Il salisburghese in una settimana

Il salisburghese in una settimana Viaggio effettuato dal 19 al 26 agosto 2000 Abbiamo scelto come "base" kaprun che e' un paese bello e tranquillo, comodo per raggiungere salisburgo e anche per andare in Tirolo o arrivare in Baviera. Da ...

  • di Alberta Lasi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Il salisburghese in una settimana Viaggio effettuato dal 19 al 26 agosto 2000 Abbiamo scelto come "base" kaprun che e' un paese bello e tranquillo, comodo per raggiungere salisburgo e anche per andare in Tirolo o arrivare in Baviera. Da bologna Kaprun dista circa 460 km.

Noi abbiamo cercato di effettuare le visite un po' piu' impegnative i primi giorni, lasciando quelle piu' "riposanti" alla fine per non rientrare a casa troppo stanchi. Le cose da vedere sono moltissime.

1° giorno - interamente dedicato a percorrere la magnifica strada (a pagamento) Grossglockner Hochalpenstrasse che porta fino in Carinzia ed ha una mutazione di paesaggi incantevole.

Prima sosta a ferleiten per visitare il wildpark con gli animali in semiliberta' con ampi spazi. Si sale sempre piu', sosta all'edelweisspitze (m.2571) dove si vedono 37 cime oltre i 3.000 m., Proseguendo si arriva ai ghiacciai, obbligatoria una sosta (orrendo parcheggio che deturpa tutto) al kaiser franz-josefs hole sul ghiacciao della pasterze, attenzione, le marmotte (bellissime ed obese!) richiamano l'attenzione ai bordi della strada, con un po' di pane stanno in posa a guardarvi per ore! 2°giorno - intera giornata dedicata alla spendida salisburgo, una vera chicca! Vi accompagnano per tutta la cittadina delle simpatiche mucche dipinte a seconda del "mestiere" o del negozio che rappresentano. Tutto il centro merita una visita, la mozartplatz, la residenzplaz con la presidenz e la fontana, la torre campanaria che suona musica classica alle 11, il duomo, alter markt... Le strade piu' belle sono la getreidegasse con tutte le insegne in ferro battuto e la judengasse con i negozi di natale o di uova decorate. Vale la pena di prendere la funicolare che porta alla fortezza di hohensalzburg dove si domina tutta la citta'. Da vedere anche il castello di mirabell con giardini.

3°giorno - ad hellbrunn - conviene visitare al mattino lo zoo molto curato (ha vinto numerosi premi) e lasciare al pomeriggio il castello con i giardini ed i giochi d'acqua, anche perche' spesso la sera si tengono spettacoli o concerti e vale la pena fermarsi.

4°giorno - la mattina e' dedicata alla visita della grotta di ghiaccio (eisriesenwelt), vero spettacolo della natura interamente in ghiaccio. L'unico neo del soggiorno e' stato questo, infatti e' l'unico posto dove non parlano neppure inglese o francese (figuariamoci l'italiano) e quindi non si riesce a capire la difficolta' della visita. E' freddissimo, migliaia di scalini in legno, non puoi fermarti anche se non ti senti bene perche' non essendoci illuminazione, (danno delle "lanterne" ogni tot. Di persone), se il gruppo prosegue e tu ti fermi sei fregato. E' difficile anche il percorso per arrivare alla grotta, il parcheggio e' a valle, poi una passeggiata porta alla funivia (che sale in verticale) e poi ancora un paio di km. (in salita) per arrivare all'entrata della grotta. Ho visto anziani e bambini in difficolta'. Consiglio questa escursione di mattina perche' se il sole"ciocca" svieni prima di arrivare all'entrata...

Nel pomeriggio visita a Werfen (nelle vicinanze) con il bellissimo castello/museo della falconeria. Due volte al giorno e' possibile vedere lo spettacolo con i rapaci, il piu' bello (del genere) che ho visto in assoluto. Avere un'aquila,un gufo ecc. Che ti passano proprio sopra i capelli e' una grossa emozione.

5° giorno - mattinata ad hallein - bad durrnberg a vedere la miniera di sal salzbergwerk saltmine. Interessante la visita e le spiegazioni corredate da filmati e ricostruzioni. All'entrata forniscono pantaloni e giacca da mettere sopra ai vestiti. Percorso in trenino, a piedi (si passa anche il confine con la germania) e su un battello su un lago salato. Caratteristica di questa miniera gli scivoli in legno ricostruiti come usavano i minatori per scendere ne sottosuolo.(che paura!, Ma i bambini si divertono un sacco!). All'esterno c'e' la ricostruzione di un villaggio celtico con case, tombe ecc

  • 19618 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social