L'ultimo lembo di africa nera

Alla fine del soggiorno Africano scrivo il riassunto del viaggio per non dimenticarlo e per poterlo rivivere. Siamo partiti da Pisa per Milano lunedì 18 luglio ‘05 alle 17.20. Gli assistenti di volo Alitalia erano in sciopero ma fortunatamente il ...

  • di Valeria Capitani
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Alla fine del soggiorno Africano scrivo il riassunto del viaggio per non dimenticarlo e per poterlo rivivere.

Siamo partiti da Pisa per Milano lunedì 18 luglio ‘05 alle 17.20. Gli assistenti di volo Alitalia erano in sciopero ma fortunatamente il nostro volo è stato confermato e siamo potuti partire in orario. Il volo è andato bene.

A Milano abbiamo fatto l’ultima cena italiana e alle 21,05 siamo decollati per Johannesburg. Il volo è stato comodo e confortevole oltre le aspettative. Io ho dormito fino alle 6,30 quando ci hanno svegliato, Luca un po’ meno.

All’arrivo all’Aeroporto di Johannesburg faceva freddino, le persone portavano cappelli di lana e guidavano tenendo la sinistra. Il volo per Victoria Falls è stato poco dopo, nell’attesa abbiamo incontrato quel collega di mia sorella che sapevo faceva il nostro stesso viaggio ed ho scoperto è andato a scuola con Luca. La moglie invece ha fatto la mia stessa scuola. Quando l’ho intravista in Aeroporto ho pensato che non poteva essere lei e che io dovevo avere delle allucinazioni post volo transcontinentale. L’arrivo a Victoria Falls è andato tutto bene – visto e ritiro bagagli- e siamo partiti per il Kingdom Hotel.

Un albergo eccessivo e un po’ Disneyano per i miei gusti, la cascata all’ingresso non ha alcun senso, comunque ci siamo stati proprio bene. Abbiamo la mezza pensione e abbiamo mangiato in un ristorante dell’albergo, un posto buio e un po’ Far West dove si mangiano Hamburger.

Abbiamo mangiato abbastanza bene, ho vietato a Luca di mangiare la verdure cruda ma ci siamo concessi la mayonnaise- siamo in vacanza-.

Dopo pranzo alle 15,35 si parte per la crociera sullo Zambesi.

La barca è un chiattone con bagno, tavoli, sedie e sgabelli, lo Zambesi è un fiume scuro, abbastanza largo e liscio come l’olio. Mi portano una birra dello Zimbabwe, è buona.

Ci sono con noi degli Australiani ai quali interessa bere e non vedere perché si sono già fatti tutta l’Africa e forse non ce la fanno più.

I giapponesi invece sono imbarazzanti come sempre, hanno anche le mani coperte per paura delle zanzare che sinceramente non ho visto- forse una o due-, durante la crociera abbiamo visto un coccodrillo, sei ippopotami e tre elefanti.

Stupisce la facilità con la quale li abbiamo avvicinati e come non si curino di noi. Nel ritorno c’hanno dato da mangiare polpette, spiedini e verdura, tutto buono e piccante e prendo la seconda birra(!).

Dopo cena ci incontriamo con altri ragazzi italiani antipaticissimi che abbiamo incontrato in volo, li andiamo a salutare a cena e poi si dorme.

Alle 8,35 si va alle Cascate Victoria quindi ci svegliamo presto facciamo colazione abbondante mettiamo i panini in borsa e via.

La guida è arrivata in anticipo e Luca dimentica la bandanna verde di Timbuktu sul letto. È l’ultima volta che la vediamo, ce l’hanno rubata! Nel viaggio per le cascate incontriamo dei turisti inglesi, ma diciamo meglio europei fogatissimi perché la guida ha fatto tardi e loro devono andare con l’elicottero. Sono insopportabili e meno male ci separiamo. Appena arrivati incontriamo il collega di mia sorella con la moglie e stiamo con loro a vedere le cascate, anche perché loro hanno la guida in italiano, una Sig.Ra italiana, che vive a Victoria Falls, il cui figlio gestisce i servizi per turisti! Alle 11,30 salutiamo la guida visto che l’albergo è a due passi a piedi e comincia l’avventura.

Per passare il ponte di Victoria Falls ci vuole il passaporto, e noi ce l’abbiamo, ci mettono il timbro in uscita dallo Zimbabwe e pensiamo di entrare in Zambia invece entriamo nella terra di nessuno

  • 907 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social