Dalla Romantische Strasse a Berlino

Germania in breve: Monaco, la Romantische Strasse e Berlino

  • di pojapoja
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

DIARIO DI BORDO

Ciao! Siamo Greta e Federico, una coppia di giovani fidanzati. Il nostro modo di viaggiare è caratterizzato dall’essere spartano, a basso costo e spesso è limitato dalle scadenze di studio e lavoro. Ci piace vedere il più possibile, per questo a volte i ritmi sono un pò sostenuti... Vista l’utilità nel leggere altri diari nella programmazione di ogni nostro viaggio, speriamo noi stessi di esservi utili con queste poche pagine.

I giorno – 28.07.10

Partenza effettiva ore 5.45 da casa di Greta, viaggio scorrevole (a quell’ora di mattina sfido io!); Fede ossessionato dal bollino rosso in Austria; dimenticavo: prima del confine italiano super pausa merenda con pane fresco e Nutella. Arriviamo in Germania senza quasi accorgercene (confini poco evidenti), prima vera tappa a Wieskirche, splendido gioiello Rococò, davvero mozzafiato. In anticipo sulla tabella di marcia arriviamo allo Schloss Neuschwanstein, così facciamo prima della visita la passeggiata panoramica al Marienbrücke, un ponte dove davvero si gusta la magnificenza del castello. Giungiamo anche al punto panoramico dove si vede la cascata sotto il ponte e torniamo nel cortile dello Schloss giusti per la visita. Internamente il castello è davvero fiabesco (così come da fuori), anche se l’audioguida ci lascia un po’ delusi: troppo frettolosa e spiegava pochissime stanze! In ogni caso, possiamo dire di aver visitato il castello della Bella Addormentata!

Eccoci a Monaco, troviamo miracolosamente il campeggio e riusciamo a montare la tenda su un terreno pieno di crode giusto in tempo perché inizi a piovere. Doccia e nanna! Ottima giornata, peccato per la pioggia al castello…

Commento breve per il campeggio Thalkirchen: spartano e la natura selvatica si sta riprendendo i bagni (ragni e insetti strani)!

Ah, quasi dimenticavamo: a Wieskirche anche la portiera del passeggero della Ka decide di non aprirsi più da fuori… Greta inizia ad entrare dal bagaglio… ed è solo il primo giorno!

II giorno – 29.07.10

La mattina non comincia come si vorrebbe, piove anche troppo e si teme che la tenda non regga a tali condizioni. Tentativo fallito di ancoraggio picchetti. Colazione bagnata e come previsto dal programma visita al “Deutches Museum”, immenso complesso per celebrare la Scienza e la Tecnica: dalla fisica all’aereonautica, dai modellini dei treni alla farmacia. Poja riconosce l’aeroporto di Monaco da bravo Google- Earth dipendente. Pranzo da dimenticare, ci consoliamo con lo spettacolo dei trenini in movimento e con gli aerei (veri!) e gli esperimenti di fisica… si tocca dappertutto, ma tanti esperimenti sono rotti! (soprattutto quelli che tocca la Greta). Delusione per la temporanea chiusura dell’esposizione di Chimica, ma proprio adesso dovevano restaurare? Momentanea illusione sul bel tempo, subito smentita da un bell’ acquazzone. Prima tappa all’Englischer Garten, dove ci rifocilliamo con pane e Nutella e un’ottima pasta con la crema. Poi esploriamo il parco, compresa la Chinesische Turm. Tour de la Ville: quartiere Maxvorstadt inclusa Leopoldstrasse, zona musei e università, Königsplatz dal tipico aspetto greco, Karlsplatz. Meditare sulle parole della Siegestor in Leopoldstrasse: “Dedicato alla vittoria, distrutto dalla guerra e invocante la pace”. Chiediamo aiuto per la cena e veniamo dirottati al “Turkisches Essen”, dove troviamo kebab onto e thè dal sapore di medicina, ma accecati dalla fame trangugiamo ogni cosa senza fiatare. Ritorno al camping e preparativi per la notte

  • 9256 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social