A Vienna con mio figlio

Ciao! essendo amante dei viaggi e delle belle città d'arte, quest'anno ho deciso che avrei fatto un piccolo tour di Vienna, la città del mitico Rex cane poliziotto, con mio figlio Federico di 8 anni. Dopo un week-end di ricerca ...

  • di sabrifede
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ciao! essendo amante dei viaggi e delle belle città d'arte, quest'anno ho deciso che avrei fatto un piccolo tour di Vienna, la città del mitico Rex cane poliziotto, con mio figlio Federico di 8 anni.

Dopo un week-end di ricerca sui vari siti, riesco a trovare, a fine giugno, un'offerta su Expedia per A/R in aereo da Malpensa a 297 Euro in due: volo Austrian Aerlines, comodo, puntuale con l'unica pecca che le brave hostess non parlassero una parola d'italiano, ma questo handicap è stato brillantemente superato dal mio little english che è molto little ma sufficiente.

Per l'hotel mi sono affidata ai consigli degli utenti di booking.Com e, devo dirlo, come scelta è stata ottima: l'hotel Am Augarten si trova nella zona del Prater, a 50 mt dalla fermata del tram n.21, comodissimo, pulito, colazione abbondante e grande cortesia del personale. Per la prima volta ho utilizzato la carta Postepay e devo dire che funziona perfettamente e senza intoppi.

L'8 agosto siamo partiti alle 8.30 da Malpensa, con il solo bagaglio a mano (3 giorni del resto sono veramente pochi e ho portato il minimo indispensabile per la sopravvivenza) . L'aereo è atterrato puntuale alle 10 e per prima cosa ci siamo recati all’ufficio informazioni per la Vienna card che permette di viaggiare per 72 ore dall’obliterazione su tutti i mezzi pubblici, nonché di usufruire di sconti nei vari musei. Per raggiungere Vienna dall’aeroporto, abbiamo utilizzato il treno S7 che in poco più di mezz'ora porta nella zona di Praterstern-Wien Nord o di Wien-Mitte da dove si possono raggiungere comodamente tutte le zone della città: il costo è molto basso circa 3 Euro in due(i bambini fino ai 15 anni con la Vienna card viaggiano gratis!). Arrivati a Praterstern ci siamo diretti in hotel per il deposito bagagli (abbiamo utilizzato il tram 21 molto comodo) e poi al supermercato Billa che distava circa 200 mt dall'hotel. Qui abbiamo fatto i rifornimenti di cibarie e bevande e poi siamo andati subito al Prater. Questo parco non è un granché: ci sono molte attrazioni stile Luna-Park tra cui il trenino che fa il giro del parco e altre giostre ma più di tanto non merita, o meglio, a me non ha impressionato. Per accontentare Federico abbiamo fatto solo 3 attrazioni e poi con il tram 21 ci siamo diretti a SchwedenPlatz che è un po' il cuore di Vienna.

Da qui prendiamo il metro e ci dirigiamo verso il Belvedere. La temperatura è asfissiante e la cappa di calore ci fa sciogliere. Percorriamo il parco del Belvedere Superiore fino a quello Inferiore, sostiamo un poco all’ombra degli sporadici alberi e ammiriamo il panorama che è mozzafiato. Dal Belvedere andiamo poi a piedi fino a Schwarzenbergplatz e ammiriamo la strana fontana che domina la piazza (di sera è assolutamente da vedere perché illuminata a giorno da migliaia di luci colorate!). La calura è sempre più pesante, pertanto decidiamo di visitare Karlskirche e l’omonima piazza di Karlsplatz prima di terminare l’interminabile giornata in hotel per frugale cena a base di panini, doccia e nanna.

Il 9 agosto la sveglia suona prestissimo complice la serata precedente terminata molto presto causa stanchezza. Dopo l’abbondante colazione alle 8.00 siamo già sul metro direzione Hutteldorf. La nostra meta odierna è Schonbrunn. Consiglio spassionato: cercate di andarci presto, appena apre! Verso metà mattina le code per l’ ingresso sono già kilometriche, mentre di prima mattina potete godervi il parco e le stanze imperiali in tutta tranquillità! Noi optiamo per il Pass classic Light (sconto con Vienna card) che comprende l’ingresso alle stanze, al labirinto, alla Gloriette e al Giardino del principe ereditario. Forse non ne valeva la pena, ma alla fine si è a Vienna per cercare di vedere tutto! Giriamo in lungo e in largo il parco e troviamo anche dei graziosi scoiattoli che passeggiano alla ricerca di cibo. Meravigliosi! Verso le 14 lasciamo Schonbrunn e torniamo in centro per una prima visita allo Stephansdom. La cattedrale è immensa e imponente anche se le facciate erano un poco sporchine. Ci incantano le carrozze tirate dai cavalli, i mimi che sembrano statue. Federico è entusiasta di questa città e mi fa stare più di mezz’ora in contemplazione dei cavalli. Proseguiamo poi la nostra visita: passeggiamo nel Graben, sulla Am Hof, ci soffermiamo davanti all’Anker Ruhr, l’orologio che tutti i giorni a mezzogiorno fa sfilare i più grandi personaggi che hanno reso grande Vienna. Sfiniti e accaldati decidiamo poi di farci un giretto sul tram n.1 che percorre il Ring la strada sulla quale si affacciano i grandi edifici della capitale. Questo giretto lo consigliamo: non solo perché permette di riposare ma perché mostra una Vienna fuori dal comune e in modo insolito. Scendiamo alla fermata del Rathaus e visitiamo i giardini del municipio e la zona circostante: se avete bambini con voi, fateli scorazzare nel giardinetto con scivoli, altalene e sabbia. Loro si divertiranno e voi vi godrete un po’ di riposo e frescura tra gli alberi. Dopo questa tregua, riprendiamo il tram e torniamo nella zona di Schwedenplatz dove mangiamo al McDonald e poi ci godiamo un po’ la città in notturno ma, ahimè, un violento acquazzone ci fa tornare di corsa in hotel

  • 4038 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social