ANGKOR paradiso terrestre

La Cambogia è una perla del sud est asiatico. Avevo sentito parlare 2 anni fa di Angkor, da un ragazzo incontrato a Ko Samui e tornato a Roma, mi sono documentato sul sito archeologico. Ho scaricato guide e filmati, e ...

  • di Bakodelmillenni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La Cambogia è una perla del sud est asiatico. Avevo sentito parlare 2 anni fa di Angkor, da un ragazzo incontrato a Ko Samui e tornato a Roma, mi sono documentato sul sito archeologico. Ho scaricato guide e filmati, e mi sono innamorato, ripromettendomi di andarci prima o poi e alla fine ci sono riuscito, dopo un anno passato tra Istanbul, kenya, il cairo. Ho preso un volo per Bangkok, è lì che i viaggiatori in cerca di avventura passano. E' un'ottima base di partenza. E dopo 4 giorni tra Bangkok, Ayhutthaya, Lop Buri e Damnoen Saduak, ho preso un volo con la bangkok airways per Siem Reap.

22-08-2006 Bangkok-Siem Reap-Chong kneas Il volo parte puntuale e con appena 50 minuti mi ritrovo in Cambogia. Controllo passaporti, una fototessera e 20 dollari per il visto e via alla ricerca di un hotel dove passare le prossime 4 notti. La mia prima scelta era il Mom's guesthouse, che una notte in camera doppia costava 20$, ma il tassista (5$ dall'aeroporto alla città) ha insistito per farci vedere prima il Sidney Angkor Hotel, che alla fine non era male e al costo di 17$ a notte, esclusa la colazione, decido di rimanere lì. Check-in, e un breve riposino, poi subito remorque moto per il lago tonle sap. Da lì abbiamo affittato una barca per un giro al villaggio galleggiante di Chong Kneas. E' un vero villaggio, non molto turistico ed è un buon modo per iniziare il soggiorno, per rendersi conto a cosa si va incontro, alla povertà, ai sorrisi e alla gentilezza. Tutti i prezzi, per qualsiasi cosa, sono espressi in dollari e se posso darvi un consiglio, usate quelli, perchè se pagate in riel vi fanno un cambio sfavorevole e ci speculano sopra. Verso le 17 poi ci siamo fatti portare all'entrata di Angkor dove con 1 fototessera (si può fare anche lì gratuitamente) e 40$ abbiamo acquistato il pass per i prossimi 3 giorni e con il quale si può accedere dopo le 17 nel sito, giusto in tempo per il tramonto. Si può salire sulla collina del Phnom bakeng anche tramite elefante al prezzo non proprio economico di 15$ a persona. Da sopra la vista spazia dall'Angkor Wat fino al West Barray, il bacino d'acqua artificiale costruito dagli khmer e loro principale fonte di ricchezza. Qualche foto e via sulla strada del ritorno. La discesa non è impegnativa, ma sicuramente è resa meno confortevole dal buio delle fronde degli alberi che all'imbrunire quasi non ti permette di vedere dove si mettono i piedi...Portate una torcia!!! 23-08-2006 Angkor Thom-Small Circuit La mattina ci siamo alzati di buon ora e con 10$ abbiamo affittato un remorque moto per tutto il giorno. Poco dopo l'entrata e il controllo dei pass, si costeggia il fossato dell'Angkor Wat e la vista del tempio di toglie il fiato. Per fortuna abbiamo incontrato sempre il sole, anche se è agosto ed è la stagione dei monsoni. Entrati sotto il south gate di Angkor Thom, siamo partiti con la visita del Bayon. Da lontano non si notano le 216 facce di buddha, ma via via che ci si avvicina diventano più nitide e stranamente, la mattina presto, nel tempio non c'era troppa gente, permettendomi di fare belle foto. E' spettacolare, i corridoi di pietra arenaria e le mura completamente ricoperte di bassorilievi, e da rimanerci imbambolati. In un paio di ore ce lo giriamo tutto con calma e proseguiamo con la nostra motoretta verso il successivo tempio del piccolo circuito. Siamo passati poi al Ta Phrom, il tempio lasciato in balia dei ficus strangolatori, alcuni immensi, che piano piano sgretolano la pietra. Un tipo che si spacciava da guida, voleva a tutti i costi portarci a vedere l'albero di Tomb Raider, ma ce ne sono un'infinità e sono tutti simili. Piuttosto noi abbiamo cercato di seguire percorsi alternativi, in mezzo a corridoi crollati e a cumuli di macerie. Nel tempio è facile orientarsi e vi consiglio di seguire i percorsi meno battuti, per rimanere in tutta tranquillità e per cogliere scorci del tipo, tempio, ficus, macerie, ottimi soggetti per le foto. Dopo la prima bella scorpacciata di templi, e una rinvigorente doccia, ci mettiamo alla ricerca di un posto economico dove cenare, e lo troviamo sulla stessa strada dell'hotel. C'era un ristorante con buffet a prezzo fisso e nel quale ci hanno portato una piastra con un fornello e acqua bollente dove cucinare le cose...Alcune pietanze erano esperienze di vita, ma in certi casi si chiude gli occhi e si butta giù senza porsi troppe domande su cosa si sta mangiando

  • 1226 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social