Viaggio in Bulgaria

Ecco alcuni consigli per chi va in Bulgaria. VIAGGIO: Noi abbiamo scelto di andare con un viaggio organizzati, dato anche il basso costo (circa 900 euro a testa, da Milano, tutto compreso),durata 8gg., dall’8 al 15 Agosto 2006. Il volo ...

  • di Lyn
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ecco alcuni consigli per chi va in Bulgaria.

VIAGGIO: Noi abbiamo scelto di andare con un viaggio organizzati, dato anche il basso costo (circa 900 euro a testa, da Milano, tutto compreso),durata 8gg., dall’8 al 15 Agosto 2006. Il volo da Milano a Sofia dura più o meno 1 ora e 30min., e l’aeroporto dista dalla città meno di mezz’ora; all’arrivo viene controllato e timbrato il passaporto, ma rapidamente e senza particolare severità, e non è richiesto alcun visto.

COSE DA VISITARE: 1) SOFIA, la capitale, non ha il fascino delle più famose capitali dell’ est, ma ha comunque un centro tranquillo ed elegante, non molto trafficato. Abbiamo preso l’autobus solo due volte, e si è rivelato abbastanza efficiente. Abbiamo visitato la cattedrale, dedicata ad Alexander Nevski, la chiesa di S. Sofia, una terza chiesa, e da soli, il mercato alimentare, la moschea e la sinagoga (che mi è piaciuta molto); bello il centro commerciale in stile liberty lì vicino, dove abbiamo anche mangiato. 2) Il MONASTERO DI RILA, il più grande e il più bello della Bulgaria, vivacemente decorato sia all’interno che all’esterno; purtroppo è possibile visitare solo la chiesa, non si può salire ai piani superiori; i monaci che li abitano (pochi) si possono vedere lì in giro, ma non sono molto socievoli, anzi...Meglio non importunarli. Bellissimo anche il paesaggio circostante, alte montagne ricoperte da boschi verdissimi e ruscelli impetuosi. 3)La cittadina montana di BANSKO, una delle più importanti località sciistiche bulgare, sul massiccio del Pirin, dalla caratteristica architettura in legno; visitiamo la Veljanova Kasta, bella casa del periodo Rinascenza, appartenuta all’ artista e architetto Veljan Ognev; certo è molto lontana dalla nostra idea di casa nobiliare: è comunque una bella casa di campagna, in legno, non molto grande, con un bel balcone/veranda che si affaccia sul giardino; e fortificata, circondata da solide mura che la proteggono dall’esterno, e comunicante con le case vicine mediante delle porticine che permettevano di fuggire senza passare dalla strada; 4) PLOVDIV, la seconda città del Paese, moderna e tranquilla, con un bel centro storico ed uno scenografico anfiteatro romano; molto interessante il Museo Etnografico, piuttosto ricco, ospitato in una bella palazzina con un piccolo ma piacevole giardino. 5) Il MONASTERO DI BACKOVO, molto bello anche questo ( anche se non come quello di Rila), di nuovo in montagna e immerso in una natura rigogliosissima (bella la cascatella ai piedi del sentiero, vicino ad un ristorante), un po’ più tranquillo rispetto a quello di Rila. 6) NESEBAR, cittadina sulle rive del Mar Nero bellissima anche se assediata dal turismo, con diverse chiesette dalla particolare architettura, una delle quali (purtroppo molto danneggiata) è stata dichiarata dall’ UNESCO patrimonio dell’umanità. 7) VARNA, moderna città sulle rive del Mar Nero, senza un vero centro storico (o, almeno, noi non lo abbiamo visitato), e a mio giudizio non molto interessante. Bella la Cattedrale dell’assunzione, dove abbiamo avuto modo anche di assistere ad un matrimonio ortodosso, un po’ diverso da quelli a cui noi siamo abituati, e, soprattutto molto meno sfarzoso. Nel museo archeologico, è stata bellissima la mostra sugli ori dei Traci, che però è un’esposizione itinerante (assolutamente da visitare se né capita l’occasione); interessante la ricostruzione della sepoltura di un capo, di età pre-tracia, e la collezione delle icone. 8) Il villaggio museo di ARBANASI, caratteristico e ben conservato, famoso per i bellissimi affreschi di una chiesa, celata all’interno di un edificio non dissimile dagli altri per proteggerla durante il periodo della dominazione turca; visitiamo anche un’altra bella casa-museo. 9) VELIKO TARNOVO, e soprattutto i resti della sua splendida fortezza, non facile da visitare perché molto vasta, estesa sul fianco di una collina, con un percorso per arrivare in cima (dove si trova un santuario dedicato ai caduti di guerra) quasi da trekking, e per di più in una giornata caldissima, ma che regala panorami favolosi (sconsigliato a chi non è in buone condizioni di salute perché si tratta di una faticata di oltre un’ora). 10) TRIAVNA, piccolo centro di montagna, anche se non alto come Bansko, assolutamente delizioso, con un’architettura che ricorda un po’ quella dei nostri centri montani; qui abbiamo visitato la casa Daskalov, che oltre ad essere museo etnografico, ospita una bella raccolta di lavori di incisione su legno. 11) Il PARCO ETNOGRAFICO DI ETARA, forse il luogo più bello visitato: si tratta della ricostruzione, molto ben realizzata e conservata, di un paesino di montagna, in posizione tranquillissima in mezzo alla natura, attraversato da un fiume, curatissimo, pieno di fiori, che ospita diverse botteghe artigiane, una per ogni tipo di attività, dall’argento ai lavori in pelle, dai coltelli alla cioccolata di prugne. 12) La CHIESA RUSSA DI SIPKA, bella ma non trascendentale, anch’essa circondata dal verde. 13) La ricostruzione di una TOMBA TRACIA, visitabile internamente, interessante ma un po’ deludente perché si tratta solo di una stanzetta piccolissima

  • 15989 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social