Tour fai da te in Bulgaria

La Bulgaria è un paese turisticamente ancora poco conosciuto, è possibile comunque organizzare tutto un circuito autonomo tramite i voli delle compagnie low cost “My Air” e “Wizz Air” e l’ottima rete di trasporti stradali e ferroviari che collegano, a ...

  • di Lazzari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La Bulgaria è un paese turisticamente ancora poco conosciuto, è possibile comunque organizzare tutto un circuito autonomo tramite i voli delle compagnie low cost “My Air” e “Wizz Air” e l’ottima rete di trasporti stradali e ferroviari che collegano, a costi abbordabili, le principali località sia all’interno che sulla costa. Ottimi siti Internet permettono di prenotare hotels in ogni città.

SOFIA è una città molto moderna con ampi viali alberati, costellati di negozi delle più affermate griffes internazionali, molto ricca di verde nei parchi cittadini affollati da un popolo che trovo molto silenzioso e discreto. Palazzi e monumenti grandiosi da grande capitale dell’Est coesistono accanto ad edifici di modernissima concezione.

Notevole la cattedrale bizantina dalle rotondeggianti forme per noi inconsuete, il Museo cittadino che ospita reperti dei Traci in un edificio solenne e grandioso e varie chiese ricche di icone che ricoprono interamente le pareti.

Nei pressi di Sofia esiste, in ottimo stato di conservazione, il vasto monastero bizantino di Rila – Patrimonio dell’Unesco – inserito in un contesto naturalistico molto suggestivo e, sempre nei dintorni, un altro gioiello dell’ Unesco è la chiesa di Bojana affrescata con opere ottimamente conservate.

Da Sofia un pullman di linea, attraverso sterminati campi di girasoli, ci conduce a VELIKO TARNOVO, dal clima rovente ma estremamente piacevole da visitare nelle stradine antiche e tortuose che sono ancora vivacizzate dalle case degli antichi mercanti. Abbiamo la fortuna di essere in questa città all’inaugurazione di un festival internazionale del folklore e nelle strade sfilano gruppi di danzatori e musicisti da Tailandia, India, Equador, Costarica, Russia, Cile, Messico, Malta, Iran, Ucraina nei loro variopinti costumi tradizionali.

Alla sera gli stessi gruppi si esibiscono in un parco con il palco sull’acqua accolti dalle parole del Pope bardato con abiti degni di una grande cerimonia.

Nei pressi di Veliko Turnovo si può visitare il paese di Arbanasi ormai assurto a ruolo di villaggio- museo per la bellezza delle sue case con base in pietra e legno scuro per i piani ed i balconi .

Un tassista che ci ha condotto nel monastero di Preobrazeski, affrescato magnificamente, ci parla del monastero di Drianovo ed annesse grotte di Baco Kiro per cui accordandoci sul prezzo la gita di 2 ore inizia snodandosi tra boschi e villaggi per condurci sino a un verdissimo contesto dove convivono sacro e profano in un perfetto connubio.

E’ ora di esplorare la costa del Mar Nero e la sua perla: VARNA.

Lungo il percorso notiamo con dispiacere lo scempio urbanistico che anche qui non ha risparmiato coste intatte sino a pochi anni or sono e che ora sono assurte a divertimentificio a detrimento della costa e della visione del mare.

Fortunatamente Varna non ha subito un degrado così massiccio e passeggiare sul lungomare, in un parco delizioso lungo ben 8 km è qualcosa che riconcilia con la vita grazie al profumo del mare che si mescola a quello dei pini e dei fiori sparsi ovunque, per non parlare dei pomeriggi musicali nel piccolo teatro all’aperto che offriva ogni giorno un repertorio gratuito di musiche classiche o folcloristiche locali e dei ristoranti che si susseguono senza sosta sul lungomare con pesce a prezzi che noi ci siamo dimenticati.

Ma le località conosciute non sono quelle più intriganti per noi per cui ci si sposta a sud, verso BURGAS molto meno conosciuta ma affascinante. Turismo calmo, riservato ai soli locali, anche qui parco alberato come lungomare ed il silenzio rotto solo dallo stridio dei gabbiani.

I due paesi visitati nei pressi di Burgas hanno differito dalle nostre aspettative in modo opposto: da NESEBAR, in un promontorio a Nord, ci si aspettava un villaggio pittoresco ed invece, al di là dei panorami di innegabile bellezza, purtroppo negozi di souvenirs, caffè e chioschi in eccesso hanno modificato molto il fascino delle vecchie strade.

A Sud ci dirigiamo verso SOZOPOL, meta non prevista nel nostro itinerario, che invece si rivela la più bella località marittima del nostro percorso con zone intatte, turismo al minimo, ristoranti in contesti da cartolina e passeggiate nelle stradine con gli occhi sempre verso l’alto perché le vecchie case sono una più artistica dell’altra.

Ultima tappa PLOVDIV ...Una meraviglia impensabile. Il centro storico denso di vie pedonali riserva palazzi del periodo chiamato la Rinascenza e le case dalle tinte pastello sono gioielli architettonici.

Il vecchio centro storico di Plovdiv impegna in salite dove i tacchi a spillo sono del tutto sconsigliati ma è una festa per gli occhi: innumerevoli palazzi decorati, case di antichi mercanti in legno dall’architettura fantasiosa sono un piacere che non consente tregua talmente sono numerosi nelle strette vie che salgono e scendono e ogni scorcio è un gioiello architettonico.

Anche qui la festa ci segue..Un altro festival folcloristico si snoda nelle vie del centro cittadino animato da gruppi della Slovenia, Turchia, Spagna, Georgia, Grecia, Moldavia, Belgio, e la sera vivo la mia prima esperienza di uno spettacolo in un ben conservato anfiteatro romano dove, grazie all’ottima acustica e perfetta visibilità, i gruppi in formazioni coreografiche di 15/20 elementi sono entusiasmanti.

Il racconto di viaggio è lungo stavolta ma la Bulgaria a torto è poco conosciuta e ho voluto renderle omaggio.

Sono doverose alcune indicazioni pratiche e frivole: il conto per un pranzo al ristorante si aggira su meno della metà degli standard italiani per una cucina che risente molto della tradizione contadina bulgara con profumate delizie cotte in pentole di coccio a base di formaggio, peperoni, pomodori e spezie. Oppure fresche salse dall’influenza greca con yogurt denso e cremoso, dove sono immersi pezzetti di cetriolo, aglio e erbe aromatiche accompagnate da pane o meglio piatte focacce all’aglio.

Il pesce è eccellente sulla costa e cucinato in modo fantasioso come ad esempio in una tegola (tegola da tetto, davvero). La birra leggera, fresca, spesso alla spina è di produzione locale da preferirsi alle marche note che si trovano anche da noi.

Curiosità gastronomiche: l’Airan, bevanda a base di yogurt liquido leggermente salato e l’Ashure dolce a base di gelatina di riso con chicchi d’orzo e sciroppo di lampone.

I ristoranti che noi abbiamo scelto erano spesso all’aperto con musica, con tavoli in legno o pietra dalla cucina piacevole alla vista, all’olfatto, al gusto e al portafoglio.

Io adoro i mercati e ne visito sempre all’estero...Qui ho visto vecchiette vendere pochi fiori, un mazzetto di erbe aromatiche, un bicchiere di lamponi o mirtilli vicino a bancarelle colme, stracolme di pomodori, pesche del Sud della Bulgaria grandi il doppio del normale, angurie, cetrioli, erbe aromatiche, miele, yogurt denso sfuso, pesce a prezzi talmente bassi che ho dovuto leggerli due volte per rendermi conto che non mi sbagliavo, rammaricandomi di non poterne comprare un sacco e una sporta

  • 10784 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social