Canada

Premessa Scrivo questo racconto quando sono passati alcuni mesi dal viaggio in Canada e molte delle emozioni sono già evaporate. Scrivo per condividere alcune informazioni che potrebbero essere utili a chi sta organizzando la sua vacanza in Canada. Sono un ...

  • di fperego1965
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Premessa Scrivo questo racconto quando sono passati alcuni mesi dal viaggio in Canada e molte delle emozioni sono già evaporate. Scrivo per condividere alcune informazioni che potrebbero essere utili a chi sta organizzando la sua vacanza in Canada. Sono un viaggiatore medio. Nove anni di vacanze di due/tre settimane, in macchina per l’Europa: Tromso (Norvegia), Lisbona, Istanbul gli estremi toccati. Un paio di fai da te in Messico/Guatemala e India. Poi un bimbo, toccata e fuga ai Caraibi, qualche altra smacchinata in Europa. Ora che ha 5 anni e mezzo il Canada. Quanto descritto per capire il mio stile di viaggio.

Itinerario L’idea del Canada è di mia moglie Sonia, risale al 2005, ma matura nel 2006. Prendiamo i biglietti per Toronto a fine marzo, poi inizia la parte più difficile. Ontario? Quebec? British Columbia? Alberta? 19 notti sul territorio canadese sembrano molte, ma per una area vasta quasi 10 milioni di km quadrati, anche se il 90% dei 33 milioni di abitanti vive lungo i 6500 km del confine meridionale con gli USA, la pianificazione deve essere accurata. Ho incontrato, sul mio percorso, turisti delusi dal Canada, perchè hanno speso diverse ore in macchina con la sensazione di non aver visto nulla.

La mia bibliografia include le solite guide turistiche, con la Lonely Planet in cima, i racconti su Internet, gli itinerari di agenzie turistiche (spunti da HotelPlan – Cso Italia – Milano) e quelli di Argonauti e Avventure nel Mondo. Un errore è stato quello di non aver chiacchierato con un testimone diretto, che ha visitato la costa Ovest, per ricevere consigli mirati.

Alla fine la decisione. Ovest! Cerchiamo natura e spazio, in contrasto con la realtà quotidiana. Tagliate quindi le città dell’est, la penisola di Gaspè e la Nuova Scotia, la nostra vacanza avrà quattro momenti salienti: Cascate di Niagara, Montagne Rocciose, Isola di Vancouver e Vancouver. Prenotiamo voli interni, alcuni pernottamenti, le auto a noleggio. Prima della partenza abbiamo, oltre al Milano-Toronto, il Toronto-Calgary, il ritorno Vancouver-Toronto sempre con AirCanada; Noleggio AVIS per raggiungere Niagara da Toronto; Noleggio AVIS per 14 giorni da Calgary a Vancouver. Pernottamenti a Niagara, Banff, Jasper, Victoria, Vancouver. Da Jasper a Victoria più di 1000 Km da costruire strada facendo e 5 giorni di tempo. Una rinuncia dolorosa l’Inside Passage. L’Insade Passage è da prenotare con largo anticipo, è piuttosto costoso, è però una attraversata affiscinante che costeggia l’Isola di Vancouver, adatta quindi per avvistamenti di “wildlife”. Dura più di 15 ore, è questo il motivo principale della rinuncia, ci sembrano troppe per Alessio.

Budget Su internet, all’inizio, mi faccio una idea decisamente sbagliata del budget che mi servirà per questa vacanza. Il dollaro USA è relativamente basso nell’estate 2006 (1€=1.25USD), ma il dollaro canadese è robusto (1€=1.4CAN) rispetto al recente passato, tant’è che il Canada è relativamente costoso pure per gli Statunitensi. Insomma il Canada non è per tut te le tasche. Un Milano-Toronto e ritorno costa non meno di 900€ a persona, a questo si devono aggiungere i 5500/6000€ che complessivamente abbiamo speso in 3 per i 20 giorni canadesi.

Milano-Toronto-Niagara Domenica 30 Luglio il terminal di Malpensa è più denso della stazione del treno di Varanasi. Ma gli occidentali, io compreso, non hanno il dono della pazienza, il delirio è palpabile. Il nostro volo Alitalia accumula un paio d’ore di ritardo in partenza, come nella miglior tradizione della compagnia di bandiera nazionale. Fortunatamente non abbiamo pianificato la connessione diretta verso l’Ovest del Canada all’andata, avremmo rischiato, vista la complessità dello scalo di Toronto e il ritardo nella consegna bagagli. La PT Cruiser color panna si ingoia nel suo bagagliaio le nostre due valige e in due ore siamo a Niagara

  • 6374 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social