Tour in camper nei Paesi Baschi

Un viaggio itinerante tra borghi, viette, spiagge e castelli con un camper piccolo e due bambini entusiasti

  • di bagagliAmano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

ZENO – 3 anni MIA – 4 anni

Per il compleanno di Riccardo abbiamo deciso di regalargli (-ci) una vacanza un po’ diversa... almeno rispetto a come le facciamo noi di solito. Dopo due vacanze statiche, avevamo voglia di fare un viaggio itinerante. Allo stesso tempo però i bambini ci sembravano ancora un po’ piccoli per essere sballottati da un albergo all’altro ogni giorno. E allora? E allora aggiriamo il problema! Ci prendiamo un camper. Nessuno di noi due è mai stato in camper. Nemmeno da bambini, nemmeno un weekend piccolo-piccolo con amici. Proprio per questo motivo, abbiamo optato per uno di quei camper da pischelli presente? Il California. L’abbiamo affittato qui: http://www.flligelpi.com/ Mi ero un po’ documentata e si era documentata anche la mamma di Ric e ci era parso “un posto-una garanzia” per questo tipo di camper e quindi siamo andati a colpo sicuro. E infatti ci siamo trovati benissimo. Attenzione però che va prenotato con largo anticipo. Calcolate che, proprio perché sono davvero come mi sono descritta nella Home del blog, ho iniziato a pensare a questo viaggio al rientro da Hong Kong. E poco dopo, verso metà aprile, ho prenotato il camper. Per settembre non ci sono stati problemi, però in estate non aveva già più nulla.

Col camper avremmo potuto portaci tutte le nostre cose, dare un posto “fisso” ai bambini e allo stesso tempo girare e vedere tutto quello che volevamo, con i nostri tempi.

Dopo aver prenotato il camper, ho lavorato all’itinerario per un bel po’. Ho comprato diverse guide, perché la zona che volevamo vedere è a cavallo tra Francia e Spagna; ho letto molto in Internet; ho guardato distanze, progettato giornate. Come sempre, l’obiettivo era trovare l’equilibrio tra quel che diverte me e Riccardo e quel che diverte Mia e Zeno. Poi non volevo che stessimo troppe ore al giorno in macchina, altrimenti sarebbe diventata una corsa a tappe e non una vacanza da ricordare con piacere.

Ci siamo dovuti portare anche i seggiolini dell’auto dei bambini e devo dire che quelli alla sera erano un po’ una spina nel fianco perché non sapevamo mai dove metterli, ma siamo riusciti a trovare dei buoni compromessi. Tipo buttarli nel prato accanto al camper e sperare che 1) non piovesse, 2) non ci andasse a dormire su qualche animale, 3) non ce li rubasse nessuno. Ci è sempre andata bene!

I bambini hanno adorato il camper. È una dimesione di vita molto raccolta, che permette loro di essere indipendenti, di arrivare a tutto e di poter fare la loro parte nella vita domestica quotidiana. Si creano molto facilmente delle routine e tirare su e giù i letti, sedersi in braccio a papà a guidare il camper, a turno, quando si arriva al campeggio, apparecchiare, cucinare, persino andare a lavare i piatti... tutto diventa un gioco... una cosa che vogliono assolutamente fare loro. Guai a togliergliela!

ITINERARIO: TOLOSA (fr) BIARRITZ (fr) SAN SEBASTIAN (sp) BILBAO (sp) PAMPLONA (sp) NAVARRA (sp) PRINCIPATO DI ANDORRA CARCASSONE (fr) CALANQUES (fr)

Da MILANO a TOLOSA

Il primo giorno lo abbiamo praticamente passato in viaggio. Alla mattina Riccardo è andato a ritirare il camper, poi è venuto a prenderci, abbiamo caricato e preparato tutto, le nonne sono venute a vederci come se stessimo partendo con la Fortress 1. Beh anche noi ci sentivamo un po’ come se stessimo partendo con la Fortress 1! Prima di metterci in viaggio ci siamo mangiati una pizza alla pizzeria sotto casa e poi, con la panzetta piena e il coccolone in agguato, ci siamo messi in viaggio

  • 43928 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social