Ma cosa c'è a Panama?

Viaggio itinerante alla scoperta del Paese

  • di carnicero
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo alcune ricerche sul sito di Turisti per Caso decidiamo che la meta del nostro prossimo viaggio sarà Panama, perché è una meta poco turistica e offre la possibilità di vedere mare e natura incontaminata.

Compriamo subito la guida della LP e una mappa dettagliata del paese perché abbiamo intenzione di prenotare un auto per i nostri spostamenti.

Si parte il 17/02 con un volo Iberia non molto economico ma con un solo scalo e di percorrenza breve.

Atterriamo in anticipo alle 16,30 e dopo una lunga prassi di entrata nel paese troviamo il tassista ($28) che ci ha mandato l’Hostal Riviera prenotato da casa senza caparra. L’Hostal è molto semplice ma situato in un quartiere tranquillo e la proprietaria molto disponibile nel dare consigli.

Ci cambiamo velocemente, visto la temperatura tropicale, e iniziamo l’esplorazione della città a piedi raggiungendo il vicino centro commerciale Multiplaza Mall anche se un po’ disorientati e stanchi decidiamo di prendere un taxy per il Casco antiguo ($8).

Partiamo da piazza della Cattedrale e iniziamo ad ammirare questo splendido quartiere in piena ristrutturazione.

Sono già le 21 e decidiamo di pranzare al Diablicos vicino a piazza di Francia, il menù ci ispira perché vengono prodotti piatti tipici e in effetti non è male.

Passeggiamo un po’ per le vie con illuminazione soffusa e ormai provati rientriamo in taxy ($10).

Il 18/02 sveglia presto a causa del fuso e dopo una buona colazione in Hostal raggiungiamo a piedi senza problemi l’Hotel Marriot sede della Hertz per ritirare la nostra auto per 9gg.

Le pratiche sono un po’ lunghe ma alle 10 riusciamo a partire destinazione chiusa di Miraflores.

Il primo impatto con le strade caotiche e la scarsità di segnali rallenta un po’ il primo viaggio ma riusciamo dopo pochi tentativi a raggiungere la chiusa e fare il biglietto di ingresso ($5x2) che consente di vedere dalla tribuna il passaggio delle navi.

Visto il passaggio di un mercantile ammiriamo questa opera realizzata dall’uomo con difficoltà ma che comunque è un po’ deludente visivamente e si conclude in poco tempo.

Vediamo anche da lontano la realizzazione del nuovo ampliamento che oggi viene realizzato da imponenti ruspe e camion.

Ripartiamo in direzione parco di Soberania e dopo aver raggiunto Gamboa, piccola cittadina dove praticamente non c’è niente come segnalato dalla guida, torniamo all’ingresso della strada dove si trova l’ufficio del parco per fare il biglietto ($5x2) che consente di entrare liberamente nel parco percorrendo i percorsi consigliati dalla guardie.

Raggiungiamo il percorso Plantacion che si rivela inizialmente interessante per gli enormi alberi, le splendide farfalle e il silenzio assoluto disturbato solo dalle scimmie urlatrici.

Dopo due ore di camminata rientriamo a Panamà e ci fermiamo al mercato do Marisco dove si può parcheggiare tranquillamente e dopo aver visto i venditori di cevice e pesce fresco decidiamo di mangiare al piano superiore dove c’è un ristorantino che serve vari piatti di pesce molto buoni e a prezzi economici per la ciudad.

Dopo esserci ristorati sfruttiamo il parcheggio e decidiamo di vedere meglio il casco Antiguo, è tutto pieno di cantieri e molte strade sono chiuse, vediamo però vie completamente ristrutturate piene di ristoranti e negozi di artigianato locale.

Al mercato artigianale acquistiamo anche un paio di cappelli panama che ci saranno utili nelle camminate sotto il sole.

Ormai sono le 19 e a causa del traffico intenso impieghiamo parecchio per raggiungere l’hostal, quindi doccia e preparativi per la partenza di domani

  • 27341 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social