Weekend lungo a Berlino

Quattro giorni nella capitale tedesca

  • di Luca Franzoni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Berlino 2016

Quattro giorni nella capitale tedesca

1° giorno

Prima vacanza del 2016 a Berlino, dove con meno di 50€ troviamo il volo a/r con Easyjet; partenza alle 6.50 da Malpensa e alle 8,20 siamo già atterrati all’aeroporto di Schönefeld.

Avendo davanti 4 giorni pieni decidiamo di fare la Welcome Berlin Card (€ 34,50 zone ABC), secondo noi la più conveniente (tenendo conto che l’aeroporto è zona C). Con la WBC si hanno trasporti illimitati e numerosi sconti (in media 1-2€ a testa) per quasi tutte le attrazioni nonchè negozi/ristoranti convenzionati. Non perdiamo tempo e tramite S-bahn ci dirigiamo all’Ibis Hotel Mitte (€ 220 circa per 3 notti) a due fermate di metro o a 10 min. a piedi da Alexander Platz (cuore nevralgico di Berlino). L’hotel è il classico Ibis: pulito, funzionale e con un rapporto qualità/prezzo come pochi (ennesima conferma della catena IBIS da noi scelta come must per soggiorni brevi).

Ore 10,30 e siamo già operativi: prima tappa è il Fernsehturm, la torre della televisione più alta di Germania. Si sale con l’ascensore fino a 203 mt dove, tramite la piattaforma panoramica, si può ammirare Berlino a 360°. Davanti alla torre il municipio (Rotes Rathaus). Proseguiamo verso Potsdamer Platz, pausa pranzo e via verso la Porta di Brandeburgo; immancabili le foto di rito dalla parte est con quadriglia frontale.

Dalla Porta di Brandeburgo parte un lungo viale (Strasse des 17 Juni) di circa 2 km direzione ovest; camminando si posso notare: due carri armati sovietici ai piedi di un monumento commemorativo agli oltre 2.000 soldati sovietici caduti nella 2 guerra mondiale, una residenza signorile (Schloss Bellevue) però chiusa al pubblico, ed infine la colonna d’orata con l’angelo della Vittoria.

È primo pomeriggio e decidiamo di fare tappa allo zoo+acquario (a dir la verità la parte dello zoo non ci è piaciuta molto); tigri, leoni e pantere sono tutti in gabbia e all’esterno metà delle zone sono prive di animali. Sicuramente d’estate il fascino è completamente diverso. Ci consoliamo con lo spettacolo delle foche. Torniamo a piedi in Potsdamer Platz; pausa cioccolata calda da Starbucks al Sony Center e ci dirigiamo in Hotel. Serata all’HB in Alexander Platz.

2° giorno

Iniziamo il secondo giorno dal Tiergarten (anonimo e insignificante) e ci dirigiamo al Reichstag, il parlamento berlinese. Avevamo prenotato gratuitamente online la visita guidata alle 10:30 (durata totale 90 min). Si inizia dalla sala delle votazioni e si finisce sulla cupola (panoramica) di vetro. A posteriori forse l’attrazione più bella e coinvolgente di Berlino (voto 8 pieno). Finita la visita guidata, percorriamo Unter den Linden, il vialone che dalla porta di Brandeburgo conduce al Berliner Dom. Foto alla Bebelplatz e alla Neuwe Wache (monumento neoclassico). Primo pomeriggio al Pergammonmuseum (consigliato agli appassionati e non) in un viaggio indietro nella storia ai tempi dei Babilonesi&Assiri. Finiamo la giornata tra l’Holocaust Mahnmal (monumento commemorativo composto da blocchi di cemento a ricordare gli ebrei), Bunker di Hitler (a dir la verità da vedere non c’è proprio nulla se non una foto con una riproduzione di quello che sarebbe stato il nascondiglio del Fuhrer), Topographie des Terrors e Checkpoint Charlie: il punto di confine tra Usa e URSS ai tempi della guerra fredda. Serata all’Hard Rock Cafè (tappa fissa di ogni nostra vacanza)

  • 27495 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social