Gran tour d'Oriente - Parte Prima - Bali fai da te

24 giorni, 15 voli, 5 nazioni visitate, una cavalcata che ha toccato Il Cairo, Bali, Vietnam, Cambogia, Kuala Lumpur e Perhentian Island

  • di tetoida_
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 
Annunci Google

EGITTO-VIETNAM-CAMBOGIA-BALI E MALESIA AGOSTO 2011

Prima parte - Il Cairo e Bali

SABATO 6 AGOSTO 2011

Finalmente è arrivato il momento della partenza, dopo mesi di programmazioni e modifiche finalmente si parte. Dopo innumerevoli raccomandazioni ai figli, partiamo alla volta di Malpensa accompagnati da Stefano ed Elisa.

Il volo per Il Cairo parte con circa un´ora di ritardo che verra´comunque recuperato. Voliamo con un 737 piuttosto datato e ceniamo discretamente a bordo. Arriviamo nella capitale egiziana intorno alle 22.30, preleviamo subito qualche pound da un ATM (2 € di commissione) in aeroporto e usciamo alla ricerca di un taxi. Ovviamente veniamo presi d´assalto da ogni tipo di taxisti, veri ed improvvisati. Pattuiamo il prezzo per raggiungere il nostro hotel, il Novotel El Bourg sull´isola di Zamalek (58€) Arrivati a destino discutiamo ancora con il driver, il prezzo non e´piu´lo stesso! Benvenuti a Il Cairo!

L´hotel e´in posizione strategica a due passi dal Museo Egizio e da Piazza Tahrir ancora presidiata dai carri armati per il processo a Mubarak, si nota ancora il palazzo della famiglia Mubarak preso d´assalto durante la rivoluzione e dato alle fiamme, unico elemento che richiama gli avvenimenti di solo qualche mese fa. Il Novotel e´splendido, pulito, spazioso e con una vista invidiabile sul Nilo.

DOMENICA 7 AGOSTO 2011

La prima tappa di oggi sono le Piramidi di Giza, una visita attesa da tempo, noi ci consideriamo dei discreti viaggiatori e questa era una lacuna che doveva essere colmata.

Pattuiamo con il taxista 20 pound all´ora per tutto il giorno e ci dirigiamo verso le piramidi, circa 50 minuti di viaggio. La visita e´ bellissima, ci aspettavamo grande coda alle casse ma il turismo e´veramente in crisi, l´eco della rivoluzione ha tenuto lontano i grandi gruppi di turisti che di solito animano la Piana di Giza.

Cosa che comunque non ci dispiace, essere in pochi offre molti vantaggi. Decidiamo di fare il giro delle piramidi in calesse spendendo circa 10 euro, scelta valida visto il gran caldo e le distanze. Splendida la piramide di Cheope e indimenticabile la Sfinge con quella di Chefren, raggiungiamo anche un paio di splendidi punti panoramici, che sarebbero stati proibitivi a piedi. Bellissima visita quindi, ma anche qui era in agguato la fregatura, il nostro conduttore voleva accorciare il giro saltando la piramide di Micerino... vabbe´ ma era comunque simpatico...

Abbandonato il calesse terminiamo la visita della Sfinge, bellissima e molto piu´ piccola di come la immaginavamo, le foto si sprecano.

Rientriamo verso il centro citta´: destinazione Museo Egizio. Prima di entrare andiamo a mangiare in un centro commerciale, non e´ facile pranzare, il Ramadan quest´anno cade in questi giorni e i turisti scarseggiano. Abbiamo la malaugurata idea di fermarci da “Grazie” un ristorante italiano pessimo, offriamo il pranzo al nostro driver che accetta solo per far lievitare il conto e in realta´ non tocca cibo, proprio perche´ siamo nel Ramadan.

Raggiungiamo il museo e anche qui niente della coda prevista, in pochi minuti siamo all´interno schivando un nugolo di guide “autorizzate”. Il museo e´ molto bello ed interessante, nel secondo piano la sezione dedicata a Tutankamon lascia senza fiato ma a parte questo il museo e´ tenuto in modo vergognoso, tesori inestimabili poco valorizzati e soprattutto polvere ovunque..

Annunci Google
  • 12239 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. ellenyork
    , 27/3/2012 18:32
    Mi è piaciuto un sacco il vostro racconto di viaggio! Raccontato con ironia e molto pratico! voto 10!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social