Il mio Brasile senza Tour Operator

La nostra avventura è iniziata il 1 settembre con un volo Milano/Rio de Janeiro con Air France Via Parigi, acquistato in internet direttamente dal sito della compagnia, alcuni mesi prima ad un prezzo diciamo…abbordabile (circa 960 euro a persona). La ...

  • di larossa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

La nostra avventura è iniziata il 1 settembre con un volo Milano/Rio de Janeiro con Air France Via Parigi, acquistato in internet direttamente dal sito della compagnia, alcuni mesi prima ad un prezzo diciamo...Abbordabile (circa 960 euro a persona).

La nostra vacanza di 17 giorni era strutturata con qualche giorno a casa di amici che abitano ad un centinaio di chilometri da Rio ed i restanti in giro tra i dintorni di Rio, Foz do Iguassù e Salvador Bahia.

Siamo arriva a Rio in una domenica piovosa, ma il lunedì mattina, con un sole stupendo, che ci ha accompagnato per tutta la vacanza, ci siamo messi in macchina con destinazione Rio lasciando però l’automobile in uno dei parcheggi di Niteroi (6 reais per tutto il giorno) dal cui porto partono i traghetti (che funzionano 24 ore su 24) che ti trasportano (per 2,30 reais a tratta) direttamente in città nella zona commerciale dei grandi uffici. Faccio presente che la valuta corrente è 1 euro /circa 2,65 reais.

Qui ne abbiamo approfittato per recarci nelle agenzie di cambio denaro e per recarci direttamente nei uffici delle compagnie aeree per acquistare i biglietti per i voli interni, dal momento che l’Aripass per il Brasile (che ti permette di fare 4 voli interni nell’arco di 21 giorni) acquistato in Italia costava mediamente €500,00 con la TAM a persona mentre a noi servivano solo 3 voli interni ed abbiamo quindi acquistato il pacchetto voli alla Comp. BRA (OceanAir) per €400,00 a persona tasse comprese (un accorgimento prima di partire se potete telefonate per la conferma del volo, non è difficile che possano essere cancellati o ritardati, soprattutto quelli che passano attraverso San Paolo).

Da qui abbiamo vagato un po per il centro, recandoci al Mercato Uruguaiano, che si traduce in un grosso mercato di bancarelle attaccate una all’altra dove potete trovare di tutto e di più dall’oggetto taroccato alle ricariche delle cartucce per stampanti. Abbiamo fatto sosta in uno dei tanti “baretti” dove ti preparano sul momento ottimi e freschissimi succhi e frullati di frutta fresca a scelta. Da qui ci siamo recati a vedere la bellissima Confeitaria Colombo storica caffetteria in stile liberty ed essendo poi scesa la sera, integrandoci con la gente del posto, ci siamo seduti al tavolino di uno dei tanti “baracchini” improvvisati sul marciapiede (tipo venditori di hot dog di Manhattan) che preparano ottimi spiadini di manzo e di pollo contemplando in tutto il suo candore il Teatro Municipal ed infine (con il buio che in settembre cala alle 6 di sera) un giretto d’obbligo sul “bonde” il trenino a rotaia che parte all’incirca dietro gli archi della Lapa e porta a Santa Teresa (circa 0,60 reais) inerpicandosi su queste strade ripide, godendo così di una visuale particolare su di una Rio illuminatissima, e la cui caratteristica è che, paghi se ti siedi, altrimenti se sali e scendi al volo restando esternamente attaccato ai paletti di legno è gratis (veramente dei grandi quelli che salgono e scendono a trenino in movimento). I giorni successivi sempre alzandoci di buon ora siamo andati a visitare: il Corcovado (Statua Cristo Redentor) con l’autobus (prendere quello con la scritta Cosme Velho,) una volta scesi verrete presi d’assalto dai taxisti (contrattate sempre il prezzo) che per 36 reais a persona (la stessa cifra che vi prende il trenino) vi portano alla sommità (ma in più a differenza del trenino fa un fermata intermedia alla pista dell’elicottero dove si può iniziare a pregustare di questa vista sulla città)

  • 4866 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social