Capodanno a Vienna

Innanzitutto bisogna dire che abbiamo probabilmente sbagliato periodo: a Dicembre i giardini del castello di Schonbrunn sono completamente spogli, in primavera le aiuole fiorite devono aggiungere un colpo d'occhio spettacolare. Anche se forse d'estate quei tre scoiattolini non sarebbero usciti ...

  • di cmalagoli77
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Innanzitutto bisogna dire che abbiamo probabilmente sbagliato periodo: a Dicembre i giardini del castello di Schonbrunn sono completamente spogli, in primavera le aiuole fiorite devono aggiungere un colpo d'occhio spettacolare. Anche se forse d'estate quei tre scoiattolini non sarebbero usciti allo scoperto sul vialetto ad un palmo di naso dagli obbiettivi delle nostre macchine fotografiche nel giardino all'inglese tutt'attorno la Gloriette, e sicuramente non avremmo neppure potuto usare le fontane completamente ghiacciate come improvviste piste di pattinaggio! Dalla cime della ruota panoramica il Prater completamente deserto e le giostre coperte da tali di plastica lascia un po' l'amaro in bocca, in compenso abbiamo fatto il pieno di visite guidate, pinacoteche, beisel (trattorie tipiche), pasticcerie e caffetterie.

La nostra visita è partita dal castello di Schonbrunn. Ovviamente grand tour, che, oltre agli appartamenti privati di Francesco Giuseppe e di Elisabetta, comprende anche le sale di rappresentanza settecentesche dell'epoca di Maria Teresa. Con nostro grande stupore le audio-guide e il guardaroba sono compresi nel prezzo! Non fatevi ingannare al Belvedere si pagano, addirittura all'Hofburg il guardaroba non esiste per cui ci toccherà scarrozzare tutto il giorno un'enorme zaino pieno di ogni tipo di souvenir per parenti e amici. Dopo un veloce giro nel parco, ci siamo riparati in una trattoria per ordinare la prima wiener schnietzel: la cotoletta di vitello impanata alla milanese che il maresciallo Radetzky, reso immortale dalla omonima marcia di Ravel, portò in dono all'imperatore rientrando trionfalmente a Vienna dopo aver represso nel sangue i rivoltosi lombardi durante le cinque giornate di Milano.

Nel pomeriggio, con la metro, ci siamo trasferiti in centro. Il biglietto può essere comodamente acquistato alla stazione utilizzando una colonnina automatica che può essere impostata anche il lingua italiana; è possibile scegliere una corsa singola oppure uno degli abbonamenti plurigionalieri. Dal palazzo dell'Opera in Karl Platz, seguendo gli sberluccichii delle vetrine alla moda di Kartner Strasse, siamo passati ai piedi del monumento alla peste del 1679 sul Graben, per arrivare a Michaeler Platz con le vestigia della romana Vindobona immediatamente prospicienti l'ingresso del palazzo imperiale (Hofburg). Nel rientrare in albergo ci siamo fermati per una visita alla Kapuzinerkirke, la cripta in cui i frati cappuccini di Vienna custodiscono i sarcofagi di 140 appartenenti alla dinastia asburgica. Una curiosità per stuzzicare la macabra visita: le viscere asportate al momento dell'imbalsamazione sono conservate nelle catacombe della cattedrale di Santo Stefano, mentre i cuori degli imperatori e delle imperatrici sono custoditi nella cripta della chiesa degli Agostiniani. Pur trattandosi di arte funeraria, si dovrà ammettere che, in nessun altro luogo è possibile confrontare i vari stili decorativi che si sono succeduti nel corso dei secoli: opere tardo mediovali, barocche, neoclassiche e rococò, alcune piene di solenità, altre quanto mai sforzose, tutte racchiese in uno spazio ristrettissimo. Ultima nota campanilistica: nella penultima stanza, sono tumulati gli ultimi discendenti della famiglia ducale di Modena, che prende il nome d'Austria-Este per il matrimonio dell'arciduca Ferdinando, quartogenito dell'imperatrice Maria Teresa e di Francesco di Lorena, con la ducessa Maria Beatrice Cybo-d'Este unica figlia del duca di Modena Ercole d'Este e della duchessa di Massa e principessa di Carrara Maria Teresa Cybo-Malaspina, che ha il suo capostipite nel duca Francesco IV deposto dai suoi possedimento durante moti risorgimentali

  • 1536 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social