Tre giorni di fuego a Barcellona

A zonzo per la città della Catalogna

  • di stefrg
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Giorno 1

Siamo partiti da Treviso con un volo Ryan-Air, orario di arrivo previsto 16:30 a El Prat.

Per il trasporto verso il centro di Barcellona abbiamo preso l'Airbus A2 con arrivo a Plaςa Catalunya; biglietti a/r precedentemente acquistati online, anche se si possono comprare a bordo del mezzo ma costa di più (5.90 € solo andata).

Come albergo abbiamo scelto l'Hostal Benidorm, che si trova a Rambla dels Caputxins, 37. Ottima posizione e struttura molto pulita e rinnovata da poco. Unico neo, un pò rumorosa.

Per gli spostamenti durante la vacanza abbiamo optato per il biglietto della metro T-10, uno in due. Ci è stato sufficiente, poichè la città si gira tranquillamente a piedi, se non vi pesa camminare un pò.

Il pomeriggio del nostro arrivo, dopo aver appoggiato le valigie in hotel, ci siamo subito lanciati nell'esplorazione del Barri Gòtic e del quartiere El Raval. In tre ore circa riusciamo a vedere: Palau Güell, Plaςa Reial, la Rambla, Mosaico di Mirò, Mercato della Boqueria, la Cattedrale e la Chiesa di S. Maria del Pi (entrambe visitate gratuitamente), la Chiesa di S. Maria del Mar.

Giorno 2

È il giorno dedicato ai must di Barcellona, per alcuni dei quali avevamo comprato i biglietti online.

Iniziamo la giornata con il Mirador de Colom (biglietto comprato sul posto, 6 €). Offre sicuramente una vista suggestiva della città, anche se il prezzo può risultare eccessivo.

Ci spostiamo alla Sagrada Familia, per la quale avevamo prenotato online la visita, orario stabilito con audioguida e visita alla Torre della Passione. Conviene sicuramente prendere l'audioguida per comprendere appieno il pensiero dell'architetto Gaudì. La scelta di visitare o meno una delle due torri è facoltativa e bisogna decidere al momento dell'acquisto dei biglietti; col senno di poi forse avremmo scelto però la Torre della Natività, anche se più bassa. Fate attenzione nell'entrare nel negozio di souvenir prima di aver concluso tutta la visita, poichè poi non potrete più rientrare nella chiesa.

Dopo la Sagrada Familia ci siamo diretti verso Passeig de Gràcia. Nel tragitto abbiamo ammirato la Casa De Le Punxes, il Palau del Barò De Quadras, fino a giungere a Casa Milà (o La Pedrera). Per quest'ultima non avevamo preso i biglietti online, ma siamo stati fortunati, poichè visto che era l'ora di pranzo non c'era fila. Il biglietto è costato 20,50 € l'uno e la visita li vale tutti. L'audioguida è compresa nel prezzo.

Prossima destinazione Casa Battló, per cui avevamo comprato i biglietti online, con data prefissata, ma fortunatamente senza obbligo di orario. Consigliamo vivamente di comprare i biglietti online per evitare lunghissime code.

Successivamente, dopo l'immersione nell'universo di Gaudì, continuiamo la nostra passeggiata sul Passeig de Gràcia, ammirando altre opere moderniste, come Casa Amatller e Casa Lleó i Morera.

Le ultime tappe della giornata sono state il Parc de la Ciutadella, giro nel quartiere de La Ribera e, alla fine, abbiamo finito la giornata con un delizioso spuntino di frutta fresca al Mercato della Boqueria.

Giorno 3

Iniziamo la giornata con passeggiata sulla Rambla del Mar e il porto, fino ad arrivare alla Barceloneta, dove prendiamo la metro per Parc Güell. Avevamo precedentemente acquistato i biglietti per la parte monumentale online (data e orario prefissato), con costo 7 €. Il prezzo non è del tutto giustificato, dato che l'area è davvero piccola e, a parte la vista della famosissima statua della salamandra e qualche particolare architettonico davvero originale, non c'è molto da vedere. Anche qui fate molta attenzione a non uscire dalla parte monumentale, perchè poi non potrete più rientrarci. Il resto del parco è molto grande e merita una visita. Per arrivare all'attrattiva ci sono diversi modi: per mezzo dell'autobus e tramite la metro. Noi siamo scesi dalla metro alla stazione di Vallcarca e, attraverso le molteplici scale mobili, siamo entrati dalla parte superiore del parco. Consigliamo, per orientarsi, di guardare le piantine poste subito dopo l'ingresso, poichè i cartelli lungo il percorso non sono molto chiari

  • 7300 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social