Camping nel bush

Prima di partire per un viaggio in Botswana bisogna essere coscienti che si tratta di un’avventura che richiede molto spirito di adattamento perchè i disagi e la fatica sono tanti, ma vengono ricompensati dalla bellezza e dalla ricchezza della natura. ...

  • di ibrab
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 
Annunci Google

Prima di partire per un viaggio in Botswana bisogna essere coscienti che si tratta di un’avventura che richiede molto spirito di adattamento perchè i disagi e la fatica sono tanti, ma vengono ricompensati dalla bellezza e dalla ricchezza della natura.

Il tour operator a cui ci siamo appoggiati e la Bushway Safaris, con sede a Maun. L’abbiamo trovato su internet e il loro servizio è stato efficiente e professionale sin dalla prima e-mail.

Dall’Italia partiamo in due, Barbara e Claudio, per affrontare l’Elephant Trail di 15 giorni che tocca il Caprivi in Namibia, le Cascate Vittoria in Zambia e la parte nord del Botswana. Gli spostamenti avvengono a bordo di jeep Land Rover per 12-16 persone, con finestrini e tetto rimovibili, dotata di rimorchio che funge da cucina, frigo e deposito (bagagli e materiale da campeggio). Le dimensioni e le caratteristiche di questa vettura consentono di percorrere agevolmente le piste strette del bush, dove i mezzi più grossi non possono passare.

A esclusione della prima notte a Kasane (fuori programma) e dell’ultima notte a Livingstone, il pernottamento è sempre stato in tenda, con servizi igienici fissi, ma più spesso con “bush ablutions”. Le abluzioni nel bush consistono in cabine tipo urna elettorale per: - doccia con cisterna da 25 litri d’acqua appesa a un albero; - toilet con buca nel terreno di 70 cm e vater rimovibile.

Nel bush il concetto di pulizia è relativo, perciò le più importanti norme igieniche vengono accantonate e si è sempre coperti da uno strato di polvere, anche subito dopo la doccia.

È importante sapere che i campeggi non sono dotati di barriere tra l’uomo e gli animali, perciò può capitare di ricevere la visita di un centinaio di elefanti per pranzo, oppure di trovarsi in mezzo al confronto tra un leone e un elefante nel cuore della notte (con annessi ruggiti e barriti da gelare il sangue), o ancora di sentire i passi ovattati di qualche animale attorno alla tenda e scoprire al mattino le loro impronte.

La giornata inizia prima dell’alba (ad agosto circa le 6.30) e termina qualche ora dopo il calar del sole (che avviene intorno alle 18): dopodichè il buio totale consente di ammirare soltanto il meraviglioso cielo stellato, con la striscia della via lattea visibile a occhio nudo. Tutte le attività dell’accampamento poi si svolgono intorno al fuoco, che serve per cucinare, per far bollire l’acqua da usare nella doccia, per scaldarsi dal freddo gelido che caratterizza le ore del mattino e della sera.

Il nostro gruppo era composto da 11 partecipanti di diverse nazionalità, con una netta dominanza di tedeschi, poichè la Bushway ha un marketing molto forte in Germania (e Francia). Ogni gruppo viene supportato da una guida-autista (Custard, la nostra guida, è eccezionale), da un assistente di campo (Thuso, ovvero un cuoco eccellente) e una traduttrice dall’inglese al tedesco. Una buona conoscenza dell’inglese è fondamentale per interagire con gli altri, ma soprattutto per capire le regole da seguire: 1. Non ci si addentra nel bush a piedi 2. Qualsiasi cosa accada, non correre 3. Bisogna montare e smontare la tenda assegnata ed eseguirne la pulizia 4. Nel camping si collabora Esiste poi un’altra regola, non detta e non scritta: a turno si lavano i piatti di tutto il gruppo, per cui è meglio portare i guanti di plastica.

Tra il resto dell’equipaggiamento sono utili: la luce tipo minatore per illuminare il proprio piatto, una pila potente per raggiungere il bagno prima di ritirarsi la sera, i pantaloni con le zip, il burro di cacao, una crema molto idratante, berretto e guanti pesanti, termos per l’acqua da bere, abiti color kakhi o verdi per una migliore mimesi, gel asciutto per lavarsi le mani, tappi per le orecchie per dormire

Annunci Google
  • 2905 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social