In Romania per esplorare i monasteri della Bucovina

Viaggio con i bambini in una bellissima regione ancora incontaminata

  • di pil
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La Bucovina è una regione divisa tra la Romania (Bucovina meridionale) e l’Ucraina (Bucovina settentrionale), ai piedi dei Carpazi. Noi (io, mia moglie e i miei bambini di 4 e 8 anni) abbiamo concentrato la visita nella regione meridionale appartenente alla Romania, famosa per la presenza di un numero ragguardevole di monasteri edificati tra il XIV e il XV secolo, edificati per affermare la fede ortodossa contro l’espansionismo musulmano.

Questi monasteri rappresentano un unicum nel loro genere in quanto hanno la particolarità di essere affrescati all’interno, ma soprattutto all’esterno, con colori talmente vivaci e pitture ancora così ben conservate che stupiscono per la resistenza alle intemperie e agli agenti atmosferici.

In questa sede comunque non mi dilungherò sulle informazioni di tipo storico-artistico reperibili su qualche testo di storia dell’arte specifico; voglio solo dare alcune informazioni pratiche per programmare un viaggio in questa regione, ancora relativamente poco conosciuta.

COME ARRIVARE. Punto di forza è sicuramente la facilità di accesso. La Compagnia low cost ungherese Wizzair ha infatti un volo diretto Bergamo-Suceava, capoluogo della Bucovina, che in meno di 2 ore permettere di atterrare nel cuore della regione. L’aeroporto di Suceava, a pochi chilometri dal centro, è un minuscolo scalo con pochi voli, provenienti per la maggior parte dall’Italia (Bologna, Milano, Venezia, Roma) e un volo da Londra. Il costo medio da Milano si aggira sui 25 euro a tratta a persona. Poiché il nostro viaggio ha coinciso con il ponte del 2 giugno, purtroppo la tariffa non è stata eccezionale: 264 euro in 4; si può trovare a meno essendo più flessibili.

COME MUOVERSI. Fondamentale l’utilizzo dell’auto. I monasteri sono dislocati nel raggio di 50 Km circa, e non sono servitissimi dai trasporti pubblici. Dopo vari preventivi, mi sono rivolto ad Autoboca, un’agenzia di noleggio rumena: costo per 2 gg di un’auto con copertura assicurativa totale 120 Euro. Non proprio economica, considerando poi il fatto che è inclusa una tassa per il ritiro e la riconsegna dell’auto di 20 euro nel fine settimana. In compenso l’auto era in ottime condizioni.

DOVE SOGGIORNARE. Per motivi logistici, ho trovato più conveniente soggiornare nella cittadina di Radauti, una trentina di Km a nord-ovest di Suceava. Radauti si trova in prossimità di alcuni dei monasteri più interessanti, raggiungibili in poche decine di minuti di macchina.

Per il pernottamento abbiamo prenotato, come al solito, su Booking.com una sistemazione poco fuori dal centro, in una tranquilla zona residenziale. L’Hostal Harmonie, a differenza del nome, è un vero e proprio hotel 3 stelle, di recente apertura con camere molto pulite. Una camera familiare con 2 stanze da letto per 4 persone e bagno è costata 90 euro per due notti, colazione esclusa. L’hotel offre comunque la possibilità di fare colazione e di consumare i pasti, avendo un ristorante al piano terra. Considerata la sistemazione e la pulizia è sicuramente da consigliare.

COSA VEDERE. Come si è capito, la motivazione principale della visita sono i monasteri affrescati.

L’entrata a ogni monastero costa 5 Lei a persona (1 euro = 4,5 Lei). Per poter fotografare all’esterno si dovrebbero pagare altri 10 Lei, cosa che in realtà non abbiamo mai fatto perché abbiamo utilizzato solo il cellulare. Inoltre all’interno è comunque vietato fare fotografie, quindi la spesa, moltiplicata per tutti i monasteri, ci è sembrata non congrua

  • 8002 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social