Laos, cambogia angkor, thailandia krabi

Questo è il proseguimento del nostro viaggio iniziato con il Laos e proseguito in Cambogia e Thailandia. Il 13/11 abbiamo preso un volo da Pakse in Laos per Siem Reap dove si paga una tassa d’ingresso di USD 20 + ...

  • di moltra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Questo è il proseguimento del nostro viaggio iniziato con il Laos e proseguito in Cambogia e Thailandia.

Il 13/11 abbiamo preso un volo da Pakse in Laos per Siem Reap dove si paga una tassa d’ingresso di USD 20 + 1 fototessera, mentre la tassa d’uscita è di USD 25.

A Siem Reap usano solo USD, ovunque andiate tutto è espresso in USD ed utilizzano la loro moneta il Real solo per darvi il resto. Alloggiavamo al Villa Siem Reap ( www.Thevillasiemreap.Com ) prenotato via internet e pagato in loco, carino e vicino quanto basta al centro, all’Old Market (aperto solo di giorno)e alla bar Street dove ogni sera potrete scegliere il ristorante che fa per voi. Considerate comunque che i prezzi sono più alti che in Laos su tutto dal cibo ai souvenir ai taxi.

Appena arrivati abbiamo conosciuto la nostra guida in italiano, Heng Kimhas un ragazzo stupendo e molto preparato che ha reso il nostro soggiorno a Siem Reap più interessante, arricchito di tante informazioni, simpatico e molto organizzato. Siamo riusciti a vedere un sacco di templi prendendoci comunque il nostro tempo per fare le foto ed ammirare il panorama e tutti i basso/alto rilievi mentre lui ci raccontava dettagliatamente tutta la storia di Siem Reap e dei templi.

Il pomeriggio in cui siamo arrivati abbiamo visitato il lago Tonle Sap dove ci sono le case galleggianti e si possono vedere gli allevamenti di coccodrilli e di pesce.

I giorni 14-15-e 16/11 sono stati interamente dedicati alla visita della città di Angkor; l’ingresso ha i seguenti prezzi: 1 giorno USD 20, 2-3 gg USD 40, 4 o più giorni USD 60. Quando pagate il biglietti vi fanno una foto e stampano un tesserino plastificato che dovrete esibire tutte le volte che ve lo chiedono.

Angkor e tutti i suoi templi sono qualcosa di indescrivibile, pensavo fossero belli, ma non così; ogni tempio è diverso e con qualcosa di particolare, Angkor Wat è maestoso ed al tramonto ti lascia a bocca aperta...Sarei rimasta qualche altro giorno volentieri! Abbiamo avuto modo di visitare alcuni piccoli villaggi intorno a Siem Reap dove la cosa più necessaria sono i pozzi per l’acqua per evitare che si prendano malattie incurabili fin da piccoli, la scuola artigianale dove i ragazzi/e imparano a lavorare il legno facendo le famose incisioni di Angkor, le lacche dipinte a mano, le stoffe, fanno sculture, quadri, insomma imparano i lavori tradizionali di questa zona. Non c’è molto altro da dire in quanto a Siem Reap le giornate erano interamente dedicate alla visita del sito e la sera eravamo abbastanza stanchi per poterci dedicare a qualcos’altro che non fosse andare in centro per mangiare qualcosa e tornare in albergo a riposarci, ma posso dire che il giorno della partenza ho avuto subito la sensazione che il tempo fosse passato troppo in fretta e che la Cambogia in generale avrebbe meritato una visita più approfondita e forse un viaggio dedicato solo a questo paese.

Consiglio comunque a chiunque voglia fare solo una piccola tappa come la nostra, di prevedere almeno 4 giorni per poter visitare i templi adeguatamente e prendere una guida che sappia spiegare bene tutta la storia di sicuro vi farà appassionare ancora di più a questi posti stupendi.

Il 17/11 abbiamo preso il volo Siem Reap – Bangkok e la coincidenza da Bangkok verso Krabi in Thailandia dove il nostro viaggio proseguirà.

Buona lettura Ale

  • 735 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social