Alla ricerca dell'orso (e non solo)... in Canada

Tra Vancouver Island e i parchi con una piccola deviazione per Seattle

  • di medea77
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Finalmente arriva giugno e con esso la nostra vacanza canadese che prevede anche una breve deviazione per Seattle a trovare una coppia di amici.

Partenza 2 giugno con Air Canada alle 11.30 con scalo a Toronto alle 15.00 (ora locale), partenza per Vancouver alle 16.20 e arrivo alle 18.30 alla final destination. Ritorno previsto per il 17 giugno, con partenza da Vancouver alle 23.30, scalo di 10 ore a Toronto (arrivo alle 6.24 e partenza alle 17.05) per arrivare a Venezia alle 7.30 di domenica 19. Il tutto per 734 euro a testa comprensivo di assicurazione sanitaria e annullamento viaggio. È il primo volo intercontinentale dove non ci sono schermi interattivi, c’è la possibilità di noleggiarli a 10$, ma resistiamo alla dipendenza da tecnologia optando per libri e cruciverba. Il sedile non è molto reclinabile, cosa che sarebbe fondamentale per i viaggi lunghi, rendendo difficile il pisolino durante il volo. Ma il bello arriva allo scalo a Toronto. Abbiamo solo 1 un’ora e venti minuti comprensivi di controlli alla dogana e ci affrettiamo verso la zona connection flight, rassicurati sia a Venezia che dal capitano durante il volo precedente che il nostro bagaglio sarebbe arrivato direttamente a Vancouver. E invece ci attende il primo imprevisto del viaggio: mandano uno di noi a prendere le valigie che sono state scaricate lì a Toronto per i controlli e questo ci fa perdere il volo!! Veniamo comunque imbarcati su quello successivo, quindi nel male perdiamo solo un’ora e mezza che non incide sui nostri piani. La pessima organizzazione stupisce anche l’addetta Air Canada che ci segue in tutto il processo di cambio volo, che alla domanda “come mai ci avevano detto che i bagagli sarebbero arrivati direttamente alla destinazione finale?” si limita a commentare “’cause they are so stupid…” . Il secondo volo dura la metà del primo ma, causa stanchezza, sembra il doppio…e ovviamente rischiamo il congelamento da aria condizionata. Questa volta ci sono gli schermi ma sprovvisti di cuffiette e la cena è a pagamento (due panini ci costano 20$ canadesi). Insomma, Air Canada non è una delle migliori compagnie con cui abbiamo viaggiato, ma l’offerta era irresistibile! All’arrivo non ci sono più controlli in dogana ed è piuttosto facile arrivare a Downtown grazie allo Skytrain (7.95$ canadesi); il biglietto si acquista alle macchine direttamente sulla piattaforma che prendono anche la carta di credito. Ci impiega 25 minuti per arrivare a Waterfront ma noi scendiamo alla fermata prima, a Vancouver City Centrum che da direttamente su Granville Street, a due passi dall’ostello. Granville Street stupisce subito per la quantità di locali festosi e le libertà espressive di alcuni personaggi che gironzolano per strada. Posiamo i bagagli e andiamo a bere una birra in un pub appena sotto l’ostello.

Johnny Fox 1033, Granville Street. Ottima birra irlandese e un bicchiere di sidro, più un delizioso piatto doppio di Pochos per 35CAD comprensivo di mancia.

Alloggio- HI-Vancouver Central - Prezzo: 115CAD (al prezzo originale va aggiunto il 10% perchè non siamo tesserati) - Indirizzo: 1025 Granville Street, Vancouver

Ostello della catena Youth International Hostel, è un ostello classico e spartano in ottima posizione nella strada più viva del centro. Camera doppia, volendo anche tripla perché è dotata di un letto a castello con matrimoniale di sotto e un singolo di sopra. Non c’è l’armadio ma per essere un ostello la camera è spaziosa. In camera c’è il lavandino e i bagni in comune sono abbastanza puliti. Inoltre. è tranquillo nonostante il casino in strada. C’era soltanto un asciugamano. Nel prezzo era inclusa anche la colazione: non un granchè, con caffè e succhi , però è un buon momento per avere scambi con altri viaggiatori

  • 13980 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social