Un tuffo nelle Baleari

Da Minorca a Ibiza, passando da Palma di Maiorca e Formentera

  • di LucaBene
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

LE ISOLE BALEARI

Domenica 17 settembre, la sveglia suona molto presto, ma dobbiamo raggiungere l'aeroporto di Bologna da dove partiremo per due settimane di vacanze tra le isole Baleari.

Abbiamo prenotato il volo di andata per Minorca con la Neos che parte regolarmente alle 6.10 e alle 7.40 atterriamo a Mahon. La giornata è bella, noi ritiriamo i bagagli, usciamo dall'aeroporto e raggiungiamo la postazione della navetta del noleggio auto OK car. L'autonoleggio si trova nella zona industriale dove se ne trovano altri e tutti molto convenienti a mio parere, 55 euro per 5 giorni di noleggio più un'assicurazione di 7 euro al giorno che ci consente di non lasciare i dati della carta di credito.

Ci consegnano una Polo ben messa e subito percorriamo la ME-1 la strada che attraversa l'isola da est a ovest per 50 km, raggiungiamo velocemente la costa ovest e Cala Santandria dove abbiamo prenotato per il nostro soggiorno sull'isola all'hotel Playa Santandria che si affaccia proprio sulla bella caletta. Siamo arrivati presto e ci chiedono di pazientare un po' prima della consegna della camera, ne approfittiamo allora per fare un giro lungo questa bella caletta, la spiaggia è piccola ma con una sabbia bianca e fine, il mare azzurro e trasparente si trova in una lunga insenatura ideale per chi ama il nuoto di fondo. La stanza è pronta velocemente, sistemiamo i nostri bagagli e partiamo diretti verso la nostra prima spiaggia minorchina facendo prima una tappa in un negozio dove compriamo del cibo per la giornata.

Vogliamo sfruttare la bella giornata e ci dirigiamo verso la costa di sud-est dove si trovano le calette più suggestive, all'imbocco della strada che porta verso sud un cartello elettronico indica se ci sono posti macchina disponibili nelle varie calette, per chi vuole visitare le più affollate e bene partire presto perché oltre ai parcheggi non c'è altro posto dove lasciare l'auto. Dato l'orario siamo costretti a scegliere l'unica spiaggia con posti auto disponibili, raggiungiamo così Cala Son Saura che anche a causa della domenica è molto affollata, la spiaggia è grande con una sabbia bianca e fine e un mare limpido e azzurro, unica pecca è l'eccesso di posidonia, un'alga molto presente ma che contribuisce anche al mantenimento di un acqua così bella. Piantiamo i nostri ombrelloni e ci godiamo il resto della giornata fra bagni, letture,panini e una bella passeggiata lungo la costa fino a Cala des Talaier, qui il colore dell'acqua è davvero incredibile. Si fa sera e cominciamo a sentire il peso della sveglia notturna, giusto il tempo di ammirare il tramonto dalla caletta Santandria per poi salire in camera.

Lunedì 18

Dopo una bella dormita ci alziamo con calma anche perché le previsioni meteo non sono buone, facciamo la nostra prima colazione in hotel in una bella sala affacciata sul mare, un bel panorama arricchito da tante anatre che si godono un bagno di primo mattino, la colazione e molto buona ricca e varia.

Il lunedì è giorno di mercato nella vicina Ciutadella perciò ne approfittiamo per visitare anche l'antico capoluogo dell'isola prima che Mahon ne prendesse il posto. Il centro storico è caratterizzato da stradine strette e acciottolate su cui si affacciano balconate che ricordano la Spagna coloniale, il mercato si trova in placa de Born dove si affaccia anche il bellissimo municipio

  • 19204 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social