8 GIORNI A ISCHIA (+ Capri, Procida e terraferma)

1° giorno Baronissi (SA) Segnaliamo sia la località che il B&B; un “campo base” ubicato in posizione strategica per chi volesse visitare la “Divina costiera” amalfitana, gli scavi di Pompei, Ercolano e Paestum o la vicinissima Università di Salerno (2 ...

  • di Paolo64
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1° giorno Baronissi (SA) Segnaliamo sia la località che il B&B; un “campo base” ubicato in posizione strategica per chi volesse visitare la “Divina costiera” amalfitana, gli scavi di Pompei, Ercolano e Paestum o la vicinissima Università di Salerno (2 km.). Noi ci siamo stati il 22 luglio. Pernottare in un luogo suggestivo, camera doppia + colazione 46€ ...Non capita ovunque! Mario e Patrizia, i titolari, son simpatici e gentili. Davvero un indirizzo da consigliare: Casa Giordano Bed&Breakfast Via Nicotera 7, 84081 Baronissi tel. 089 953333 e 347 9130977. Venendo da nord conviene lasciare l'autostrada all'uscita Lancusi, prima di Baronissi. Abbiamo cenato al ristorante Terra Antica, in direzione autostrada uscita Baronissi, bel grill, giardino, carne squisita e di qualità, porzioni abbondanti, 48 € in due: antipasto, due secondi di carne pregiata, due contorni ecc. 2° giorno Pompei Non serve parlare qui del sito archeologico, salvo che ci vuole molto tempo per girarlo bene, almeno 5 ore, anche più se volete vedere proprio tutto tutto, e che forse sotto il sole di fine luglio non è davvero l'ideale! Attenzione ai parcheggi-ristoranti: 3 euro orari (e frazioni) di media; nel nostro “Ai Due Cesari” ci è stato promesso “Se mangiate qua, il parcheggio non lo pagate”. Al rientro si scopre che si doveva consumare per 40 € minimo per avere il parcheggio gratis, buono per una famiglia intera con una macchina, meno buono per 2 persone! Inoltre il tempo del pranzo grava sul parcheggio... Nel parcheggio-ristorante accanto: 7€ pizza e birra. Vabbè... In serata arrivo ad Ischia con la Caremar e sorpresa: l'hotel Maremonti in località Panza (comune di Forìo) nonostante le 3 stelle è modesto e ha camere prive di comfort. Attenzione, le stelle non hanno valore universale! Ogni Regione applica i suoi std e l'hotel in questione si è attenuto agli std minimi! Ci aspettavamo aria cond. Frigobar, tv o almeno qlc di questi... Non c'era neppure il fon nel bagno! 3 piani senza ascensore. Ho girato abbastanza nel mondo e non mi era mai capitato un 3 stelle così scarso in nessun Paese! Il mangiare non ci ha affatto consolato, anzi! Dopo la seconda sera abbiamo bruciato la mezza pensione per mangiare nei ristoranti della zona. Tenetene conto se andate ad Ischia senza mezzo proprio: se si mangia male e l'hotel è isolato siete in trappola! Una coppia di turisti veneti ci ha detto che all'Hotel Cartaromana (3 stelle pure lui) si mangiava benissimo. Quindi dipende! La mezza pensione può convenire oppure no.

3° giorno Ischia Dopo aver trascorso la mattina a litigare al tel. Con agenzia di viaggi e tour operator pranziamo con un'ottima pizza ad Ischia Ponte da Sciué Sciué, di fronte al negozio di maioliche Mazzella: 6€ a testa pizza, patatine e bevanda! Bagno sugli scogli dell'istmo che collega Ischia al Castello Aragonese, che merita davvero una visita (ingresso 5€). L'acqua del mare di Ischia è bella, trasparente e cristallina (ve lo dicono dei sardi!) ma le spiagge sono piccole, non sempre comode da raggiungere e affollate, almeno a fine luglio. Inoltre la sabbia scura di origine vulcanica non rende giustizia al colore del mare, che tende a spegnersi. Meglio gli scogli. Passeggiata serale a Sant'Angelo: carino, belle vetrine, ma ambiente forse un po' anonimo. 4° giorno Capri Partite col primo traghetto, altrimenti il tempo per visitare l'isola in un giorno non vi basterà. Coi bus si gira benissimo, consigliamo il biglietto “Unico Capri” che si fa al porto di Marina Grande: 5,60 € per tutta l'isola per tutta la giornata, bus e funicolari. Servitevi delle biglietterie laterali che come per incanto saranno senza fila! La funicolare di fronte all'attracco vi porta su a Capri paese. Piazzetta e dintorni: un must ma basta un quarto d'ora. Grotta Azzurra: fila pazzesca sui gradini per scendere a mare, speculazione massima: 8,50€ per entrare in grotta tre minuti a bordo di una barchetta! (considerate che le compagnie chiedono 11€ per il giro di tutta l'isola). Fila anche una volta a bordo della barchetta per entrare in grotta: ci abbiamo rinunciato e abbiamo fatto un bagno favoloso nell'azzurrissimo mare di Capri in una calata poco più in là. Anacapri merita un passaggio, bella la villa Axel Munthe (bei panorami). Se volete vedere anche Villa Jovis, i Giardini di Augusto e i Faraglioni dovete trattenervi più di un giorno sull'isola o ritornarci. NB: scendete in anticipo a Marina Grande per il traghetto di ritorno perché la fila alla funicolare è incredibile; noi abbiamo perso il traghetto pur muovendoci mezzora in anticipo! Cena in serata ad Ischia, sul lungomare di Forìo alla Bussola, a base di piatti di mare, abbiamo apprezzato, conto 32 € in due, 1 primo, due secondi, contorni, vino della casa, acqua, caffè. 5° giorno Ischia e Procida Bagno mattutino a Sorgeto, dove una sorgente d'acqua termale sgorga a 90° in mare, farete il bagno (qualche metro più in là, ovviamente!) come nella vasca di casa vostra, andateci presto, prima che si affolli. 250 scalini lunghi per arrivarci = 12 piani di un palazzo. Potete farvi maschere di fanghi e argille per 5€ da “infangatori” locali. Ci spostiamo in macchina alla spiaggia dei Maronti (comune di Barano) bella, grande e calda! Parcheggio 3€ mezza giornata, ma si può contrattare 2€ per un'ora e mezza. Nel pomeriggio partenza per Procida, suggestiva isola di pescatori che si può girare bene coi minibus locali. L'ufficio informazioni è chiuso; sul vetro leggiamo: “Scusateci, stiamo chiudendo. La Giunta Comunale ha sfrattato (ha cacciato) la Pro Loco...” apprendiamo che si tratta di una bega fra la neo insediata giunta e il presidente della pro loco che ha osato farsi eleggere nelle liste dell'opposizione... Peccato: ci perdono sia l'isola che il turista. Da non perdere la spiaggia di Pozzo Vecchio dove è stato girato “Il Postino”. Passeggiata alla Marina di Corricella, meno turistica e più genuinamente popolata da pescatori... Ma la bonaccia afosa del giorno in cui siamo capitati noi rendeva l'aria irrespirabile, c'era da grondare di sudore alle 7 di sera! Torniamo a cena sul lungomare di Marina Grande dove l'aria è decisamente più ventilata. Da non perdere "la delizia di Sorrento" al Bar del Cavaliere. Cena in un ristorante che non nominiamo: Eli si è sentita male, secondo lei è per ciò che ha mangiato in ristorante, ma come si fa a dirlo con certezza? Magari ha ingerito acqua non potabile altrove, non sarebbe giusto né corretto nominare il locale X, dove peraltro io ho apprezzato invece i piatti ordinati. 6° giorno Ischia Ischia tour: un'escursione a Monte Epomeo q. 800 m. Di altezza, sosta alla spiaggia di Citara, troppo affollata, poco spazio per la spiaggia libera fra i vari "bagni". Cena da Cenerentola a Panza, bella terrazza, buona pizza, grande parcheggio antistante, si trova subito dopo il primo bivio per Panza dalla strada principale venendo da Forìo. 7° giorno Napoli Dovremmo star qui a dir bene della città di Napoli? Un'infinità di altri autori ben più titolati l'hanno fatto prima e meglio di noi. Possiamo solo sottoscrivere secoli di impressioni sul fascino irripetibile della capitale del sud. Napoli sporca? Sarà, ma chi lo dice forse non è mai stato neppure a New York, o forse è stato solo a Ginevra o Stoccolma. Non perdete le sfogliatelle da La Sfogliatella di Mary, galleria Umberto all'uscita verso via Toledo (anzi in quel tratto si chiama via Roma), noi cercavamo quelle di Pintauro, ma ci siamo imbattuti prima in questa pasticceria eccellente. Da mangiare pure quelle dell'antico caffè Scaturchio in Piazza San Domenico Maggiore, Spaccanapoli. Abbiamo cenato al Cucciolo, Vico Berio, che è una salitina verso i Q.Ri Spagnoli a pochi metri da via Roma di fronte alla Galleria Umberto. Genuina e onesta sia la cucina che il conto. Una città da assaporare... Come si fa a non volerci tornare prima o poi? 8° giorno Ischia Bagno sugli scogli accanto alla spiaggia di San Francesco, Forìo, proprio sotto il parapetto; non male, acqua limpida. Ceniamo di nuovo da Cenerentola a Panza. Prima nuvole e lampi minacciosi, poi pioggia a catinelle; dopo un po' dalla terrazza coperta ci fan scendere giù al chiuso. Noi avevamo già terminato, ma ai clienti della tavolata accanto alla nostra chiedono di prendersi le posate e le bevande prima di trasferirsi giù... Insomma!, riapparecchiare e riportare altre birre ed acqua senza ricaricarle sul conto sarebbe stato un gesto gentile. Comunque al di là di questa piccola debolezza ci siamo trovati bene

  • 5627 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social