Prima a Budapest, poi tappa a Vienna

A zonzo per la città ungherese... e sulla via del ritorno una sosta in Austria

  • di iomete
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 9
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

L’idea nasce quasi per caso… a mio cognato. Sì, lui è quello a cui vengono le idee più strampalate del mondo. “Perché non andiamo a vedere Budapest”…va beh dico io..si può fare….guardo gli aerei…e qui viene fuori l’idea strampalata “No …in macchina”…..Va bene sono circa 1000 km…quanto andare a Bari…

Ma si…dai..e così comincio a darmi da fare. Sì perché dovete sapere che mio cognato lancia le idee ma poi all’organizzazione del tutto ci penso…..Un po’ perché bazzico internet molto meglio di lui, un po’ perché ho più tempo di lui….ma soprattutto perché mi diverto un sacco.

Ecco quindi che mentre comincio a vedere gli hotel almeno per avere un primo preventivo, al gruppo si aggrega anche Dino, il fratello di mio cognato, con moglie e figlio. In sostanza quindi saremo in 9: io, mia moglia (Graziella), mio cognato (Tony) con mia cognata (Renata) e le due mie nipoti (Cinzia e Simona) ed il fratello di mio cognato (Dino) con moglie (Maria) e figlio (Angelo).

Dopo aver visto alcun hotel l’occhio ci cade sul Botel Lisa (http://www.botelhotellisa.hu/news.php) . Dunque prenoto…ma si sa…l’appetito vien mangiando e così….”..perchè non ci mettiamo un paio di giorni anche a Vienna??”….e va bene…

Così il mattino presto del 30 maggio partiamo con destinazione BUDAPEST. E’ la prima volta che mi spingo ad est….”Come faremo a capirci? Mica parlo l’ungherese” e baggianate simili. Arrivati a Trieste sosta per prendere l’agognata vignetta dell’autostrada Slovena e poi quella Ungherese. In tutto questo purtroppo abbiamo anche un pessimo tempo che ci accompagna….acqua…acqua…acqua…

Durante il tragitto costeggiamo il lago Balaton…accidenti quant’è lungo….

Verso le 15,00 minuto più…minuto meno….arriviamo al nostro Botel…. Agli altri partecipanti non avevamo detto nulla di come fosse e dove si trovasse il nostro Botel e così quando lo vedono restano a bocca aperta tra lo stupido, l’incredulo ed il “..ma voi siete matti che io dormo lì”. Sì, perché dovete sapere che il Botel Lisa è una nave/barca/chiatta trasformata in hotel che si trova su un ramo del Danubio, il fiume che taglia in due Budapest. L’hotel, o botel, in stile Old USA, è composto da due navi/chiatte in cui una adibita a sala ristorante/colazione e l’altra invece con le stanze per gli ospiti che altro non sono che le cabine. Arredate in maniera minimale sono cmq graziose ma soprattutto pulite ed è quello che a noi interessa. Il tempo di fare il check-in tirando fuori il mio miglior inglese (ma perché si mandano i figli a scuola se poi quando servono fanno finta di nulla?) che ci accorgiamo che ha smesso di piovere e che potremmo provare a fare un giro in centro giusto per:”..vedere com’è”.

L’hotel non è vicinissimo e per andare in centro bisogna prendere il bus 119 sino alla fermata della metropolitana di Kobanya (linea blu) e da qui andare in centro. La metropolitana di Budapest è molto bella e, trattandosi della più vecchia metropolitana europea, devo dire anche molto graziosa in diverse stazioni con mosaici molto interessanti.

Facciamo giusto un giro per capire come muoverci nei giorni successivi ma purtroppo riprende a piovere.

L’aria fredda dell’est oltre alla fame ed alla stanchezza del viaggio ci suggerisce di fare rientro all’hotel dove ci ritroviamo tutti insieme in una stanza a mangiare... e poi…nanna….domani il bel Danubio blu ci aspetta.

31 Maggio

Beh, devo dire che essere svegliarsi cullati dalle dolce ondeggiare del Danubio non è per nulla male. Dopo un'ottima colazione a base di caffè, latte e brioches e torte, riprendiamo il nostro bus e la nostra metropolitana destinazione centro. Dovete sapere, per chi ancora non lo so, che Budapest è una città divisa in due. Buda, che prende il nome dall’omonimo castello, si trova su una collinetta alla sinistra del fiume, mentre Pest si trova alla sua destra. Purtroppo anche oggi il tempo non promette nulla di buono. Tutt’altro…..PIOVEE. La nostra prima tappa sarà la visita alla Cittadella detta anche La Bastiglia. La Cittadella infatti è una antica roccaforte creata a metà del 1800 per controllare militarmente la città di Budapest. Essa infatti ha mura alte 4 metri ed erano attivi, nella prima guerra mondiale, oltre 60 cannoni. Sul punto più alto della stessa fortezza è stato innalzato il monumento alla Liberazione del 1947 dopo la vittoria sui nazisti da parte delle truppe sovietiche. Da vari punti della Cittadella si hanno scorci sulla città veramente belli e che meritano quindi di essere fotografati

  • 9221 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social