Capo Verde, isola di Boa Vista: una scheggia di deserto in mezzo all’Atlantico

Relax tra spiagge incontaminate, natura selvaggia e... asinelli e caprette

  • di Libra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La mia vacanza estiva quest’anno è iniziata presto. Non mi era forse mai capitato di essere così abbronzato già a fine giugno. La scelta di una vacanza su una delle isole di Capo Verde non è nata proprio a caso.

Erano già un po’ di anni che tra amici si voleva organizzare, io ero forse quello più titubante, sia perché non ero molto incuriosito, sia perché non sono molto tipo da vacanza “beach & sun”, sia perché preferivo sempre altro e quindi “dirottavo” meta. Però non si può sempre rimandare, così questa volta ho deciso di accettare la proposta e la meta.

Prima ci siamo documentati su quale isola andare. Le scelte erano fondamentalmente due: o l’isola di Sal o l’isola di Boa Vista. Difatti son solo queste due isole ad essere collegate via aereo con voli charter dall’Italia. Queste due isole si prestano maggiormente a un turismo da vacanza, dedicato al mare e al relax. Credo che se si voglia magari invece scoprire un po’ anche di altro sarebbe più opportuno andare ad isole come Santiago o Sao Vicente. Purtroppo per spostarsi tra le isole abbiamo visto che è molto complicato. Richiede diversi giorni e costa anche abbastanza. Quindi l’idea di eventuali spostamenti l’abbiamo scartata praticamente subito.

Innanzitutto localizziamo il posto. Capo Verde è uno stato insulare dell'Africa occidentale, situato nell'oceano Atlantico a ovest del Senegal. L'arcipelago è formato da 10 isole maggiori, nove delle quali abitate più altri 8 isolotti completamente disabitati. Il clima è tropicale secco. La temperatura media annua oscilla attorno ai 25 °C. I mesi più caldi rimangono quelli estivi con una temperatura media di 28 °C, mentre in quelli invernali la media si assesta sui 24 °C. La differenza tra inverno ed estate è data unicamente dall'escursione termica tra giorno e notte. D'estate il termometro scende, di notte, anche a 23 °C, d'inverno anche a 21 °C. In oceano la temperatura oscilla tra i 21 °C (febbraio e marzo) e i 25-26 °C (luglio, agosto, settembre). Il vento non ha stagionalità. Soffia quasi costantemente, anche se molto meno nel periodo estivo, tra giugno e settembre. Per la scelta del periodo in cui effettuare il viaggio, il clima è, in pratica, ininfluente. Trovandosi nella fascia tropicale nord, Capo Verde, ha, in teoria, una stagione secca (da ottobre a maggio) e una delle piogge (da giugno a settembre). Solo in teoria però, poiché a Capo Verde uno dei problemi più pesanti è l'assenza di precipitazioni. Se proprio volessimo fare una scelta i periodi forse migliori (sia per vento, sia per colori) sono novembre e dicembre. Da evitare il periodo dalla metà di luglio a fine settembre, quando il cielo è meno nitido, clima molto più umido e temperature quindi più elevate, con possibilità di piogge. Solo in teoria però, poiché, ripeto, uno dei problemi più pesanti è proprio l'assenza di precipitazioni. Queste isole, precedentemente disabitate, sono state scoperte e colonizzate dal Portogallo nel 15° secolo; in seguito divennero un centro del commercio degli schiavi africani e poi una importante stazione di rifornimento di carbone per le baleniere e i cargo transatlantici. Guadagnarono l'indipendenza nel luglio 1975. La maggioranza degli abitanti di Capo Verde ha ascendenza mista africana e portoghese.

Tra Sal e Boa Vista, collegate entrambe da diversi aeroporti italiani (Bologna, Verona, Milano e Roma), alla fine optiamo per Boa Vista. La scelta di Boa Vista è stata fatta dopo aver letto un po’ di recensioni e commenti in internet ma anche di qualche amico che era già stato nelle due isole. Boa Vista perché un po’ meno affollata rispetto a Sal, un po’ più grande, molte più spiagge, molto più selvaggia e con qualche cosa in più da vedere. Ovviamente poi si sa, le cose son molto soggettive. Al rientro ad esempio parlando con altre persone che erano state anche su Sal ci è stato riferito, da alcuni, che avevano preferito Sal. Al mio chiedere come mai le risposte erano fondamentalmente due: c’è più vita notturna ed avevano beccato un clima migliore. Per quanto riguarda la vita notturna, posso dargli forse ragione, per il clima non saprei… Alla fine siamo lì…! Boa Vista è l’isola di Capo Verde con la più bassa densità di popolazione, in rapporto alla grandezza (16mila abitanti, secondo le ultime stime). Le sue dimensioni, per intenderci, sono circa tre volte la più turistica Sal. Abbiamo così trovato un’ottima offerta attraverso un tour operator che avevamo adocchiato già tempo fa in internet, che offriva un servizio soft all inclusive in una struttura a gestione italiana al nord dell’isola, poco più su del capoluogo di Boa Vista, la cittadina di Sal Rei. L’offerta è stata davvero vantaggiosa, una settimana tutto compreso (volo+resort+soft all inclusive+gestione pratica e visto+assicurazione) a soli 670 euro. Considerando che non c’era il supplemento per singoli, considerando altri prezzi offertici molto più cari, considerando che più volte in passato avevamo dato un occhio e il prezzo era quasi il doppio, questa volta abbiamo subito colto l’occasione e prenotato. Anche se io amante di queste tipologie di vacanza organizzate non sono proprio… In alcune circostanze, e per alcuni posti, son quasi scelte obbligate o comunque più convenienti

  • 3423 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social