Baviera e Tirolo in 6 giorni

Visita, in auto, ai castelli di Ludwig, ai caratteristici paesi bavaresi e a Monaco di Baviera

  • di bbocy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Baviera e Tirolo agosto 2011

Quest’anno per le vacanze abbiamo deciso di visitare la Germania, proprio perchè non eravamo mai stati in questo paese. Optiamo per la Baviera che è la zona più vicina all’Italia e più facilmente raggiungibile in auto.

Partiamo da Pisa alle ore 8.00 direzione Füssen, caratteristica cittadina vicina ai castelli di Ludwig II. Ci siamo dotati di Vignette per le autostrade austriache (euro 7,90 per 10 gioni) e del bollino per le polveri (Feistaubplakette), necessario per i centri maggiori in Germania.

Dopo Innsbrück, ci dirigiamo verso il Fernpass e poi dopo Reutte arriviamo a Füssen con un po’ di ritardo sulla tabella di marcia perché abbiamo incontrato molto traffico.

Abbiamo prenotato su Booking tre notti all’hotel Christine, che è assolutamente consigliabile sia per la disponibilità del gestore sia per la ricca colazione che veniva servita oltrechè per la posizione (dalla nostra stanza si aveva una bella vista sul castello di Neuschwanstein).

Dopo esserci sistemati raggiungiamo il centro a piedi e dopo una prima visita ci fermiano a cena al ristorante La perla, che fa anche cibo italiano.

Il giorno successivo partiamo subito per la visita ai castelli che distano 4 km da Füssen. Facciamo il biglietto solo per visitare l’interno di Neuschwanstein (12,00 euro a testa, ma volendo si può fare anche il biglietto cumulativo che comprende anche il castello di Hohenschwangau).

Ci viene assegnato un orario a cui ci dobbiamo presentare all’entrata del castello per la visita, ma mancano circa due ore per cui abbiamo tutto il tempo di visitare, anche se solo dall’esterno il castello più basso, quello dei genitori di Ludwig, Hohenschwangau, che comunque è molto bello. Pian piano ci dirigiamo verso Neuschwanstein. A piedi ci vuole circa una mezz’oretta andando con tutta calma oppure si può salire in carrozza o col pullman. Inutile dire che da ogni dove si gode una bellissima vista su Füssen e sui laghetti vicini (Forgensee e Alpensee).

Giunti al castello abbiamo ancora tempo per cui raggiungiamo Marienbrücke, il ponte sull’orrido di Pollach, da cui si gode una meravigliosa panoramica sul castello.

Finalmente è giunta l’ora di entrare. Ci vengono fornite delle audioguide e possiamo visitare la sala del trono, la sale dei cantori, la camera e il soggiorno e le cucina, tutto molto interessante.

Dopo essere scesi, ritorniamo a Füssen e andiamo a piedi sul Forgensee. Dato che è una bellissima giornata ci sono molte persone in bici e anche tante barchette sul lago. E’un posto molto rilassante.

Ritorniamo al centro di Füssen e possiamo meglio visitare la zona pedonale, la chiesetta Heiligeist-Spitalkirche, la chiesa e convento di S. Mang e il castello.

Il giorno successivo percorriamo un piccolo pezzo della famosa Romantische Straße e arriviamo a Steingaden, dove a pochi kilometri troviamo la WiesKirche, chiesa patrimonio dell’umanità in cui è conservato il Cristo Flagellato. Bellissima chiesa barocca in mezzo a prati verdissimi.

Proseguiamo per Oberammergau, paese caratteristico per le case affrescate, per i suoi intagliatori e per la rappresentazione, ogni 10 anni della Passione di Gesù. Passeggiando per le vie del centro si nota la bellezza delle case, affrescate con temi prevalentemente religiosi ma anche legati a celebri favole, tra le quali emergono la Forsthaus, e la Pilatushaus.

Più avanti si trova il castello di Linderhof, altra dimora di Ludwig II e poi Ettal, nota per l’abbazia benedettina dove i monaci producono anche la birra

  • 7927 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social