Bruxelles e Bruges in un weekend

Anche questa volta decidiamo di approfittare delle mega offerte della Ryanair e prenotiamo con largo anticipo il volo per Bruxelles (31 maggio/2 giugno) per circa 35€ a persona. Dopo un tranquillo volo di circa 2ore arriviamo al minuscolo aeroporto di ...

  • di Turchese
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Anche questa volta decidiamo di approfittare delle mega offerte della Ryanair e prenotiamo con largo anticipo il volo per Bruxelles (31 maggio/2 giugno) per circa 35€ a persona.

Dopo un tranquillo volo di circa 2ore arriviamo al minuscolo aeroporto di Charleroi e non avendo i bagagli in stiva, andiamo subito a fare i biglietti per il pulmann che ci porterà in città. Solo andata costa 11€, andata e ritorno (validità tre mesi) costa 20€ a testa. Dopo circa 45 minuti siamo alla stazione sud di Bruxelles (Gare du Mudi, da dove partono i treni per Londra, Parigi, Amsterdam...) dove prendiamo la metro arancione, linea 2. Scendiamo alla fermata TRONE, precisamente a Place du Trone, alle cui spalle si trova Place des Palais, su cui si affaccia il Palazzo Reale (visitabile solo in estate) e il Parco di Bruxelles, piccolo ma ben tenuto. In fondo al parco c’è il Palais de la Nacion, di forme neoclassiche, che ospita la Camera dei Deputati e il Senato. Vicino al Palazzo reale c’è la Place Royale, su cui si affacciano la chiesa di S. Jaques e gli edifici del Museo d’Art ancien e il Museo d’Art Moderne. Sulla destra c’è la Place de l’Albertine da cui si gode un bel panorama del centro storico (spicca l’imponente torre del Municipio della Grande Place). Proseguiamo a piedi verso il quartiere europeo (consiglio di prendere un autobus) dove ci aspetta la visita del Parlamento europeo aperto ai cittadini della comunità (dal lunedì al venerdì solo alle 10 e alle 15-gratis-necessario un documento). È una visita molto breve, infatti non c’è molto da vedere se non l’ingresso, dove sono esposte tutte le bandiere dei paesi della comunità (foto di rigore), un’immensa scultura di un artista belga e l’immensa aula del parlamento. Un’audioguida spiega alla perfezione origini, funzioni e compiti della comunità europea e del parlamento (interessante ma anche soporifero). Proseguiamo verso il parco del Cinquantenaire dove ci aspetta Autoworld (6€ / 4,70€ studenti) che attraversa la storia dell'automobile dal 1886 agli anni '70. Le auto d’epoca sono circa il 90%, ce ne sono di tutti i tipi (solo due Fiat) tra cui anche la macchina dei reali del Belgio e una sala dedicata alle carrozze.

Nel tardo pomeriggio, stanchi morti ci dirigiamo verso la metro (fermata Rogier) e scendiamo proprio sulla Place Rogier dove si affacciano molti hotel: lo Sheraton, l’Hilton e ovviamente il nostro il Comfort Art Siru (prenotato tramite lastminute.Com). Si trova quindi in una bella zona con la metro a 20 metri e il centro a 10 minuti a piedi. Internamente non si può certo dire che sia bello, però è comodo e soprattutto pulito. Unica pecca: quasi tutte le camere sono piccolissime, a malapena c’è lo spazio per girare intorno al letto (matrimoniale, che in realtà è a una piazza e mezza) e ovviamente non c’è il bidet in bagno!? Siamo scesi immediatamente a lamentarci, anche se con il sorriso e la ragazza ci ha gentilmente assegnato una delle suite (n° 408, per intenderci quella che ha due immensi dipinti sopra al letto che ritraggono un nudo di donna e un’altra che fuma, visibile dal sito). Finalmente una stanza dalle dimensioni normali! Le finestre sono a doppi vetri ma nonostante tutto si sentono un po’ i rumori della strada in quanto è una zona molto trafficata, forse prendendo una stanza all’ultimo piano...Ma noi ci accontentiamo! Infine la colazione è servita nella brasserie al piano terra (colazione continentale di buona qualità, non ci sono limitazioni). Tutto per la modica cifra di 70€ a notte colazione compresa. In definitiva senza infamie e senza lode! Appena poggiata la testa sul cuscino entriamo in un coma profondo che ci permette di risvegliarci solo alle 23:30! È molto tardi per cenare, ma la fame ci spinge comunque fino al centro (10 minuti a piedi) in cerca di qualcosa. I ristoranti ovviamente sono tutti in chiusura solo il cameriere di un pub sulla Grand Place ci dice che da loro è possibile mangiare. Ma guarda che strano...Il tempo di sedersi e di aspettare che si liberi l’addetto alle ordinazioni e la cucina chiude! Come potete ben capire i “furbi” non stanno solo in Italia! Comunque siamo stanchi e affamati e non abbiamo voglia di litigare quindi ci prendiamo una birra e ce ne andiamo! Ah dimenticavo! La Grand Place è veramente bella, direi incantevole soprattutto di notte con una sobria illuminazione. Sembra di trovarsi in una scenografia di cartapesta di Cinecittà

  • 7506 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social