Relax a Capo Verde

Un veloce ma intenso viaggio tra Sao Vicente e Santo Antao... fuori dalle solite mete

  • di emcoro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Diario di viaggio Capoverde

Una destinazione maturata da tempo, che, finalmente, grazie a un tour operator italiano, www.Capoverdeavventura.com, ho potuto soddisfare. Pronti... via! La scelta, per il tempo ristretto a una settimana, é caduta sulle isole di sopravento Sao Vincente e Santo Antao a nord dell'arcipelago, luoghi poco battuti dalla massa. Una formula basata sulla visita vera del territorio nei suoi aspetti più naturali e umani.

Mindelo - Sao Vincente

Atterrato all'aeroporto di San Pedro, in mezzo ad una zona desolata, ci si trova a contatto direttamente con le caratteristiche del posto: vento caldo umido, temperatura tropicale, scenografia lunare, con montagne alte rocciose arse e spoglie da vegetazione. Dopo la tipica coda dei piccoli aeroporti per il visto, ad attendermi c'è la guida locale. In dieci minuti siamo a Mindelo, l'unica vera cittadina dell'isola. Bè, un'altra dimensione!...stile centro America: un insieme di costruzioni a volte colorate, a volte grezze, a volte catapecchie, in misto stile coloniale, ma anche con grattacieli spartani sorti tra gli anni 70 e 80. E poi gli abitanti locali: un mix di razze tra l'africana, la Caraibica con influenze, però, europee segno dell'occupazione coloniale (è affascinante notare capelli biondi, rossi e occhi chiari). Il tutto in un atmosfera rilassata, a volte confusionaria, povera ma dignitosa. Stile di vita perciò tranquillo, poca modernità ma essenzialità, sorrisi e cordialità. Ospitali e disponibili. C'è tutto quello che serve ad una comunità, ma un turista abituato ai servizi europei è fuori posto. Qui si assapora veramente la vita locale.

Bello è perdersi nelle stradine del centro e ammirare le case colorate e i negozietti mentre la gente staziona pacificamente all'esterno, a volte con banchetti improvvisati, vendendo qualsiasi prodotto.

Il caldo invita a fare un bagno: quindi guardando il porto si seguono le indicazioni verso destra e in dieci minuti si arriva alla spiaggia cittadina Laghigna. Grande, bianchissima con l'acqua turchese. Una bella scenografia perché attorniata da rilievi. Unico neo: alle spalle un insieme di palazzoni e l'inizio della zona industriale con l'aggiunta del depuratore che produce un ronzio di fondo fastidioso.

La visita a questa spiaggia mi fa scoprire un hobby dei capoverdiani che mi ha lasciato a dir poco senza parole: l'attività fisica! e in special modo il jogging. È incredibile come una popolazione umile e semplice, che ha comunque un tenore di vita medio basso e alle soglie della povertà, dedichi così attenzione al proprio corpo, a tutti i livelli d'età, e senza l'utilizzo di palestre ma immergendosi nella loro aria pura e ancor di più in riva al mare. Come li ho ammirati! Dovremo tutti imparare da loro.

Da visitare in città: i mercati coperti di verdura e di pesce, oltre agli innumerevoli bar dove è possibile ascoltare della musica dal vivo (capita di essere coinvolti in Jam session di gruppo assieme ad artisti noti e memo noti - un emozione unica...).

Il mangiare: è meglio premunirsi in anticipo se non avete una guida, di un menù con traduzione, se no rischiate di mettere in bocca qualcosa di poco gradito. Ma capita anche, tale e la loro ospitalità, che qualche locale ti faccia assaggiare qualcosa dal suo piatto per farti conoscere ancor di più la bontà dei propri prodotti. In prevalenza si degusta il pesce, il pollame, il " porco", una grande varietà di legumi e verdure. Scordarsi la dieta mediterranea!

Escursione Monte verde: la più alta montagna, ormai non più verde, dell'isola. Raggiungendo la base ci inoltra su una ripida salita, su una strada lastricata a pietra come tante vie di montagna di Caboverde. Si può percorrere con un fuoristrada o semplicemente a piedi. Se il tempo lo permette, in cima lo spettacolo è assicurato. Le isole vicine Santo Antao, Santa Lucia... si ammirano in tutta la loro maestosità

  • 20009 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social