Dalla piccola Barcino alla grande…Barcellona!

Mi era già capitato di andare in Spagna, ma non so perché avevo sempre snobbato l’idea di visitare Barcellona, “troppo commerciale” dicevo tra me e me…ora che son rientrato da una settimana son sempre più convinto di aver fatto un ...

  • di Libra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Mi era già capitato di andare in Spagna, ma non so perché avevo sempre snobbato l’idea di visitare Barcellona, “troppo commerciale” dicevo tra me e me…ora che son rientrato da una settimana son sempre più convinto di aver fatto un errore a trascurarla così a lungo! Barcellona è stramba, multiforme, attiva…bella!!!! Il mio viaggio verso la città catalana nasce un po’ così, a caso, progettato circa un paio di settimane prima…volo diretto…residenza nel quartiere Eixample, zona centrale ma residenziale, bella, abbastanza tranquilla tutto sommato… Arrivo a Barcellona poco prima di pranzo in un giorno di pieno agosto, cielo terso, sembra quasi voglia diluviare, e invece dopo un’oretta uscirà un gran sole! Primo dubbio…aerobus o treno per arrivare dall’aeroporto El Prat al centro città?:) Io ho provato il treno all’andata mentre al ritorno l’aerobus. In internet lessi che l’aerobus si può prendere solo dal Terminal 1 (quello più nuovo e grande), ma invece io l’ho visto anche al terminal 2, forse lì faranno meno corse non so. Cmq per prendere il treno bisogna andare al terminal 2, quindi prendere una navetta interna dell’aeroporto se atterrate al terminal 1, e scendere poi giù alla stazione. Vi sono tipo un paio di corse ogni ora, mentre posso dire che di aerobus ne passano a bizzeffe e portano cmq al centro, a plaza catalunya. Il treno sta un po’ in meno, mentre aerobus andata circa 5 euro, se fatto sin da subito andata e ritorno 8 euro e rotti. Alla fine secondo per me risparmiare un paio di euro non vale la pena aspettare il treno! È anche più stancante…cmq giusto per info, per chi prendesse il treno ricordo che dalla stazione dell’aeroporto verso il centro città il famoso biglietto T10 è valido. Consiglio cmq di farlo, è conveniente, permette di fare 10 corse e non è personale come biglietto…se si considera che ogni corsa in metro sta 1,40 €! Tutto le attrattive della città sono nella fascia 1, quindi non preoccupatevi…

Cosa vedere a Barcellona...?

Direi che a Barcellona c’è davvero tanto da vedere…le visite che secondo me seppur scontate sono un “must” sono La Sagrada Familia e il Parc Guell. Nonostante i ripetuti rallentamenti ai lavori, la Sagrada Familia prosegue il suo percorso verso il cielo,a più di 80 anni della morte del suo genio: Antoni Gaudì. Bellissimi i particolari delle facciate che rappresentano la Natività, la Passione e la Gloria di Cristo. Da vedere è anche la Cripta sotto la chiesa, dove è sepolto Gaudì, molti non riescono a visitare questa zona, perché da come mi è stato spiegato è accessibile solo la mattina fino alle 10. Andate molto presto, perché la fila è davvero lunga, e se poi deciderete di salire con le ascensori su in alto da dove potrete godere di una bella vista sulla città, beh allora un’altra fila! All’entrata di Parc Guell verrete perdonati se penserete di trovarvi di fronte un fiabesco set disneyano! I due padiglioni in pietra che stanno ai lati dei cancelli in ferro sembrano due case di marzapane sormontate da generose quantità di glassa, rappresa nelle formepiù curiose. In realtà il progetto originario era del tutto diverso, era stata progettata una sorte di città-giardino che avrebbe ospitato circa 60 abitazioni per il ceto benestante, ma dopo la costruzione di solo due case l’interesse declinò e così la cittadinanza si ritrovò con un parco stravagante e fantasioso per passeggiare e godersi lo splendido panorama della città verso il Mediterraneo. Scale conducono alla Sala Hipostila, una foresta di 86 pesanti colonne che sostengono una pesante piattaforma. Le colonne esterne, inclinate verso l’interno, guidano lo sguardo verso l’alto, al soffitto rivestito in ceramica di quel che avrebbe dovuto essere il mercato della città-giardino. La terrazza sovrastante è un ottimo belvedere sulla città e panchine in ceramica lucida ricordano le spire di un lungo serpente. Dirigendosi verso est del giardino si nota un edificio di colore rosa, è la casa-museo Gaudì, dove l’artista visse per vari periodi. Per arrivare al Parc Guell prendete la metro L3, linea verde, e scendere a Lesseps, da lì 1200 metri vi separano dal parco, se come me li fate in piena estate…preparatevi a un bagno di sudore! Un po’ mi son stancato per arrivare, ma ancora più stancante potrebbe essere arrivare al Tibidabo, a meno che, come me, non verrete accompagnati in auto. E’ il punto più alto sovrastante Barcellona. Qui vi è la Cattedrale del Sacro Cuore (progettata per rivaleggiare con il Sacro Cuore di Parigi) e il Parco d’attrazioni, l’unico rimasto in città, anche se conserva ancora un po’ un aspetto in vecchio stile

  • 3251 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social