Destinazione Budapest, passando per Lubiana e il lago Balaton

Una breve vacanza on the road, attraverso Slovenia e Ungheria, per visitare due capitali affascinanti e per rilassarsi tra storia e terme

  • di evaluna278
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

21/4/14

Siamo partiti sotto la pioggia da Padova verso le 10 del mattino, e all'ora di pranzo eravamo all'hotel di Lubiana (Birokrat Hotel, 72 € la notte oltre alla tassa di soggiorno, prenotato direttamente sul sito dell'hotel). Lì abbiamo lasciato i bagagli e, presi i biglietti per l'autobus, ci siamo diretti verso il centro della città. L'hotel è abbastanza fuori dal centro, ma è bello e pulito, e il centro si raggiunge facilmente in una decina di minuti con gli autobus o con il taxi (che ha un prezzo convenzionato).

Sotto la pioggia, siamo partiti dalla piazza di fronte ai tre ponti, e abbiamo visitato la chiesa francescana dedicata alla Annunciazione, la Franciskansak cerkev. Da lì abbiamo attraversato uno dei tre ponti, e poi fatto una breve passeggiata verso la Cattedrale di S. Nicola, il mercato coperto (visto da fuori perchè era chiuso), altre due piazze, il ponte dei macellai, opera avveniristica (ci ha ricordato il nuovo ponte di Calatrava di Venezia), che i giovani hanno riempito di lucchetti. Ancora, il lungofiume, dove ci sono tutti i localini con i tavoli all'aperto, un grande magazzino dei primi anni del 1900, ben ristrutturato, una serie di palazzi in stile "secessione", come viene chiamato il liberty da queste parti, poi ancora il ponte dei calzolai e infine, dopo una bella salita, il Grad, cioè il castello. Vista la pioggia, abbiamo deciso di visitare, oltre alle parti a ingresso libero (le mura, le prigioni, la cappella), anche il piccolo museo con la storia di Lubiana e della Slovenia e la torre, da cui si godrebbe, se fosse bel tempo, di un bellissimo panorama (costo: 6 € a testa).

Abbiamo deciso di fermarci a mangiare nel ristorante del castello, il Gostilina Na Gradu, dopo aver letto che vengono utilizzati prodotti a km zero. E' un bel locale, adeguato all'ambiente castellano. Il cibo è tipico sloveno, molta carne e formaggi. C'è poco di vegetariano o vegano nel menù, ma chiedendo preparano dei bei piatti di verdure e riso che tolgono abbondantemente la fame. E' un po' caro, ma ne valeva la pena.

22/4/14

Ci siamo svegliati finalmente con il sole e, preso l'autobus, siamo tornati in centro, per continuare il giro lasciato in sospeso il giorno precedente.

Ci siamo diretti nella piazza del municipio, bell'edificio dove siamo entrati per ammirare il bell'atrio e la fontana, abbiamo acquistato un po' di cioccolata in una cioccolateria lungo il corso principale, siamo tornati verso il ponte dei calzolai, che abbiamo attraversato per visitare la zona delle università, del centro per il festival di Lubiana, la piazza del Congresso con il Palazzo della Filarmonica, la biblioteca universitaria, al cui interno c'è un imponente scalone di marmo nero, e siamo tornati verso il municipio, per vedere il mercato coperto che era aperto e passeggiare sul lungofiume con il sole. Prima di ripartire, abbiamo mangiato un'ottima raw cake (torta al cioccolato crudo, senza latticini nè uova) in una splendida pasticceria, la Kavarna Zlati Dukat (Ciril-Metodov trg 14), dove i camerieri ci hanno invitato a ritornare per bere uno dei numerosi caffè speciali che preparano.

Nel primo pomeriggio abbiamo recuperato la macchina (lasciata all'hotel anche dopo aver liberato la stanza) e, dopo una sosta al BTC City, mega centro commerciale, talmente grande che non siamo riusciti a capire quanti negozi ci fossero, siamo partiti per Budapest.

Un viaggio tranquillo di circa cinque ore, su una autostrada in buone condizioni e con pochissimo traffico, ci ha consentito di arrivare senza problemi nella pensione che avevamo scelto grazie al suggerimento di un nostro amico

  • 31828 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social