Sicilia itinerante

Meravigliosa isola vissuta a 360°: in giro con il camper, a bordo di uno scooter e a piedi

  • di zanzaratigre
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: due
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

DIARIO DI BORDO

TOUR DELLA SICILIA 2017

05/05/2017 – Padova – Civitavecchia – km. 490

Equipaggio: 2 Adulti, Ilario autista e Mara tuttofare, ma soprattutto organizzatrice del viaggio. Un camper, uno scooter e 4 piedi. Partiti da Padova destinazione Civitavecchia per l’imbarco ore 19.00 in realtà la nave ritarda e parte verso le 20.30, ah cominciamo bene!

06/06/2017 - Palermo

Arriviamo a Palermo e sbarchiamo alle ore 8.30, veloce incontro con il sig. Salvo che ci ha procurato un ombreggiante e poi impostato il navigatore ci avventuriamo nel traffico caotico di Palermo, ma il GPS da subito i numeri e ci manda in giro per Palermo. Dopo una estenuante ricerca riusciamo finalmente ad arrivare all’area sosta “GREEN PARK” che di green non ha niente, infatti è tutto asfaltato. cmq siamo accolti bene dal gestore, gentilissimi, sistemiamo il camper e subito ci incamminiamo per raggiungere il centro storico, non molto lontano. Visitiamo il Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni, molto bello, soprattutto la Cappella Palatina, compresa anche la mostra di pittura del Novecento (acquisto obbligatorio!). Passiamo poi alla Cattedrale, poco lontana anche questa. Visitiamo anche il tesoro della cattedrale, la Cripta e le tombe reali. Alla fine stremati dalla stanchezza ed affamati ci addentriamo al mercato Ballarò, molto colorato di frutta e verdura, pesce di ogni genere (Ilario impazzisce alla sola vista). Odori di ogni genere, dolce, piccante, salato; pesce arrosto, fritto; verdure cotte alla brace. I mercanti invitano all’acquisto, parlano a voce alta “venite venite poco prezzo, solo 1 Euro”.

Alla fine ci fermiamo presso uno street food dove mangiamo qualcosa: io delle verdure alla brace, Ilario caponata di pesce spada e gamberi arrosti.

Ritorniamo verso il centro e passiamo x la via Maqueda verso il Teatro Massimo fermandoci però ad assaggiare un cannolo (mmmm). La via pullula di ragazzi in passeggiata (è sabato pomeriggio); arrivati al teatro facciamo i biglietti per la visita guidata che parte alle 16.00; nel frattempo ci addentriamo in altre vie e viette addobbate per la festa del Santissimo arrivando così alla chiesa di Sant’Ignazio. Torniamo al teatro e lo visitiamo con la guida; spettacolare, entriamo in platea dove sono in corso tra l’altro le prove dell’orchestra per la prima di qualche giorno avanti; le sale attorno. Finita la visita ci incamminiamo verso il teatro Politeama ma non entriamo, troppo stanchi, lo ammiriamo solo dall’esterno.

Riprendiamo la strada del ritorno addentrandoci così anche al mercato “CAPO” dove le vie pullulano di negozi di tendaggi, lampadari, biancheria per la casa (ma non è molto frequentato, forse perché è pomeriggio) mah!

Piano piano torniamo al camper stanchissimi, Ilario intanto acquista i biglietti del bus per il giorno dopo, meta la Cattedrale di Monreale; quindi doccia, cena e relax.

07/05/2017: Monreale in autobus

Colazione con calma. Partenza x Monreale ma visto che ci passiamo davanti ci soffermiamo a visitare un vecchio castello arabo-normanno chiamato CUBA (visita gratuita) le rovine del castello non sono ben tenute il sito è ancora da recuperare, peccato.

Arriva il bus x Monreale quindi allè! Dopo un percorso di circa ½ ora arriviamo. Alla cattedrale non è possibile accedere perché è in corso la messa, pertanto visitiamo il borgo compreso il chiostro. Addentrandoci appunto al chiostro ed ammirando uno strano albero con tanti batuffoli di cotone siamo fermati da un vecchio siciliano che dietro un compenso di 1 euro ci spiega la strana origine dell’albero: si chiama Kapoc ed arriva dall’africa. Quando piove raccoglie più possibile l’acqua infatti si gonfia il tronco per poi attingere dalle riserve l’acqua man mano ha bisogno. I suoi frutti sono dei bellissimi batuffoli di cotone ed all’interno nascondono i semi dell’albero. Infatti il siciliano ci consiglia di raccogliere i semi nascosti all’interno e di piantarli successivamente a casa, così facciamo

  • 8339 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social