Non solo Baviera

Tour in Baviera, nel Baden Wuttenberg e sul lago di Costanza

  • di sovar
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Venerdì 18 Luglio

Piccola premessa, questo resoconto è tratto dai miei diari di viaggio che seppur ripulito da ogni riferimento personale e da dettagli di scarso interesse per gli altri, contiene talvolta delle divagazioni che ho preferito lasciare, per rendere il racconto un po’ più gradevole da leggere, almeno spero.

Non ricordo più da dove sia nata l’ispirazione di visitare la Baviera, una regione per me sconosciuta. Ricordo però, che appena tornato dalla gita dell’anno precedente, ho capito subito che il mio prossimo viaggio sarebbe stato in Germania. Sono bastati pochi giorni per dare un’occhiata a quelle zone per convincermi che era la meta ideale per me, uno splendido connubio di arte e natura.

Naturalmente far digerire la Baviera ad altre persone è stato un po’ più difficile, ancora una volta piuttosto scettiche all’inizio, non tanto mia moglie, che ha ormai piena fiducia in me, ma piuttosto mia figlia con la sua fissazione di Parigi o meglio ancora Londra, che mi ha dato parecchio filo da torcere.

La novità di quest’anno è stata la presenza di un quarto individuo che si è unito con entusiasmo a noi. Costui non rappresenta certo una novità per noi, essendo già stato presente in altre avventure. Malgrado ciò la convivenza con Rosario mi metteva un po’ di ansia, certo ormai è grandicello e questo ci dovrebbe tranquillizzare, ma non è così perché lui appartiene a quella categoria d’individui che più crescono e più sono immaturi e ingestibili …. Vedremo come andrà a finire.

La mattina della partenza mi sveglio molto presto anche perché si era deciso di prendere dei panini che poi avremmo mangiato per pranzo in Germania. Partiamo per Trapani in leggero ritardo, tanto che saremo costretti a correre un po’ per recuperare, si fa per dire visto che eravamo in Panda.

Altra prima volta, i biglietti Ryan con i posti assegnati, che rendono l’imbarco ancora più tranquillo e ordinato.

L’aereo parte in perfetto orario alle 9:35 e giungerà a destinazione a Baden Baden addirittura con largo anticipo intorno alle 11:30 rispetto alle 12 previste. La giornata è splendida, senza nuvole lungo tutto il tragitto, tanto che potremo osservare sia la Sardegna, la Corsica e una splendida vista sulle vette alpine innevate. Peccato non vedere la Concordia, ancora una volta siamo sul lato opposto. Incredibilmente la temperatura a Baden Baden è ancora più alta che in Sicilia garantendoci due prime giornate con splendido sole, anzi decisamente un po’ troppo con temperature oltre i trenta gradi insolite per queste latitudini.

Altra novità di questa gita è che per la prima volta ritorneremo da un altro scalo Memmingen vicino a Monaco permettendoci così di allungare a otto giorni la gita e di evitare di ritornare indietro.

Il lungo percorso del nostro tour parte quindi dai confini della Francia, per proseguire lungo quello svizzero, quello austriaco, per concludersi a Monaco, con sconfinamenti continui in queste nazioni tanto che alle volte ci chiedevamo dove eravamo, ricevendo decine di messaggi di offerte internazionali dai vari operatori telefonici.

Eccoci arrivati al momento di ritirare l’auto. Avevo già scelto una categoria leggermente superiore al solito poiché eravamo in quattro e che bisognava percorrere parecchi chilometri, ma non ci aspettavamo di certo che la Sixt ci desse una splendida Wolfsvagen Tiguan Diesel praticamente un Suv, meraviglioso super accessoriato e incredibilmente spazioso, più in là scopriremo pure che è stato immatricolata il giorno prima, quindi siamo i primi utilizzatori di questa vettura

  • 16585 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social