Olanda e Belgio passando per l’Alsazia

In giro per Bruxelles, Colmar, Amsterdam, Rotterdam, Brugge, Strasburgo

  • di pabarto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1° GIORNO

Io mia moglie Laura e i nostri figli Samuele e Mattia partiamo in auto da Livorno intorno alle 23.30 del giorno di Ferragosto e dopo un tranquillo e piacevole viaggio arriviamo a metà mattina a Strasburgo sistemandoci all’Hotel Ibis Style Strasbourg Avenue du Rhin (Euro 93,50 colazione compresa). Lo consiglio per l’ottima posizione (il tram con fermata di fronte all’ingresso dell’albergo in 5 minuti vi porta in pieno centro) per il servizio e la possibilità di parcheggiare gratuitamente di fronte all’albergo o nel garage privato a 8 euro il giorno. Dopo una rinfrescata prendiamo il tram e via alla scoperta del centro storico. Per quanto riguarda il tram esiste un biglietto singolo valido 24 H su tutte le linee e senza limiti a Euro 4,10 oppure uno con le stesse caratteristiche a Euro 6 con il quale possono viaggiare fino a tre persone. Appena in centro ci dirigiamo, attraverso Place Gutenberg, verso la rossastra cattedrale di Notre Dame dalla cui bellezza rimaniamo colpiti. Stupende vetrate, arcate imponenti e il fantastico orologio astronomico ne fanno un’attrazione imperdibile. Approfittando della bella giornata ci dirigiamo verso la Petit France godendoci i pittoreschi scorci che le caratteristiche casette e i numerosi canali ci offrono e ci accompagnano fino ai ponti coperti e alle Torri medievali che chiudono il Tour della città vecchia. In serata, stanchi della nottata passata in auto, ceniamo e torniamo in Hotel arricchiti e allo stesso tempo sorpresi da tutto quanto questa città ci ha offerto.

2° GIORNO

In mattinata lasciamo l’albergo per una breve visita alla zona del Parlamento Europeo, la struttura modernissima si specchia nelle acque del fiume Ill ed è circondato da una splendida area verde che trasmette un’inaspettata tranquillità.

Finita questa breve visita partiamo in direzione di Bruxelles che raggiungiamo nel primo pomeriggio dopo aver attraversato il suggestivo parco naturale delle Ardenne. Appena arrivati nella capitale belga decidiamo di dirigerci verso il centro servendoci di uno dei numerosi parcheggi, della catena Interparking, diffusi in maniera capillare per tutta la città (5 ore 12 euro). Ci dirigiamo subito verso la Grand Place dove rimaniamo ammaliati, oltre che dalla magnificenza della piazza, dal bellissimo tappeto di fiori che, ogni due anni e per tre giorni durante il mese di Agosto, viene allestito ogni volta con un tema diverso (quest’anno celebrava il cinquantenario dell’accoglienza del popolo turco a Bruxelles). Approfittiamo della possibilità di osservare quest’opera dalla terrazza dell’ex Hotel de la Ville, ora municipio della città, pagando un biglietto di 5 euro. Dopo aver fatto “visita” all’ Hard Rock cafè (a sinistra guardando il municipio) andiamo a far visita alla statua simbolo di Bruxelles “Il bambino in bronzo che fa pipì”, assaggiamo le famose patatine fritte (patate vere non surgelate!) ci concediamo una passeggiata nell’elegantissima Galeries St.Hubert famosa per la cupola a vetro e per i negozi che fanno mostra di ogni sorta di cioccolatini (buonissimi!!!). Essendo tarda sera decidiamo di andare verso l’albergo il Novotel Brussel airport (Euro 198 per due notti parcheggio e colazione compresi) ottimo per chi come noi viaggia in auto un po’ meno per chi deve raggiungere il centro con i mezzi pubblici.

3° GIORNO

Oggi partiamo alla volta dell’ Atomium, struttura di atomo ingrandito 165 miliardi di volte. Le nove sfere lucenti sovrastano il bellissimo parco circostante dove chi vuole può far vista al Brupark (Europa in miniatura) o fare una capatina al decadente Stadio di Re Baldovino meglio noto come l’Heysel. Per chi viaggia in macchina può parcheggiare l’auto lungo le strade circostanti con parchimetro o per lunghe soste vi sono parcheggi a euro 5 il giorno. Nel pomeriggio prendiamo la metro alla stazione Hysel per un’ altra capatina in centro. Partiamo dalla città alta visitando la cattedrale di San Michele (patrono di Bruxelles) in perfetto stile gotico poco distante interessante e’ orologio in Piazza Albertine dove personaggi del folklore belga si muovono allo scandire delle ore

  • 19751 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. bichpm
    , 29/5/2015 20:57
    Bellissimo diario di Viaggio, ben dettagliato e preciso! Mi sarà di grande aiuto per il mio prossimo viaggio, grazie!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social