Canarie fra trekking e mare

Tra i villaggi e le intricate distese di foreste di La Gomera e relax finale sulle spiagge di Maspalomas, a Gran Canaria

  • di mirko.1976
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Viaggio a La Gomera-Gran Canaria dal 3 al 14 marzo 2017 (11 notti). La Gomera, isola fantastica delle canarie dove ci sono pochissimi italiani. Il viaggio è stato organizzato da Mirko Simionato

BIGLIETTERIA AEREA:

03/03 FR 4076 Treviso 13.00 / Tenerife Sud 16.50 volo operato da Ryan air

06/03 NT652 La Gomera 17.50/ Tenerife Norte 18.20 NT 186 Tfn 19.00/ Lpa 19.30 voli operati da Binter Canarias

14/03 IB 3825 Gran Canaria 15.05/ Madrid 18.50 IB 3248 Madrid 19.50/ Venezia 22.15 voli operati da Iberia express/Iberia

03/03 partenza per La Gomera

Partenza dall’aeroporto di Treviso, dove arrivo circa 2 prima della partenza del volo, cortesemente accompagnato da mamma e papà. Provvedo al disbrigo delle formalità d'imbarco: imbarco un bagaglio da 15 Kg: novità di quest’anno è rappresentata dall’"auto spedizione” del bagaglio. In pratica c’è una sorta di pesa tipo pesa della frutta al supermercato, si schiaccia un bottone per l’etichetta ed un’aiutante ti segue nella spedizione del tutto. Pochi spediscono i bagagli, in quanto si pagano, ma comunque il check in è completamente intasato in quanto l’aeroporto di Treviso è molto piccolo e non c’è lo spazio sufficientemente per controllare tutti i numerosi passeggeri low cost. Molti poi utilizzano dei trolley che superano le modeste dimensioni consentite da Ryan air e questo rallenta ulteriormente le procedure di controllo. Inoltre, il boing irlandese parte proprio sopra le case degli abitanti di Quinto di Treviso, che credo non siano particolarmente contenti.

Partenza in ritardo per Tenerife Sud e arrivo alle 17.20 con 30 minuti di ritardo causa forti venti contrari. All’aeroporto lunga attesa per la consegna bagagli che mi impedisce di prendere l’autobus di linea Titsa per Costa Adeje n. 111 delle 17.50. Prendo pertanto un taxi alle 18 che, in pochi minuti, supera tutto il traffico e il caos cittadino di Los Cristianos (che è completamente intasata da italiani che affollano questa località turistica) che, con 25€, mi porta al porto di Los Cristianos. Nave Fred Olsen delle 19 con arrivo a San Sebastian de la Gomera alle 19.50. Nonostante il mare calmo, la nave ondeggia molto, per cui sconsiglio il viaggio in nave a chi soffre di mal di mare: in quel caso meglio optare per un volo binter canarias da Tenerife norte. Al porto trovo l’accoglienza festosa del sig. Marco Ferro che nel frattempo aveva noleggiato una super Opel Meriva turbo all’aeroporto di La Gomera alle ore 17.45 presso Cicar e, dall’aeroporto, aveva percorso le strade strettissime e serpeggianti lungo pareti di roccia e precipizi che lo avevano portato a San Sebastian de La Gomera. Trasferimento in auto a Valle Gran Rey, passando per il Parco nazionale di Garajonay, immersi nella nebbia e nella bruma, a soli 8°: bellissimo. Sistemazione nelle camere riservate presso “Apartamentos Baja del Secretos”, dove cortesemente ci omaggiano di una ottima bottiglia d’acqua fresca. Paghiamo con carta di credito il rimanente costo delle 3 notti in appartamento, dopo la caparra versata al momento della prenotazione. Alla sera cena a Valle Gran Rey con serata di Carnevale.

04/03 Tre giorni perfetti a La Gomera: Primo giorno

Iniziamo il tour dell’isola da veri escursionisti. Dopo un’ottima colazione al porto, partiamo in direzione La Laguna Grande, che si trova al centro del Parco di Garajonay. Da lì procediamo a piedi per esplorare il parco, facendo una piccola passeggiata di un facile percorso circolare di 20 minuti (0,75 km) come introduzione al parco. E’ tutto bellissimo, ma purtroppo fa molto freddo e l’umidità penetra delle ossa, sembra di stare a Venezia a novembre nella nebbia: vi consigliamo di indossare scarpe da trekking e non da tennis (è tutto bagnato e scivoloso), indumenti caldi, il berretto e una giacca impermeabile, perché è tutto bagnato. Riprendiamo l’auto e zigzaghiamo dentro e fuori questa magnifica foresta di lauri immersa nella foschia: l’intricata distesa delle foreste di La Gomera è semplicemente affascinante e meravigliosa. Sempre in automobile proseguiamo alla Casa Efigenia, ristorante piuttosto rustico (orario 8-20) dove facciamo un ottimo pranzo gomero. A Las Hayas ci accoglie l’anziana Efigenia che, su una lunga tavola comune, ci porta un menu vegetariano standard: zuppa gomera, gofio, insalata con banane, dolce e vino bianco de La Gomera ottimo a soli 26€ in due

  • 1205 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social