Il vero volto del sud-est asiatico

Il viaggio aveva come scopo principale quello di visitare alcuni villaggi rurali della Provincia di Kompong Chhang, posta circa 100 Km a nord di Phnom Penh, per valutare la disponibilità di acqua potabile, ma è stato l'occasione per conoscere altre ...

  • di massi_massi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Il viaggio aveva come scopo principale quello di visitare alcuni villaggi rurali della Provincia di Kompong Chhang, posta circa 100 Km a nord di Phnom Penh, per valutare la disponibilità di acqua potabile, ma è stato l'occasione per conoscere altre zone della Cambogia, come il sito di Angkor e la capitale. Nei mesi precedenti la partenza mi ero immaginato in mille modi come potesse essere questo paese, avevo letto praticamente di tutto, ma l'impatto con la realta locale, specialmente quella dura ed insostenibile dei villaggi rurali, è stato davvero scioccante. Toccare con mano situazioni viste soltanto alla televisione non è stato facile, ma vivere alcuni giorni nelle zone tra le piiù povere al mondo è stata un'esperienza comunque difficilmente dimenticabile. Questo anche perchè la popolazione cambogiana è stupenda, in quanto riesce a contrappore alla tristezza ed alla rassegnazione di fondo, una affabilità, una disponibiltà ed una gentilezza davvero incredibili. E poi i bambini, le migliaia di bambini che si trovano ovunque, sul bordo di una risaia di Svay Chuck come sul lungo fiume di Phnom Penh, bambini che mai ti negano un sorriso o un saluto con la mano. E questo senza dimenticare la bellezza dei luoghi, a cominciare dalle affascinanti risaie delle province centrali alla giungla impenetrabile intorno ai templi di Angkor. Il tutto regolato dal ciclo dell'acqua, che è croce e delizia di questa nazione; la stagione monsonica che regala acqua in enorme quantità con il Tonle Sap che si riempie a dismisura, la stagione secca che asciuga le terre e porta fame e sete in molte zone.

La Cambogia è una terra da vivere intensamente, assaporando in ogni momento il concentrato di emozioni che riesce a trasmettere, siano esse piacevoli oppure tragiche. Un paese che non lascia indifferenti, che ti entra dentro e lì rimane come un chiodo fisso, ponendoti mille domande alle quali di risposte certe non ce ne sono...La Cambogia, terra dove sorrisi e sofferenze si fondono insieme rendendola davvero unica.

L'ITINERARIO Partenza da Roma con volo diretto per Bangkok con China Airlines. Durata del volo circa 11 ore, costo sui 770 euro, prenotato in agenzia con circa 1 mese e mezzo di anticipo.

2°-4° giorno Arrivo a Bangkok, trasferimento in Hotel (prenotato su internet - zona Kaosan Road - costo 15 euro a camera doppia con prima colazione).

A Bangkok, considerando che avevamo un appuntamento e che comunque è una città da vedere, siamo rimasti 3 giorni, un tempo più che sufficiente per visitarla. La città è immensa, caotica ed inquinata, ma se oltre agli splendidi templi e monumenti si riesce a scoprirla anche negli angoli più remoti e meno battuti dal flusso turistico, ha davvero molto da offrire. 5° giorno Volo Bangkok- Phnom Penh con Air Asia, durata 1 ora, volo prenotato circa 20 giorni prima su internet. Air Asia è una compagnia che opera esclusivamente su internet, la spesa per A/R è stata di circa 95 euro e gli aerei sembrano buoni. Occhio al peso della valigia, se supera i 15 Kg fanno pagare un extra di circa 4 euro al Kg. La colazione a bordo si paga. Nessun problema alla dogana cambogiana, il consiglio però è quello di fare il visto in ingresso su internet (e-visa) per risparmiare la lunga coda all'arrivo.

5°-8° giorno Quattro giorni passati in alcuni villaggi della Provincia di Kompong Chhnang, a nord di Phnom Penh. Si raggiunge in circa 2 ore con la NR5, una strada asfaltata in buone di condizioni. In questo caso avevamo una persona sul posto che ci ha condotto in auto in lungo e largo nella provincia

  • 595 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social