freddo polare ci hanno indotto a proseguire direttamente il viaggio fino alla capitale, dove siamo giunti intorno alle 17. Il nostro hotel si chiama Danubius Hotel Helia ed è un ottimo 4 stelle dotato di SPA, bar e ristorante, nonché di parcheggio custodito. Abbiamo speso 350 euro per 4 notti e 40 euro di parcheggio. Abbiamo anche approfittato della SPA inclusa nella tariffa. Attenzione perché, a parte le vasche di acqua termale, che qui non è sulfurea, ma azzurra!, sauna e bagno turco non sono promiscui ma separati per uomini e donne, cosa che qui è normale, ma per noi un po’ strana e anche un po’... noiosa.

In serata abbiamo fatto una prima passeggiata in città, prendendo confidenza con la Basilica di Santo Stefano e con le principali piazze di Pest, vale a dire Vorosmarty e Deak terence Ter. Abbiamo cenato, erroneamente, in un locale troppo vicino a Santo Stefano, la qual cosa ha comportato una spesa di 33 euro per due menù, uno di gulash e uno di pollo, per carità ottimi ma certamente non eccellenti se comparati a quel che abbiamo degustato in seguito. Il locale, così lo evitate, si chiama Buso Bistro

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 4168 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social