Birmania allo zenzero

Sottrarci al boom turistico della Birmania? Giammai!

  • di stramaury
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Chi: Karine (31, Parigi), Ale (34, Parigi), Simo (33, Maastrischt), Mau (io, 34, Torino). Karine e Ale sono una coppia; Ale, Simo ed io compagni di liceo. Per tutti è il primo viaggio in Asia.

Quando: 17 novembre - 2 dicembre; escludendo i voli: 18 novembre - 1 dicembre, cioè 14 giorni.

Dove: abbiamo dormito a Mandalay (2 notti), Bagan (3), Kalaw (1), villaggi tra Kalaw e lago Inle (2), lago Inle (2), Moulmein/Mawlamyine (2), Yangon (2).

Organizzazione: fai da te. Guide Lonely Planet (LP) e Routard. Prenotati solo voli e alberghi.

17 NOVEMBRE: TORINO - MILANO - DOHA - YANGON - MANDALAY

Si parte! Da Malpensa il sottoscritto, da Parigi gli altri; ci incontriamo a Doha e da qui raggiungiamo Yangon. La coincidenza stretta (2 ore) con il volo interno per Mandalay funziona, ieppa.

18 NOVEMBRE: MANDALAY

Alle 9.00 atterriamo a Mandalay, scambiamo/preleviamo kyat (1€ = 1.600k circa; 1$ = 1.350k circa), compriamo una sim birmana (15.500k), in 1h di taxi (20.500k) raggiungiamo l’albergo, in tarda mattinata siamo pronti. Impatto: più caos, sporcizia e distanza dai canoni occidentali del previsto. Marciapiedi impraticabili, traffico anarchico, edifici malridotti, bancarelle, cani randagi, odori forti. L’adattamento agli usi e costumi locali sarà graduale e laborioso. Per familiarizzare: mercato su strada, tempio (tra i molti luoghi in cui si entra senza scarpe, per ora teniamo le calze), pranzo in un locale spartano con tavoli e cucina in strada (caratteristiche che tenderemmo e tenderemo a evitare), ma pieno e frequentato anche da occidentali (nostra discriminante); non c’è posto fuori quindi finiamo in una piccola stanza con grosso tavolo, schermo della videosorveglianza (spiamo i proprietari al lavoro), divano con bambini che guardano cartoni; mangiamo il primo curry uscendone gastrointestinalmente indenni.

Passeggiamo in zona e poi puntiamo all’ingresso dell’area del Mandalay Palace, costeggiando l’interminabile canale d’acqua che la circonda. Rimbalziamo vari tassisti che ci approcciano ma dopo un’ora desistiamo: ci convince Mr. Toe e resteremo nelle sue mani per un paio di giorni. Mandalay Palace (10.000k a testa il pass turistico), poi Kuthodaw Paya (“il libro più grande del mondo”) e Sandamuni Paya. Tramonto a Mandalay Hill dove sdoganiamo definitivamente i piedi nudi sulla particolarmente sporca scala mobile e dove parliamo in inglese con 20 ragazzini birmani su richiesta del loro insegnante (ne avevamo letto sulla LP senza prenderla sul serio); spiacente per chi si è sorbito il mio inglese scolastico annuendo educatamente ma con espressione da “che stai dicendo?”. Diamo all’autista appuntamento per domani mattina e 20.000k per oggi. Cena in un locale all’aperto, due parole con tre nordeuropei che vivono in Cina e stanno visitando la Birmania in moto (stima), quindi a dormire.

19 NOVEMBRE: DINTORNI DI MANDALAY (AMARAPURA, MINGUN, SAGAING, INWA)

Sveglia presto, Mr. Toe e alba all’U Bein’s Bridge di Amarapura. Ne percorriamo buona parte fra birmani che fanno sport e stretching; altri turisti raggiungono con piccole barche aree circostanti adatte a fotografarlo a quest’ora. Per le mete di oggi ci affidiamo in toto al nostro tassista. Rifiutata con cortese fermezza la colazione che ci propone (bancarella in un vicolo con polvere e cani randagi del genere quel che non ti uccide ti fortifica) partiamo per Mingun, raggiungendola alle 8.30; la maggior parte dei turisti arriverà più tardi con il traghetto da Mandalay, più rapido della macchina, il che spiega le bancarelle chiuse e l‘aria ancora sonnacchiosa dell’insieme a quest’ora

  • 3814 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social