Barcellona modernista

Un week end romantico, artistico e gastronomico. Perché le pause fanno bene all'anima e al corpo

  • di antocimani
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

​Di solito, non festeggiamo San Valentino, ma quest'anno il calendario delle festività scolastiche è dalla nostra parte, e grazie alla coincidenza con le vacanze di Carnevale, ci siamo fatti un bel regalo: quattro giorni nella Barcellona modernista. Prenotiamo a novembre un volo Alitalia a buon prezzo (promozione vola in Europa a 150 euro) con ottimi orari che ci fa arrivare nella capitale catalana alle 10 del mattino. Abbiamo così tutta la giornata a disposizione.

Soggiorniamo al Tryp Apolo, nel quartiere di El Raval, a 10 mt dalla fermata metro di Paralel. Dall'aeroporto ci si arriva comodamente in treno (R2 Rodalies fino a Estacion de Saints) o con l'Aerobus (fermata Plaza de España o Plaza de Catalunia). Il costo è più o meno lo stesso, il tempo che si impiega anche. Si prosegue poi in metro. Consigliamo di acquistare il carnet da 10 viaggi che consente di risparmiare un bel po sul prezzo delle corse singole. Inoltre, è bene acquistare in anticipo, onde evitare lunghissime e snervanti code alla biglietteria, le entrate alle case di Gaudí (La Pedrera e Batllo sono le uniche visitabili) e alla Sagrada Familia, Per quanto riguarda quest'ultima, personalmente abbiamo scelto l'opzione senza audioguida ma con l'aggiunta della Casa Museo Gaudí di Park Guell, che consente di conoscere anche gli aspetti più intimi dell'architetto di Dio. I costi sono abbastanza elevati, una ventina di euro per ciascuna attrazione, ma ne vale davvero la pena. Nelle case, poi, sarete provvisti di audioguida, anche se dal biglietto non risulta. Sorpresa gradita!​

1° giorno

Arrivati in hotel molto presto, non abbiamo potuto fare subito il check in perche le camere erano tutte occupate. Ci hanno pero fatto lasciare le valigie, ben etichettate, nel deposito. Siamo cosi subito usciti a respirare aria di modernismo. In realtà, se proprio dobbiamo essere sinceri, il nostro primo obiettivo era la Boqueria, storico mercato di Barcellona, meta di buongustai e di turisti. Si trova solo a due isolati dall'Apolo, e lo raggiungiamo in poco più di un quarto d'ora. Ci lanciamo tra i suoi corridoi alla ricerca dell'iberico, eccezionale prosciutto crudo simbolo nazionale. In fondo, un panettiere vende bocadillos farciti per 3. 50 a pezzo. Ottimo acquisto. Proseguiamo il nostro tour mangereccio con un cartuccio di chipirones, polipetti microscopici fritti, un assaggio di bellota e di iberico (mio marito preferisce il secondo, nonostante l'altro sia più famoso e costoso) e concludiamo con una fresca cerveza e un bicchiere di frutta fresca.

2° giorno

Oggi ci aspetta la visita del Tempio di espiazione della Sagrada Familia. Sorvolo sulla storia della sua costruzione e sulle sue caratteristiche architettoniche, molto ben conosciute e ritrovabili su una qualsiasi guida. Mi soffermo invece sulla praticità e sul notevole risparmio di tempo dell'avere acquistato l'ingresso anticipatamente. Sul sito di cui trovate il link sopra, è possibile scegliere giorno e orario, tipo di visita (con guida, con o senza audioguida, combinata ecc) ed accedere direttamente dalla corsia preferenziale all'ora stabilita. I biglietti vanno stampati o salvati sul proprio smartphone. Sono costosi, ma è cosi per ogni attrazione qui a Barcellona. Che io sappia non esistono biglietti cumulativi con altri monumenti modernisti , tranne che con la Casa Museo di Gaudì di Park Guell, perche ognuno è gestito da una diversa fondazione. L'interno della basilica è immenso e impressionante tanto quanto l'esterno. Un Cristo sospeso accoglie e invita alla preghiera, anche se è difficile concentrarsi tra centinaia di flash e di turisti. Un video in spagnolo racconta dell' architetto di Dio e della sua fede, del suo credere in quest'opera mai finita. Le vetrate colorate filtrano la luce e guardando il soffitto ci si perde nell'immensità dell'infinito.

​3° giorno

Questo giorno è dedicato alle case di Gaudì. La Pedrera si prenota ad orario fisso, mentre per la Battlò il biglietto è giornaliero. Entrambe con accesso riservato

  • 3598 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social