Passeggiando al tramonto sulla spiaggia di S.Maria

Sal è un'isola piccolina, desertica e brulla. La prima sensazione che ho provato io e la mia compagna, scendendo dall'aereo, è stata la malinconia. Poi quando ci si sono aperte le porte di Vila do Farol, siamo stati travolti e ...

  • di silvio
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Sal è un'isola piccolina, desertica e brulla. La prima sensazione che ho provato io e la mia compagna, scendendo dall'aereo, è stata la malinconia. Poi quando ci si sono aperte le porte di Vila do Farol, siamo stati travolti e contagiati dall'allegra animazione del Bravo Club. Il villaggio è un oasi di verde, pulito e ben attrezzato. Le camere, tutte munite di condizionatore e cassetta di sicurezza, sono carine ed ordinate. Di ottimo livello il ristorante, ove si gusta sia a pranzo che a cena, freschissime grigliate di pesce spada e tonni. Suggestiva la piscina, molto adatta ai bambini, con al centro un simpatico bar. Favolosa ed immensa la spiaggia che si estende per un clilometro a sinistra sino al pontile di Santa Maria e per circa altri otto clilometri a destra.Quest'ultimi, sono otto chliometri di magia, contornati da un oceano verde e vivace e dal vuoto del deserto. Davvero suggestivo è passeggiarvi al tramonto, cullati dalla brezza e rapiti dai colori. Gli animatori, per la maggior parte italiani, sono simpatici, bravi e mai invadenti. Ricordo in particolare Simone, Daniela e la mia preferita: Serena. Purtroppo, essendo l'isola davvero piccola, le escursioni sono limitate. Quella che prevede la visita in mezza giornata dell'isola è più che sufficiente. Avrete occassione di vedere Espargos, il porto di Palmeira, le piscine naturali di Burracona e farete il bagno nelle saline di Pedra de Lume (da urlo!!!). Non perdetevi, domenica mattina, la visita della chiesa protestante e di quella cattolica di Santa Maria. Vi assicuro che è davvero toccante! I Capoverdiani sono molto simpatici mentre risultano estremamente pallosi i Senegalesi che tentano di venderti ogni cosa in qualsiasi angolo del paese. Consigli: portatevi dietro una buona quantità e varietà di farmaci, perchè all'interno del villaggio (anche se è presente un'infermeria con relativo medico italiano), ve ne è carenza. Occhio al sole che picchia davvero ed alle onde dell'oceano che sono impetuose. Non preoccupatevi eccessivamente (anzi fatelo poco) per la tanto paventata dissenteria: noi abbiamo mangiato e bevuto di tutto senza mai accusare dolori od altro. Godetevi ogmi momento di questa rilassante vacanza perchè il giorno del ritorno a casa, arriva in un baleno. Sempre vostro, Silvio.

  • 420 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social