Fughe europee: Bucarest

48 ore in solitaria, poca spesa e tanta resa

  • di micheledemo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

PREMESSA

Il motivo che mi ha portato a scegliere Bucarest come meta è il prezzo stracciato del volo Ryanair: 19,97 euro tra andata e ritorno; ormai è da un po' di tempo che per le destinazioni dei viaggi mi lascio ispirare dalle tariffe convenienti delle compagnie low cost.

Tanta curiosità, ma praticamente non avevo informazioni su Bucarest e sono partito allo sbaraglio: le sorprese sono state tante e tutte positive, a partire dal clima!

Un caldo torrido (max 31 gradi, la media 25) agli inizi di aprile non me l'aspettavo proprio... per fortuna ho dato retta alle previsioni meteo controllate qualche giorno prima su internet, anche se le ritenevo impossibili... anche alla sera il clima rimaneva decisamente estivo.

L'altra cosa che mi ha lasciato a bocca aperta è l'enormità di questa città: dal finestrino dell'aereo, già da parecchi minuti prima dell'atterraggio, mi rendevo conto che la Romania (o almeno questa porzione di Romania) è un'infinita distesa pianeggiante, disseminata di grandi e squadratissimi campi coltivati, prati, pascoli e piccoli villaggi a poca distanza l'uno dall'altro, collegati tutti da strade rettilinee.

Tutta questa pianura sconfinata è stata sfruttata a pieno dagli urbanisti dell'era comunista che hanno cambiato volto alla città: i viali, le piazze e gli edifici hanno dimensioni ciclopiche, a discapito della bellezza; mentre dove si è conservato il vecchio assetto di stile art decò, i palazzi sono più piccoli e affascinanti e le strade e le piazze a misura d'uomo.

Un altro aspetto distintivo della città è il traffico bestiale che l'attanaglia dalle 7 del mattino fino a circa le 22. La città è soffocata dalle auto dei suoi 2 milioni di abitanti, dagli autobus di linea e dai pullman turistici. I boulevard principali sono vere e proprie autostrade urbane e le piazze principali importanti snodi di circolazione, dove si intersecano decine di strade. Sconsiglio vivamente di mettersi alla guida di un'auto o di prendere i mezzi pubblici (anche se frequenti e con flotta moderna): il modo migliore per scoprirla è a piedi, nonostante i chilometri che si dovranno macinare.

In Italia, spesso e purtroppo, le cronache nere vedono protagonisti cittadini romeni; quindi siamo un po' prevenuti verso questo popolo. Beh, andate in Romania e, datemi retta, vi ricrederete di sicuro.

Io ho incontrato tantissima gente disponibile e gentile, mi sono sempre sentito sicuro (anche di sera) e la città è tenuta in modo eccellente: gli standard di pulizia, servizi e decoro pubblici sono superiori a quelli di moltissime città italiane.

La passione principale degli abitanti di Bucarest sembra essere quella dei parchi e dei giardini: tanti, curati e soprattutto fioriti. Il fiore onnipresente è il tulipano. Tulipano che si vende in ogni angolo della città.

Nonostante abbia letto che in Romania e anche a Bucarest vi sia un grande problema di randagismo canino, in tre giorni non ho visto un solo cane randagio, nè in centro, nè nelle periferie.

06/04/16

Alle 15,30 locali, il boeing 737-800 della Ryanair, proveniente da Milano Malpensa, atterra all'aeroporto di Bucarest, ed io mi ritrovo su suolo romeno, senza una precisa idea di cosa aspettarmi; so a malapena che per arrivare in centro città devo prendere il bus 783, che ferma in tutte le principali piazze della città (Victoriei, Romana, Universităţii e Unirii che è il capolinea).

La fermata dei bus è al piano inferiore a quello degli arrivi (dove per la cronaca si trova anche un supermercato Billa, in cui ho comprato una baguette e dell'acqua, spendendo pochissimo...7 lei, che sono circa 1.5 euro), sul lato destro. È presente un chioschetto con impiegato dove acquistare la card magnetica e caricarla con l'importo che si vuole. C'è anche un chiosco automatico.

La coda di gente in attesa alla fermata del 783 mi fa venire l'ansia e così decido di non subire un viaggio stipato e opto per il bus 780, tutto vuoto

  • 16959 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social