Ponte dell’Immacolata in Belgio

Quattro giorni di dicembre per 3 meravigliose città: Bruges, Gent e Bruxelles

  • di IreIre
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ci sono bastati pochi giorni durante il ponte dell’Immacolata per innamorarci di Bruges, Gent e Bruxelles. Ci hanno meravigliato gli edifici incredibilmente in equilibrio sui canali, l’atmosfera romantica e, soprattutto, le numerose birrerie e cioccolaterie!

Ecco qui di seguito il nostro itinerario qualora qualche altro Turista per Caso volesse prendere spunto o cogliere dei consigli dalla nostra esperienza.

I voli low cost arrivano all’aeroporto di Charleroi, ossia a circa 50 minuti circa di bus da Bruxelles. Consigliamo di acquistare il biglietto online sul sito di flibco.com perché si risparmia rispetto ad acquistarlo in biglietteria o sul bus. Il bus arriva fino alla stazione Gare du Midi (da non confondere con la stazione centrale che è appunto più centrale rispetto alla città). Ovviamente anche per il ritorno in aeroporto la fermata è la stessa. Sul sito della compagnia dei bus è riportato un bus ogni mezz’ora ma non sono proprio “svizzeri” negli orari quindi meglio non arrivare all’ultimo minuto.

Dalla stazione abbiamo preso un treno per Bruges: in biglietti si acquistano presso le biglietterie automatiche della stazione con carta di credito (bisogna ricordarsi il PIN) o monete. Dai tabelloni si cerca il primo treno con destinazione o tappa a Bruges e si sale. I treni per Bruges sono numerosi quindi non è necessario scaricarsi da internet gli orari.

Dopo pochi passi dalla stazione di Bruges si viene catapultati nella magia delle sue vie e vicoli. All’ingresso della città infatti si trova il Minnewater con i suoi maestosi cigni e giardini; proseguendo si arriva fino alle vie centrali dove bisogna perdersi e godersi il paesaggio.

La mattina successiva, intravedendo qualche raggio di sole, abbiamo deciso di fare una passeggiata costeggiando un verdeggiante parco e il canale principale fino a quando abbiamo avvistato gli imponenti antichi mulini a vento. Dopo questa passeggiata, cogliamo l’occasione per riscaldarsi pranzando al celebre birrificio De Halve Maan. Concludiamo poi il pomeriggio e la serata tra i mercatini natalizi della Piazza del Mercato e le luci delle vie vicino.

Siccome il treno da Bruges a Bruxelles passa da Gent, ne abbiamo approfittato per visitare questo antico paese medievale, anch’esso circondato da canali e magnifici edifici. Gent è una città più grande rispetto a Bruges e quindi prima di arrivare al centro storico bisogna attraversare la periferia che per un turista non è molto interessante. Consigliamo quindi di prendere il bus che dalla stazione in 10 minuti porta al centro. Meravigliosi i ponti e le facciate delle abitazioni che si affacciano sui canali, il Castello e la cattedrale gotica. Per scoprire la città in poco tempo è carino il giro sui canali con delle piccole imbarcazioni simili alle gondole (6 euro a persona): noi abbiamo preso quella scoperta malgrado il freddo perché si osserva meglio il paesaggio (e poi danno una copertina!).

Riprendiamo quindi il treno per Bruxelles e in meno di mezz’ora arriviamo in questa celeberrima città cosmopolita e moderna in tempo per la cena tra i mercatini di Natale e lo spettacolo di luci e suoni nella piazza principale… imperdibile!

L’ultimo giorno in Belgio lo dedichiamo alla visita di Bruxelles andando a vedere due delle sue attrazioni principali: l’Atomium e il Parlamento Europeo. L’emiciclo del Parlamento è visitabile solo in settimana e di mattina (gli orari sono reperibili sul sito), invece di sabato è possibile visitare solo il museo Parlamentarium dedicato alla storia e le decisioni che hanno portato alla creazione dell’Unione Europea e relative istituzioni. Il museo è molto carino perché interattivo, con audioguida in italiano ed è anche gratuito

Per quanto riguarda i pranzi e le cene ci siamo sempre trovati bene e in ogni ristorante vengono sevite delle zuppe (soup) vegetali come antipasto e sono assolutamente piacevoli anche perchè non hanno molte altre verdure, le patatine fritte padroneggiano in ogni ristorante! I prezzi sono più alti rispetto all'Italia quindi consigliamo di leggere i menu esposti fuori dai locali per scegliere quello migliore rispetto al proprio budget.

Insomma, consigliamo vivamente di visitare queste meravigliose tre città belghe senza farsi spaventare dal freddo di dicembre e di godersele appieno!

  • 1680 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social