L'Europa centrale in treno

Due amici, un lungo viaggio e pochissimi soldi. Un sogno impossibile ? No, una soluzione c’è ed è proprio riservata a noi cittadini della comunità europea.

  • di I Minou
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

L’InterRail, è un particolare tipo di biglietto ferroviario che, per la durata massima di un mese, rende liberi di circolare attraverso 30 paesi. Noi abbiamo scelto un Global Pass di 2ª cl valido 22 giorni, grazie al quale potremo viaggiare illimitatamente su tutti i treni e trasporti marittimi partecipanti all’offerta. Per motivi di tempo decidiamo di programmare solo le nazioni che visiteremo, i dettagli del viaggio prenderanno vita giorno dopo giorno. Così, 48 ore dopo, siamo pronti a partire con una buona attrezzatura da campeggio, qualche vestito, tantissimo entusiasmo e le nostre fedelissime Lonely Planet.

1° e 2° GIORNO

MONACO, CAPITALE DELLA BAVIERA

Partiamo da Bologna con il treno espresso delle 22.40 per arrivare a Monaco di Baviera sulle 6.30. Il viaggio è scandito dai numerosi controlli dei documenti, ma puntualissimi arriviamo alla stazione principale della città. Distrutti dal viaggio dormiamo tutta la giornata e ceniamo in un fast-food nelle vicinanze, dove ci accompagna una giovane coppia offrendoci un passaggio in auto.

Il secondo giorno, freschi e riposati iniziamo la visita da Marienplatz cuore pulsante della città, sulla quale si affaccia il Neues Rathaus con il suo famoso carillon. Di fronte ad esso sorge la chiesa di St Peterskirche dove salendo 297 gradini è possibile raggiungere la vetta della torre, dalla quale si gode una vista spettacolare. Arriviamo facilmente al Residenzmuseum che espone i tesori della dinastia Wittelsbach, ma veniamo scoraggiati dalla lunga fila per entrare. Quindi spostiamo il nostro interesse verso il Deutsches Museum, un edificio di 8 piani, che racchiude il museo della scienza e della tecnica più grande al mondo. Usciti, ci rifocilliamo con un sontuoso spuntino e riprendiamo la nostra passeggiata lungo Maximilianstrasse fino ad arrivare alla Max-Joseph-Platz dalla quale salutiamo la città, perché domani saremo già in partenza.

3° e 4° GIORNO

ESSEN, UNA CITTÁ SORPRENDENTE

Siamo diretti verso la regione della Ruhr. Abbiamo deciso che la prossima fermata sarà la città di Essen, grosso polo industriale, che secondo la nostra guida è in grado di riservare piacevoli sorprese al turista che decide di fermarvisi. In passato la vocazione industriale della regione rappresentava la città come la sede della Thyssen Krupp (da noi tristemente nota), mentre oggi i nuovi volti di Essen, Capitale europea della cultura nel 2010 assieme ad Istanbul, sono l’arte, l’opera e i grandi musei. Il viaggio dura circa 7 ore e dalla stazione, grazie ai mezzi pubblici, raggiungiamo con facilità lo Stadtcamping Essen-Werden.

Il giorno successivo dopo un abbondante colazione, ci muoviamo alla volta del centro. Famoso per lo shopping, con moltissimi negozi e grandi magazzini, sembra essere stato progettato per catturare i turisti, ma i prezzi non sono molto economici e lasciamo presto lo sfavillio delle vetrine dirigendoci verso la zona mineraria. Esempio di recupero ambientale, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio culturale dell’umanità, ospita il famoso Design Zentrum Nordrhein Westfalen (che raccoglie tutti i prodotti insigniti dal più prestigioso premio del design mondiale) e la sorprendente spirale del Palast der Projekte che costruita in tessuto ed illuminata dall’interno da la sensazione di entrare in una abatjour. Quest’ultima sorprendente istallazione-museo ospita 65 opere che vorrebbero essere per il visitatore altrettanti suggerimenti per migliorare se stesso ed il mondo

  • 9733 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social