Benelux nel cuore

1°giorno Il nostro viaggio comincia in una giornata calda e soleggiata come nei giorni successivi ce la saremmo sognata. Dalla grigia Milano varchiamo il confine e siamo subito immersi nella verdissima natura svizzera; bellissime le montagne, punteggiate da paesini e ...

  • di Lyn
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1°giorno Il nostro viaggio comincia in una giornata calda e soleggiata come nei giorni successivi ce la saremmo sognata. Dalla grigia Milano varchiamo il confine e siamo subito immersi nella verdissima natura svizzera; bellissime le montagne, punteggiate da paesini e chiesette, bellissimi i tre laghi che si costeggiano, di Lucerna, di Lugano e di Bellinzona, emozionante percorrere il traforo del S. Gottardo, più di 15 min. Nel cuore della montagna. Ottimi i confetti al cioccolato acquistati in autogrill. Poi, la più monotona Alsazia, più pianeggiante, un piacevole percorso tra vigneti (pochi, in verità, almeno lungo la strada) e campi coltivati. Infine, l’arrivo a Strasburgo. La serata si conclude con una bella passeggiata in centro, tra canali, ponticelli, case a graticcio dai balconi fioriti, stradine acciottolate. Imperdibile lo spettacolo di suoni e luci della cattedrale, una meraviglia.

2°giorno La Francia è tutta bella, e Strasburgo non fa eccezione. La luce del giorno le toglie un po’ di fascino, ma la fa apparire più verde e più tranquilla; il centro storico, praticamente pedonale, è pieno di angoli romantici, di fiori, di localini e negozietti carini. Sempre splendida la cattedrale,dedicata alla Madonna (Notre Dame) costruita con una sola torre per motivi strutturali, che ospita al suo interno uno spettacolare orologio che ogni ora, e soprattutto a mezzogiorno, si anima con i movimenti di numerosi personaggi; sosta d’obbligo anche davanti alla (modernissima) sede del parlamento europeo. Nel pomeriggio, partiamo per il Lussemburgo: la visita si rivela abbastanza deludente, non perché sia particolarmente brutto, ma perché non c’è praticamente nulla, e il tempo che vi abbiamo trascorso, circa un’ora, è stato più che sufficiente; la cosa più bella è sicuramente la veduta all’ingresso della città. Infine, in serata siamo a Bruxelles; vorremmo uscire, ma la pioggia ci fa desistere: rinviamo alla sera dopo.

3° giorno Oggi visita a Bruges e Gand. La cittadina di Bruges sembra uscita da un’ altra epoca, perché mancano del tutto gli edifici moderni; di veri monumenti non ce ne sono, a parte la cattedrale, che ospita una scultura di Michelangelo e un dipinto di Caravaggio, e la bellissima piazza principale; tutto il resto è un susseguirsi di di angolini ameni, come il complesso delle beghine, o quelle che ancora oggi sono case destinate ai meno abbienti (piccole ma deliziose casette, affacciate su cortiletti fioriti). Da non perdere un giro in battello, solo mezz’ora ma né vale veramente la pena; ed una visita ad un laboratorio di merletti, anche se i prezzi sono veramente alti. A pranzo assaggiamo il waffel, una specie di cialda morbida con sopra gelato e/o panna. Nel pomeriggio, invece, siamo a Gand: bellissima la veduta dal ponte di S. Michele, dalla quale si vede il canale che una volta conduceva al porto e che ora si interrompe di fronte a una schiera di splendidi edifici; molto belle anche la Grand Place e la Cattedrale di S. Bavone, che ospita una pala d’altare dei fratelli Van Eyek, l’ “Adorazione dell’agnello mistico”. In serata, di nuovo a Bruxelles, usciamo per una birra in centro: “trappiste” e “stella artois” accompagnate da stuzzichini e da un panorama mozzafiato, la Grand Place illuminata, il tutto per la modica cifra di 12 euro...Vabbè, siamo in vacanza!! 4° giorno La scoperta della città di Bruxelles si rivela un po’ deludente: un lungo giro in pullman con un paio di soste fotografiche: all’arco costruito per il cinquantenario dell’indipendenza belga, allo stadio Heysel, all’atomium, nella “piccola Manhattan” (il quartiere che ospita gli edifici della commissione europea),alla G. P., davanti alla statua bronzea che raffigura la salma del primo sindaco di Bruxelles (che va accarezzata perché porta fortuna), e naturalmente davanti al Manneken Pis, l’omino simbolo della città, quel giorno vestito in costume tipico ucraino, per omaggiare una qualche delegazione che si trovava in visita in città. Sfruttiamo la pausa pranzo per andare a fare acquisti: qualche figura di merletto da incorniciare (euro 6 l’uno, ma sono le imitazioni), un bell’arazzo da appendere alla parete con paesaggio bucolico (euro 102, originale fatto a mano con certificato di garanzia), e la squisita cioccolata belga (22’60 euro per due tavolette e circa 150g. Di praline artigianali). Né approfittiamo anche per andare a mangiare in una stradina piena di ristorantini che servono piatti a base di cozze e frutti di mare (euro 22 per due porzioni abbondanti di paella più birra). Un ultimo giro nella Grand Place e poi via verso Anversa. La campagna belga è molto verde, però piuttosto monotona, e il tempo sempre grigio non né migliora l’aspetto); notiamo anche una stranezza: tutte le strade sono fiancheggiate dai lampioni per l’illuminazione; domandiamo all’accompagnatore, e abbiamo la conferma che, di notte, le strade belghe sono tutte illuminate. Anversa non dista molto: 50 km, circa un’ora di strada; la capitale mondiale dei diamanti si rivela una città piuttosto moderna, con un centro poco esteso nel quale spiccano la cattedrale, che ospita ben quattro opere di Rubens, e, manco a dirlo, la Grand Place; alla fine della visita, ci fermiamo, su indicazione della guida, in un curioso bar pieno zeppo di statuette e immagini religiose e vicinissimo alla Cattedrale, dove gustiamo la “krik”, una buonissima birra alla ciliegia, non troppo dolce. Noto anche, con dispiacere, che i cioccolatini, pagati più di venti euro a Bruxelles, qui né costavano solo diciassette!! Infine, andiamo in hotel; l’albergo non è niente di che, e per di più è a 10 km dal centro e non servito dai mezzi pubblici: conclusione, a nanna presto

  • 2731 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social