Destinazione Azzorre

Natura, relax e vita di mare a Faial e Sao Miguel

  • di *Margie*
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Cercavamo una meta naturalistica e abbiamo trovato un piccolo eden fatto di filari di ortensie, piantagioni di tè, piscine termali naturali, deserti lavici, spiagge nere e l’immensità dell’oceano.

Abbiamo organizzato il viaggio da soli a marzo, e il nostro itinerario è stato: Lisbona (6-9 agosto), Isola di Faial (9-12 agosto), Isola di Sao Miguel (12-17 agosto), Lagos e Algarve (17-23 agosto).

Abbiamo modulato il viaggio in questo modo sia perché non ci sono voli diretti sulle Azzorre dall’Italia, sia perché volevamo fare qualche giorno di mare in Algarve a fine vacanza.

Ma veniamo alle Azzorre

9 agosto – atterriamo nel tardo pomeriggio all’aeroporto di Horta con un bellissimo sorvolo sulle isole di Faial e di Pico, ma anche un brivido per la vicinanza delle scogliere e dei faraglioni. Le operazioni aeroportuali si sbrigano velocemente perché l’aeroporto è piccolo, all’uscita c’è un desk dell’ufficio del turismo a cui rivolgersi per info sull’isola o prenotazioni alberghiere e i banchi degli autonoleggi. E’ indispensabile prenotare la vettura dall’Italia perché al nostro arrivo erano esaurite. Dopodiché abbiamo preso possesso della stanza in una delle strutture di Turismo Rural e siamo andati subito nel paesino dove c’era la Festa del Mare (prima settimana di agosto) con atmosfera godereccia, balli popolari e ristoranti tendati.

10 agosto – dopo aver trovato un po’ di nebbia sulla Caldeira siamo scesi e abbiamo fatto il periplo dell’isola, che consiglio di percorrere in direzione di Pico in modo da avere scorci fotografici sul vulcano. Il Pico ha qualcosa di magico e ricorda il Fuji come rappresentato nei cartoni animati giapponesi. Nel pomeriggio abbiamo fatto whale-watching con uno dei due operatori che si trovano direttamente alla marina ma abbiamo visto “solo” diverse tipologie di delfini. Le balene australi transitano a maggio e i capodogli sono stati avvistati più al largo. Comunque le escursioni sono molto ben organizzate, è possibile fare snorkeling con i delfini e ci sono le vedette da terra che segnalano la presenza o meno di cetacei.

11 agosto – torniamo alla Caldeira per vederla con il favore del sole e si apre ai nostri occhi un panorama bellissimo, così ci avviamo per il sentierino da dove si snodano diversi percorsi dagli 8 ai 20 km. Dopo una passeggiata scendiamo per prendere il sole nei pressi della piscina naturale sotto il Capelinho, visitiamo il centro vulcanologico e saliamo sul Capelinho. Più saliamo e più abbiamo la sensazione di essere sulla luna, intorno a noi solo terra nera, lapilli, venature basaltiche, accenni di muschi e poi di nuovo il blu dell’oceano, l’azzurro del cielo e il verde intenso della terra non colpita dall’ultima eruzione del 1956-57.

Accaldati e stanchi decidiamo di rilassarci nelle piscine naturali di Varadouro. Le piscine sono ricavate fra gli scogli e farvi il bagno è veramente particolare: da fuori assomigliano ad una piscina artificiale ma una volta che ci si tuffa si è nel mare, fra i pesci e con le onde che infrangendosi sugli scogli alimentano la piscina.

12 agosto – visitiamo il museo delle balene (ex fabbrica di lavorazione dell’olio), stiamo un po’ sulla spiaggia di Porto Pim e poi andiamo su quella più grande di Almoxarife. Per poi lasciare l’isola nel tardo pomeriggio, direzione Sao Miguel.

13 agosto – anche a Sao Miguel è indispensabile avere l’auto, così ci rechiamo subito a Sete Cidades, ossia una formazione lacustre con un lago azzurro e uno verde. Dato che troviamo nebbia, scendiamo e costeggiamo verso Ribeira Grande con una fermata intermedia per mangiare un’ottima cataplana a Rabo dei Peixe. Proseguiamo per Porto Formoso per vedere le uniche piantagioni di tè in Europa e visitiamo sia Chà Porto Formoso, sia Chà Gorreana. In entrambi i casi ci offrono il tè e passeggiamo fra i macchinari in funzione e gli addetti ai lavori

  • 20338 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social