Il meglio del Canada Occidentale (prima parte - Vancouver City)

Un viaggio che mi ha portata a realizzare più di un grande desiderio

  • di francesca ricci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Un viaggio che mi ha portata a realizzare più di un grande desiderio!

PRIMA PUNTATA: 28 LUGLIO-1 AGOSTO: VANCOUVER CITY (seguono altre tre puntate)

Partenza da Bologna, volo Lufthansa su Vancouver (1200 euro andata e ritorno, prenotato a inizio giugno online col sito skyscanner.it) con una stop a Monaco di 4 ore, dove incoraggiata da altri che lo fanno, approfitto di un angolino tranquillo con poltrone morbide per una dormitina. Già sono in viaggio! Il volo lungo, che mi spaventava perché era il mio primo transoceanico, fa scivolare le sue 9 ore tra una chiacchierata con la mia dolcissima Parto, una signora turca residente in Canada, di ritorno da Ankara, che era seduta vicino a me; un film sul minischermo; varie mangiate; qualche tentativo, inutile, di sonno. Volare verso ovest è stranissimo: seguiamo la rotta del sole quindi il sole è sempre più o meno nello stesso punto, con la stessa intensità luminosa. Arrivo a Vancouver, quindi, alla stessa ora della partenza, cioè a metà pomeriggio.

Accoglienza della mia amica Norah, conosciuta al Festival flamenco di Jerez de la Frontera lo scorso febbraio, e di sua nipote Neha, traslocata in Canada dal Rajastan diversi anni fa. Con la macchina, mi portano al Queen Elizabeth Park, a sgranchire gambe e polmoni, a godere la prima occhiata di enormi alberi, lussureggianti aiuole di fiori, scorci di oceano e grattacieli. Sono contenta! Qui è caldo: penso che forse ho portato con me cose troppo pesanti. Mi dicono che l'estate qui è stata meravigliosamente soleggiata e calda. Bene, speriamo che lo rimanga! Tour in macchina lungo Spanish beach e Gerico beach, poi nella zona universitaria, letteralmente immersa nel verde. Se non fosse che mi stanno dicendo che per il resto dell'anno qui piove sempre, sto già progettando un trasloco.

Dormo 4 notti a casa di Neha, che mi offre la sua camera migliore, con letto grande e bagno privato, mentre la cara Norah si sistema sul divano letto. Mi sento una principessa! Tre giorni volano: passeggiata a Downtown, dove scopro di non amare le strade chiuse tra grattacieli, noleggio bici e tour della ciclabile di Stanley Park, con lunga sosta nel punto in cui sono esposti parecchi totem poles, a cui dedico tempo e letture. Scopro che non erano oggetti di culto, ma narrazioni, racconti, carte di identità di individui e famiglie. Con fattezze anche grottesche, enormi, colorati, mi si presentano gli animali selvatici che spero di poter incontrare in carne e ossa: l'aquila, regina dei cieli; il lupo, signore della terra; l'orso, padrone dei boschi; la balena, regina dela mare; l'orca, reincarnazione degli avi; la rana, mediatrice tra terra e acqua e genio del cambiamento. E, last but not least, the Raven, il corvo, colui che, secondo la cultura dei nativi (le First Nations), ha fatto nascere i primi esseri umani. Su questa ciclabile passano in tanti, turisti e non. I ritmi sono rilassati, è caldo, ci si ferma spesso a godere della vista di monti mare grattacieli (belli da lontano!).

Me la godo tutta e mi fermo su una panchina a godere sole e brezza oceanica, pranzando con un'insalata di pollo speziata meravigliosa, comprata per pochi dollari al supermarket.

PARENTESTI SUI DOLLARI: il nostro euro ha un buon potere d'acquisto qui, perché è un dollaro punto tre.

Musei visitati: la Art Gallery, in centro, in cui vado solo per vedere i quadri di Emily Carr, vibranti, e il Museum of Anthropology, da non perdere per la location e per le bravissime guide che gratuitamente portano i visitatori davanti ai pezzi più belli e li spiegano

  • 7776 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social