Bomarzo e il Parco dei Mostri

Alla scoperta dell'affascinante Sacro Bosco, un parco unico nel suo genere, e visita al paese di Bomarzo

  • di Shinya
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

DOVE: Località Giardino, 01020 Bomarzo (VT) - QUANDO: 08:30 - 19:00 dall'01/04 al 31/10; 08:30 - Tramonto dall'01/11 al 31/03 - COSTO: 10,00€ / 8,00€ (da 4 a 13 anni) / 8,00€ (gruppi di minimo 30 persone con precedente prenotazione) - CONTATTI: Tel: 0761/924029; e-m@il: press.sacroboscobomarzo@gmail.com; info@parcodeimostri.com - LINK: http://www.sacrobosco.it - COME ARRIVARE: In macchina. Il Parco è fuori dal paese, e dispone di un parcheggio molto grande. Le indicazioni sono chiare e quindi è facilissimo da trovare.

UN PO' DI STORIA

Il Parco dei Mostri di Bomarzo, detto anche Bosco Sacro, è situato nella Tuscia viterbese, alle pendici orientali dei Monti Cimini. La totalità delle statue del parco sono nate scalfendo il peperino, tipica pietra locale, usufruendo delle pietre già esistenti nel parco e basando su di esse le varie strutture e dimensioni. La creazione di questo posto fatato si deve al Principe Vicino Orsini e all'architetto Pirro Ligorio, che lo progettarono nel 1552. Il parco segue linee geometriche e perfette, mentre le statue non hanno nessuna coerenza geometrica o di proporzione; Vicino Orsini le creò a suo piacimento, creando pezzi unici in tutto il Mondo. Dopo la morte del Principe, per molti anni nessuno si curò più di questo posto, ma grazie a grandi artisti dell'epoca come Salvador Dalì, Claude Lorrain, Mario Praz, Maurizio Calvesi e Johann Wolfgang Von Goethe il parco riprese vita.

LA MIA ESPERIENZA

Non era la prima volta che visitavo questo luogo, ma la volta precedente che c'ero andata, ricordo solo un mare di gente e un gran casino, perché era il 25 aprile ed era festa. Stavolta, invece, ci sono andata in mezzo alla settimana, con le vacanze Pasquali alle spalle, sfruttando un pomeriggio libero e decidendo all'ultimo minuto (essendo Bomarzo ad appena 40 minuti da Terni, ed essendo io tornata a casa a trovare la mia famiglia in quel periodo e quindi ero a Terni, me lo sono potuta permettere). Perciò sono montata in macchina e via, alla volta del Parco Dei Mostri! Fatto il biglietto ed entrata, ho notato che stavolta il Parco era pressoché deserto. C'ero io e circa altre otto persone, di cui sei straniere. Questa cosa mi ha piacevolmente sorpresa, perché conosco moltissime persone italiane che ignorano l'esistenza di questo luogo; e invece magari dalla Germania o dall'Inghilterra, dalla Francia o chissà da dove, ci sono turisti stranieri che conoscono questo luogo e si premurano di visitarlo. Certo, il prezzo del biglietto d'ingresso immagino faccia desistere molte persone, però anche se è un po' caro, ho avuto modo di vedere che il parco è curato, pulitissimo, l'erba perfettamente tagliata, e c'erano operai al lavoro per la pulitura delle statue, armati di un pennellino minuscolo e quindi occupati per molto tempo. Se, pagando 10,00€, anche facendo un piccolo sforzo, poi ho un riscontro così positivo, allora li spendo volentieri. Inoltre, non appena si fa il biglietto, si viene dotati di mappa. Dietro c'è un breve testo sulla storia del luogo e le foto dei pezzi forte del Parco; davanti c'è la mappa disegnata con tutte le varie statue e un percorso da seguire. Io vi consiglio di seguirlo, perché così avrete modo di vedere tutte le statue del Parco in assoluta tranquillità, senza rischiare di lasciarvene indietro qualcuna. Infatti bisogna scendere scale, salirle e immergersi nel bosco; non seguendo un percorso netto e chiaro, ma esplorativo; e questa cosa mi è piaciuta moltissimo, perché ti sembra quasi di camminare a caso, ma in realtà sai perfettamente dove ti condurranno i tuoi passi. Oltretutto , seguendo la mappa, si ha la possibilità di godere anche della natura in cui è immerso il Parco, comprensivo di piccole cascate e moltissimi angoli di assoluta pace

  • 6284 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social