Barbados, considerazioni e consigli

Il nostro non vuole essere il solito diario di viaggio, ma delle semplici considerazioni personali e dei suggerimenti che possono risultare utili a chi volesse intraprendere una vacanza a Barbados. La nostra vacanza si è svolto dal 16 al 24 ...

  • di Antonio Paier
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Il nostro non vuole essere il solito diario di viaggio, ma delle semplici considerazioni personali e dei suggerimenti che possono risultare utili a chi volesse intraprendere una vacanza a Barbados.

La nostra vacanza si è svolto dal 16 al 24 gennaio ’06, soggiornando in un Hotel della costa sud, nei pressi di Saint Laurence Gap, visitando l’isola noleggiando un’auto per una settimana.

Cosa ci è piaciuto di Barbados: - Il doppio volto dell’isola, la costa est con mare caraibico acque calme dalle mille sfumature di colori, la costa ovest dove domina l’oceano atlantico aspro e selvaggio perennemente “arrabbiato”; -La possibilità di trovare delle spiagge, almeno sulla costa atlantica, completamente deserte e poter quindi godersi appieno lo spettacolo della natura; -I bei giardini e parchi naturali dalla lussureggiante vegetazione tropicale; - Il clima molto piacevole, rinfrescato dalla costante brezza degli Alisei, che non fanno mai sentire l’oppressione del caldo tropicale; - Le dimensioni contenute dell’isola e la buona rete stradale che corre lungo la costa ( a parte la scarsa segnaletica stradale), permette di raggiungere le più belle spiagge, senza essere costretti ad estenuanti scarpinate sotto il sole; Cosa ci è piaciuto meno di Barbados: -E’ troppo urbanizzata, specialmente la costa “caraibica” è un susseguirsi di resort e di lussuose ville in stile inglese, la parte sud invece è un agglomerato di semplici casupole in legno che occupano gran parte del territorio; -Il traffico nei pressi della capitale è caotico, per attraversare la circonvallazione ci abbiamo impiegato quasi due ore, peggio che sulla tangenziale di Mestre; -L’isola è frequentata in gran parte da inglesi e americani ( non molto giovani, almeno durante le nostre vacanze) l’atmosfera quindi risulta molto “English”, chi cerca la vacanza “caraibica” tutta musica e divertimento è meglio che si orienti verso un’altra isola; - Per ultimo, almeno per quanto riguardano le possibilità economiche dell’italiano medio, l’isola non è proprio “a buon mercato”, anche perché le offerte dei Tour-operator italiani verso questa destinazione sono poche.

Antonio, Adriana, Denis

  • 2866 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social