Viaggio di Nozze a Fernando de Noronha

Tenuto conto della nostra allergia alle agenzie di viaggio e ai loro spesso immotivati ed allucinanti supplementi, ci siamo organizzati una luna di miele fai-da-te. E poi, diciamocelo, è molto più divertente! A seguire, la destinazione non poteva essere banale ...

  • di alfe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Tenuto conto della nostra allergia alle agenzie di viaggio e ai loro spesso immotivati ed allucinanti supplementi, ci siamo organizzati una luna di miele fai-da-te. E poi, diciamocelo, è molto più divertente! A seguire, la destinazione non poteva essere banale e quindi abbiamo seguito il consiglio di mia sorella che nel suo girovagare per il Brasile era "capitata" anche sull'isola di Fernando de Noronha, parco marino con accesso limitato e tassa d'ingresso che scoraggia parecchi (soprattutto i maleintenzionati).

Oltre ai consigli della sorella, abbiamo seguito quelli di chi aveva già segnalato questa destinazione sul blog ed infine la guida Lonely Planet (che non ci abbandona mai... O quasi).

Partiti da Milano il 27/09 con volo Air Italy, siamo atterrati a Fortaleza e dopo un 4 ore abbiamo preso il volo della GOL per Recife (segnaliamo che prenotare il volo dall'Italia è stata un'impresa tant'è che ci siamo affidati ad un'amica brasiliana che gentilmente ha anticipato i soldi).

Una soluzione alternativa è rappresentata dalla TAM ma non sempre si incrociano gli orari.

Abbiamo dormito una notte a Olinda all'hotel 7 Colinas che confermiamo essere un'ottima soluzione logistica ed economica (prezzo contrattabile attorno ai 75 euro per una doppia con colazione).

Per mancanza di tempo abbiamo rimandato il giro di Olinda al rientro dall'isola.

Volo per Fernando in orario con Varig e sorvolo dell'isola con splendida vista di tutte le coste (mare di dentro e mare di fuori).

Gli spostamenti da e per l’aeroporto di Recife li avevamo concordati già dall’Italia con un tassista del posto ed ad un prezzo fisso (è importante non incappare nei tassisti abusivi).

All'aeroporto ci aspettava l'incaricata dell'agenzia YourWay che avevamo precedentemente contattato via mail.

Si tratta di un’agenzia che non fa pagare all’utente i suoi servizi e che trova tutte le soluzioni ideali in base al budget che si ha a disposizione.

Via mail, infatti ci aveva inviato le foto delle pousada che potevano fare al caso nostro, permettendoci così di scegliere quella di Tartarugas Marinhas gestita da Fatima, dalla figlia Maitê e dall’ottima cuoca Cristina.

La sistemazione è risultata semplice ma estremamente pulita ed ordinata.

Per muoverci sull’isola abbiamo optato per una moto invece che scegliere i dune buggy.

L’isola ha una sola strada principale asfaltata della lunghezza di 7.5 km.

Tutte le altre strade sono secondarie, in terra battuta e con buche non indifferenti che rendono il tragitto decisamente movimentato ma unico! Tutte le spiagge e i luoghi di interesse turistico e non, sono ben segnalati.

L’isola ha un solo distributore di benzina, un solo gommista (!), un paio di supermercati, 3 centri di immersione, parecchi buoni ristoranti e spiagge meravigliose.

In 11 giorni le abbiamo viste tutte praticando surf, nuoto, snorkelling, sub, caccia ai cavalloni e passeggiando.

Non essendo in alta stagione, ci siamo trovati più volte come gli unici bagnanti dell’intera spiaggia... un paradiso.

Il tempo atmosferico è stato magnifico e, grazie al vento costante che batte l’isola 24 ore su 24, le nuvole non stazionano mai per più di un minuto.

Dopo un tentativo di mangiare sempre panini a pranzo (non sempre la frutta è disponibile in quanto arriva con le navi ogni 4 giorni), abbiamo optato per il self service Flamboyant in centro a Vila do Remedios. Con meno di 10 euro in due abbiamo mangiato ogni giorno qualcosa di diverso che si paga a peso. Vivamente suggerito!!! Su indicazione delle guide, non ci siamo persi l’Ecologikus, il Cacimba Bistrò e Zè Maria (anche se quest’ultimo ha ottimo cibo ma atmosfera troppo sofisticata e siamo incappati in una cameriera che avrebbe scelto/ordinato i piatti per noi..

  • 4313 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Gloria Zelli
    , 27/2/2011 11:12
    potrei sapere quanto avete speso per l'aereo ? e qual'è il mese migliore ? grazie mille

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social