Fuerteventura e Lanzarote

Anticipo di primavera alle Canarie

  • di paolof
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Approfittiamo anche quest’anno dei voli da Pisa per le Canarie e, dopo la vacanza del 2013 a Tenerife, questa volta optiamo per Fuerteventura, già prevedendo di visitare anche Lanzarote. Come già sperimentato, le Canarie a febbraio o marzo sono una meta invitante, per gustare un anticipo di primavera e con la possibilità sia di stare un po’ al mare, che di fare escursioni e visitare interessanti paesini e bellezze naturali.

Invece che un resoconto dettagliato del viaggio, voglio dare alcune informazioni e suggerimenti che spero possano essere utili ad altri viaggiatori.

Come accennato, abbiamo deciso di stare quattro giorni a Fuerteventura e tre a Lanzarote, scelta azzeccata anche se Lanzarote è forse più bella, ma essendo più piccola la si può visitare anche in pochi giorni. La nostra tipologia di viaggio non prevede vita d’albergo o di villaggio turistico, né intere giornate al mare, anche se un po’ di relax è comunque d’obbligo tra una meta e l’altra.

Abbiamo noleggiato la macchina con Cicar, compagnia che si è dimostrata molto affidabile: facile prenotazione su internet (sito in italiano), senza dover registrare la carta di credito, prezzi vantaggiosi, secondo guidatore compreso nel prezzo, e poche formalità alla consegna e alla restituzione. È anche possibile traghettare da Fuerte a Lanzarote (e viceversa), purché si restituisca l’auto nella stessa agenzia di ritiro. Al ritiro ci hanno chiesto una cauzione di 38 € per il carburante, puntualmente restituita al momento della riconsegna con serbatoio pieno, anche se col senno di poi, visto il prezzo della benzina (circa 1,1€), conviene riportare l’auto a secco (abbiamo infatti speso 42 € per il pieno finale).

Riguardo al passaggio da un’isola all’altra, secondo noi conviene traghettare l’auto con la compagnia Armas: in quattro abbiamo speso 148€, ma le alternative (doppio noleggio auto, una per isola) erano più care e meno comode.

In entrambe le isole la caratteristica è il vento, e a marzo le sere possono essere freddine: di giorno invece ci si abbronza facilmente senza sentire troppo caldo, con rischio ustioni se non ci si protegge adeguatamente. Inoltre, a marzo il mare non invita molto a fare il bagno, sia per il vento che per le onde e le correnti. Meta ideale invece per i surfisti, con possibilità di divertimento sia per i più esperti che per i principianti.

Fuerteventura è più desertica, con spiagge chilometriche (impressionanti le dune di Corralejo) e piacevoli paesini anche all’interno (su tutti, Betancuria). Qualche consiglio: il faro di punta Toston e quello di La Entellada; le cene di pesce a Corralejo (noi ne abbiamo gustato una ottima alla “Cofradia de pescadores”); il paesino di Las Playitas; la casa de los coroneles a La Oliva; la playa de sotavento sotto Costa Calma. Per il soggiorno, abbiamo scelto un albergo a Puerto del Rosario (prenotato con Venere), e comunque consiglierei una località sulla costa ma centrale, in modo da poter fare escursioni sia a nord che a sud.

Lanzarote è un’isola vulcanica, raggiungibile da Corralejo in circa mezz’ora di traghetto. Abbiamo alloggiato a Costa Teguise, centro balneare e ottima base per le escursioni e a pochi chilometri da Arrecife, capoluogo e centro principale che merita una visita, e magari una cena sul bel porticciolo (noi ci siamo trovati bene al ristorante Casa Ginory, con ottima grigliata di pesce). Anche qui qualche consiglio: ovviamente il parco vulcanico di Timanfaya (si arriva in auto, poi è obbligatorio il giro in pullman, a meno che non si opti per il dromedario); interessante la zona della Geria con le viti coltivate a ridosso di buche e muretti anti vento; la casa museo di Cesar Manrique per scoprire un artista che ha contribuito a mantenere l’isola incontaminata; la zona di Orzola con veduta sull’isola di Graciosa; le cittadine di Yaiza e Teguise

In conclusione, una vacanza piacevole, non troppo costosa, una settimana di distacco dal lavoro: e, se sarà possibile, per il prossimo anno pensiamo a Gran Canaria…

  • 25166 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social