Good luck, Budapest

Meraviglioso viaggio tra Buda e Pest, città divisa dal bel Danubio blu

  • di bacellus
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La scelta del viaggio in una capitale Europea quest’anno è caduta su Budapest, e con grande soddisfazione!

La capitale Ungherese è una metropoli giovane e fresca, piena di vita e alla stesso tempo tranquilla, che ha voglia di crescere turisticamente e farsi conoscere!

Devo dire che le premesse per il viaggio non erano delle migliori, tanto che fino all’ultimo a causa dell’esondazione del Danubio e delle poche informazioni in merito che siamo riusciti a reperire, avevamo molti dubbi circa la nostra partenza alla fine abbiamo deciso di rischiare e sabato 8 giugno siamo partiti da Bergamo con il volo della ryan air delle 14.30. Arrivati puntuali a Budapest siamo stati accolti da una pioggia torrenziale che non ci faceva sperare in bene, per non rischiare di non trovare mezzi pubblici che ci portassero in centro non conoscendo la reale situazione della città abbiamo preferito prendere un taxi 20 euro cifra onesta anche se con il cambio ci abbiamo un po’ perso… la moneta qui è il fiorino ungherese ma sono accettati anche gli euro.

Il taxi ci porta dritti in albergo il Budapest City Central, che si trova proprio difronte alla Sinagoga più grande d’Europa. Come prima impressione il palazzo dove si trova l’albergo non è delle migliore ma non bisogna farsi ingannare all’interno è molto confortevole e molto pulito e le ragazze della reception sono molto carine e gentili, appena arrivati ci hanno assicurato che la situazione in città è tranquilla che solo i ponti per l’isola Margherita sono chiusi, purtroppo dobbiamo rinunciare alle passeggiate sull’isola e alla gita in battello sul bel Danubio blu.

Confortati dalle notizie sul fiume partiamo per il nostro primo giro di perlustrazione, per muoverci meglio nelle varie zone delle città decidiamo di fare l’abbonamento di 4 giorni per i mezzi, abbiamo cosi la possibilità di salire sulla metropolitana più antica dell'Europa continentale, le fermate storiche sono molto carine! Il nostro peregrinare inizia da un centro informazioni turistico, purtroppo le signore non sono molto loquaci e quasi dobbiamo tirare le poche informazioni con le pinze ma dopo esserci fatti segnare i punti principali di Budapest iniziamo la conoscenza della città da via Andrassy , lunghissimo viale che si conclude con la meravigliosa piazza degli Eroi, dopo una passeggiata per il parco Varosliget cerchiamo un ristorante per la nostra prima cena ungherese, la scelta cade su un bistrot che si trova su una via laterale di via Andrassy, Liszt Ferenc ter stradina piena di locali (ceniamo in questa via per ben tre volte!!)c’è solo l’imbarazzo della scelta e per la prima volta assaggio l’oca, buonissima!! Per il primo giorno siamo stati lontano dalle rive del Danubio, ma la mattina successiva non resistiamo e dopo aver visitato la chiesa di Santo Stefano, con annessa salita sulla cupola dalla quale si gode uno straordinario spettacolo di Pest e dei suoi palazzi con i tetti colorati, e in lontananza il Danubio con i monumenti di Buda. Armati di coraggio decidiamo di avvicinarci alle rive del Danubio, lo spettacolo lascia a bocca aperta, tutto ciò che si trova nel livello più basso delle strade lungo il fiume, è sommerso dall'acqua, degli alberi e dei cartelli stradali si vedono solamente le cime, del centro informazioni sulla banchina rimane solo il tetto e i battelli che sostano sul lungo fiume sono isolati a causa delle scalette impraticabili, le uniche che si divertono di questo spazio in più sono le anatre con i loro piccolini. Un po' spaventati nonostante l'atmosfera che ci circonda sia del tutto tranquilla, decidiamo di spingerci nuovamente verso l'interno e visitare la stazione ferroviaria, struttura in acciaio edificata nella seconda metà dell'800 e alle 14.00 ci dirigiamo verso il Parlamento per la nostra visita con la guida italiana. Il Parlamento è enorme e magnifico, adagiato sulle rive del Danubio, purtroppo a causa dei lavori di rifacimento della piazza , che a detta della guida si concluderanno nel 2014 e che diventerà un'isola pedonale, non possiamo avere una visione d'insieme; l'interno però è spettacolare, tutto costruito da maestranze del luogo e per la maggior parte con materiale ungherese, ho potuto notare che gli ungheresi sono molto patriotici. Al centro della cupola sono custoditi sotto una teca di vetro e controllati a vista da delle guardie, la corona, lo scettro, il globo e la spada dei sovrani ungheresi, stupendi

  • 5653 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social