Tra le dune del nord est

Dalla fitta foresta amazzonica alle splendide dune sulle spiaggie, sono tante le emozioni che il Brasile ti lascia nel cuore

  • di GIANNIBON
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Tutta colpa di Donnavventura la trasmissione di rete 4, vedere quelle ragazze che si rotolavano dalle dune del parco dei Lençois Maranhenses per tuffarsi nelle piscine naturali con l’acqua di un azzurro cristallino ci aveva davvero colpito. Così io e Antonella ci siamo guardati ed abbiamo detto: “lì bisogna andarci”.

Abbiamo così coinvolto Fabio e Gabriella e ridato vita alla Miglio Tour, ci siamo messi a preparare il viaggio.

Il Brasile è talmente grande che scegliere cosa andare a vedere e a cosa rinunciare, ci ha messo davvero in difficoltà. Alla fine abbiamo scelto il nord est con l’aggiunta di 3 giorni in Amazzonia

A marzo abbiamo prenotato i voli: intercontinentali via Lisbona con TAP Portugal, quelli interni con TAM Brasil.

Per l’organizzazione delle escursioni e dei pernottamenti ci siamo appoggiati alla Brasil Planet di Sao Luis il cui titolare Francesco, un giovane emiliano che vive lì da 7 anni, si è dimostrato molto disponibile ad assecondare i nostri cambi di programma e a darci consigli per la costruzione dell’itinerario definitivo.

5 Agosto: Partenza da Linate alle 6.30 per Lisbona e volo intercontinentale su Recife dove non arriva la valigia di Fabio. A seguire volo su Salvador de Bahia con arrivo alle 19.45. L’autista di nome Netto che ci porta in albergo ci propone se vogliamo fare delle escursioni e visto il poco tempo a disposizione ed anche perché per le donne era un bel tipo, decidiamo di accettare e per il giorno seguente programmiamo la visita della città.

6 Agosto: Visitiamo Salvador iniziando dal faro di Barra, proseguendo per la città bassa con la chiesa del Bonfin, per il Mercato Modelo per fare i primi acquisti a tramite l’Elevador siamo poi saliti per una visita al centro storico ed al Pelourinho. Non c’erano molti turisti in città ed era davvero spenta. Anche la sera nei locali del Pelourinho non c’era un granchè da fare e per vedere la capoeira in piazza bisognava essere fortunati. Davvero molto diverso da quanto descritto nelle guide. Ci dicevano che negli ultimi due – tre anni il turismo è calato moltissimo a Salvador. Aggiungiamo poi che durante la visita di giorno la guida ci ha invitato in molte parti a non scendere dal bus ed a fotografare dal finestrino. Nel centro solo la presenza della polizia in numero massiccio ci dava tranquillità nel passeggiare sia di giorno che di sera. Per contorno la pioggia ci ha seguito a intermittenza per tutta la giornata.

7 Agosto: Visto il buon trattamento avuto, con l’agenzia di Netto abbiamo prenotato l’escursione anche per questa giornata: le spiagge a nord di Salvador. Con un bus ci hanno portato nella zona di Praia do Forte, prima a vedere le tartarughe marine alla stazione del Progetto Tamar una serie di vasche dove oltre le tartarughe ci sono piccoli squali, razze e pesci vari. Abbiamo poi visitato il paese di Praia do Forte con dei negozi ed alberghi carini, per andare poi a mangiare ed rilassarci in spiaggia. Naturalmente non poteva mancare il primo tuffo nel mare brasiliano anche se era molto mosso. Alla sera a Salvador cerchiamo dell’abbigliamento per Fabio che da due giorni indossa solo le magliette dello staff della Sagra delle pesche di Collebeato che aveva nel bagaglio a mano, ma ora di pubblicità ne ha fatta abbastanza.

8 – 9 10 Agosto: Partenza alle 9 per Manaus. All’arrivo ci imbarchiamo per la navigazione sul rio delle Amazzoni dove vediamo lo scenario della confluenza dello stesso con il Rio Negro, con le acque che viaggiano separate nello stesso letto. Raggiungiamo l’Amazon village dopo tre ore. I bungalow sono semplici e senza energia elettrica ne telefonini. Solo alcune batterie di camion fanno un poco di luce nelle stanze. Ottimi i pasti e le due giornate trascorse sono state dedicate a passeggiate nella foresta, navigazione nella foresta allagata alla ricerca dei caimani e pesca di piranha. Gli animali più che vederli si sentono, visto che vivono sulle cime degli alberi che sono molto alti. Noi abbiamo visto qualche pappagallo, un tucano, alcune tarantole, 2 scimmie, un caimano e un bradipo

  • 26365 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social